Anche l’attesa per l’inizio della nuova stagione di Formula 2 è terminata. Questo fine settimana, infatti, il Bahrain International Circuit, sede del secondo appuntamento del Mondiale di Formula 1, vedrà scendere in pista la serie propedeutica per eccellenza. Grazie anche alle recenti novità regolamentari, questo campionato promette grande equilibrio fra i dieci team al via, anche se delle prime indicazioni sono già venute fuori dalle due sessioni di test pre-stagionali di Le Castellet e Sakhir.

Con l’abbandono delle ormai datate Dallara GP2/11 in favore delle moderne F2 2018, è infatti difficile individuare al momento chi sia riuscito a mettere a punto al meglio la nuova monoposto della casa di Varano de’ Melegari. Come già ormai noto ai più, questo cambio di vettura è stato attuato per rendere più simili alle attuali F1 anche le nuove vetture, dotate anch’esse di motore sovralimentato (tuttavia non ibrido) e del nuovo dispositivo di sicurezza Halo.

Saranno sempre dieci i team al via, ma con due novità rispetto allo scorso anno: dopo due anni torna nella categoria Carlin, mentre Charouz fa il suo esordio assoluto, con Racing Engineering e Rapax che hanno invece abbandonato la serie.

Nella entry list dei piloti, ufficializzata definitivamente soltanto questa settimana, compaiono ben 7 rookie, che tenteranno subito di mettersi in mostra per cercare di battere i veterani di questo campionato. Tra questi ultimi sicuramente vanno menzionati Artem Markelov e il nostro Luca Ghiotto, ex compagni di squadra in Russian Time che quest’anno tenteranno di giocarsi il titolo. Cambio di casacca per entrambi gli italiani quest’anno, con il vicentino approdato quest’anno in Campos e Antonio Fuoco in forza al team Charouz.

Da tenere d’occhio anche il campione in carica della Formula 3 Lando Norris, in forza al team Carlin, autore di ottime prestazioni nei test. Occhi puntati anche sul campione GP3 George Russell, approdato in F2 sempre con il team ART GP.

I weekend di gara quest’anno saranno ben 12, tutti al seguito della F1, e con ultimo appuntamento ad Abu Dhabi il 25 novembre. Di seguito il calendario completo e la entry list:

Data

Luogo

06-08 aprile

Sakhir, Bahrain

27-29 aprile

Baku, Azerbaijan

11-13 maggio

Barcellona, Spagna

24-26 maggio

Monte Carlo, Monaco

22-24 giugno

Le Castellet, Francia

29 giugno – 01 luglio

Spielberg, Austria

06-08 luglio

Silverstone, Gran Bretagna

27-29 luglio

Budapest, Ungheria

24-26 agosto

Spa-Francorchamps, Belgio

31 agosto – 02 settembre

Monza, Italia

28-30 settembre

Sochi, Russia

23-25 novembre

Yas Marina, UAE

 

Carlo Luciani

 

{jcomments on}

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.