Scuderia Ferrari e WIM, commissione FIA volta a sostenere ed incentivare la presenza delle donne nel motorsport, siglano un accordo pluriennale per portare due rappresentanti femminili nella FDA. 

“Rising Stars”

Arriva oggi un importante e interessante annuncio per l’attuazione dei progetti della Commissione FIA Woman in Motorsport. Come spesso accade si tratta di un’iniziativa di scouting e il primo partner importante a sostegno è la Scuderia Ferrari.

Nasce il “FIA Girls on Track – Rising Stars”, volto a individuare e coltivare il talento femminile nel motorsport. Il progetto ha lo scopo di identificare i migliori talenti femminili di età compresa tra 12 e 15 anni provenienti da tutto il mondo. L’obiettivo è aiutare a raggiungere una carriera professionistica nell’automobilismo, proprio a partire dall’età più critica della crescita.

Il ruolo di FDA

Con il sostegno di FIA Innovation Fund, a favore dei nuovi progetti volti al futuro, la Commissione Women in Motorsport può raggiungere un importante traguardo collaborando con la squadra di Maranello e la sua Ferrari Driver Academy (FDA).  L’accordo di collaborazione quadriennale siglato con la Scuderia Ferrari  potrebbe così portare le due più promettenti ragazze ad entrare nel programma FDA. L’Academy del Cavallino è in essere da poco più di 10 anni e ha avuto una ventina di allievi, tra i quali Charles Leclerc.

Al termine di un articolato processo di selezione, Ferrari Driver Academy avrà la possibilità di selezionare una delle quattro ragazze che entrerà a tutti gli effetti a far parte del vivaio di giovani piloti della Scuderia e sarà schierata al via di uno dei campionati nazionali di FIA Formula 4. Lo stesso processo di selezione si ripeterà l’anno seguente. Nel 2022 Ferrari Driver Academy avrà due ragazze nei propri ranghi.

Dichiarazioni

“FIA Girls on Track – Rising Stars è un altro immenso passo in avanti. Abbiamo un’opportunità concreta di trovare, sviluppare e supportare le giovani donne nel motorsport”, ha affermato Michèle Mouton, Presidente della Commissione FIA Women in Motorsport. “Essere in grado di collaborare con Ferrari, il nostro primo partner del programma, è un riconoscimento fantastico dei progressi che continuiamo a fare dopo 10 anni di lavoro della nostra Commissione. È un accordo pluriennale stimolante che speriamo possa far sì che due piloti vincenti diventino le prime pilote donne della Ferrari. Questo è un obiettivo importante e sarebbe un momento storico per la nostra Commissione Women in Motorsport.”

Anche le parole di Mattia Binotto della Scuderia Ferrari esprimono entusiasmo: “Siamo davvero lieti di collaborare con la FIA a questo innovativo programma Girls on Track – Rising Stars. Crediamo fermamente nel valore di aiutare i giovani a svilupparsi nello sport automobilistico. La FDA opera ormai da oltre un decennio, non solo selezionando i migliori driver, ma anche lavorando sulla loro educazione culturale, tecnica ed etica. Con questo in mente, abbiamo ritenuto che dovevamo fare uno sforzo ulteriore per espandere la nostra area operativa per includere le giovani donne che vogliono andare avanti nello sport automobilistico. Sebbene non vi siano ostacoli concreti alla loro partecipazione, siamo consapevoli che per le donne è più difficile progredire in questo campo. Ecco perché abbiamo risposto con entusiasmo all’iniziativa e crediamo di poter aiutare a introdurre ancora più giovani donne in questo fantastico sport.”

Binotto conclude con un ricordo all’indimenticabile Lella Lombardi: “Chissà, forse un giorno vedremo ancora una volta una donna che gareggia in Formula 1 per la prima volta dopo il 1975.”

Anche Laurent Mekies si dichiara fiducioso in merito alle potenzialità del programma. Il Responsabile FDA e Direttore Sportivo Scuderia Ferrari indica questa partnership “una pietra miliare per la Ferrari Driver Academy”.

Tra gli altri partner ci sarà il marchio globale Pirelli, rinomato per la sua tecnologia all’avanguardia. “Per Pirelli è un piacere sostenere questa iniziativa. E’ totalmente in linea con la nostra tradizione”, ha affermato Mario Isola, responsabile F1 e Car Racing di Pirelli. “Pirelli sostiene programmi dei giovani piloti da molti anni ed è stato coinvolto con la FIA in diverse campagne incentrate su sostenibilità e sicurezza. FIA Girls on Track – Rising Stars riunisce tutto il meglio di questi punti. Ha molte caratteristiche per scrivere una pagina importante sulla storia dello sport automobilistico.”

Dettagli dell’iniziativa

Entriamo più nel dettaglio del progetto che ha visto la luce all’inizio di quest’anno. Con una rilevazione a livello mondiale, le 145 autorità sportive nazionali della FIA hanno nominato delle promettenti giovani con esperienza nazionale o internazionale. Venti piloti provenienti da cinque continenti sono già state selezionate. Saranno ora invitate a un evento in ottobre presso la Winfield Racing School, storica scuola con sede sul Circuito Paul Ricard. Da qui, 12 piloti saranno selezionate per sottoporsi a due diversi training dedicati al kart e alla Formula 4 in ottobre e novembre.

La Commissione FIA Woman in Motorsport ha fatto grandi passi in avanti riuscendo ad avere  importanti supporti per i grandi obiettivi che si pone.

I rumours possiamo dire si sono cosi concretizzati. Proprio all’inizio dell’anno si parlava dell’approdo di una figura femminile nella Ferrari Driver Academy e possiamo ora affermare che il processo è iniziato.

DI sicuro “Girls on Track – Rising Star” sarà un progetto FIA WIM da seguire e monitorare nel corso dei prossimi mesi.

F1 | BINOTTO APRE AL GENTIL SESSO: ”PRESTO UNA DONNA NELLA FDA”

Anna Mangione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.