A darne notizia è stata la Mercedes che con un comunicato ha, di fatto, completato un processo che aveva visto già dallo scorso anno Aldo Costa essere meno coinvolto nelle questioni tecniche del team Campione del Mondo. Il nuovo contratto andrà in vigore dall’inizio del 2020, con il tecnico emiliano che concluderà il suo rapporto con la casa di Stoccarda alla fine di questo mese.




Dal 1995 in Ferrari, il 30 settembre 2011 Aldo Costa è passato in Mercedes con cui in 8 anni ha praticamente vinto tutto quello che c’era da vincere. Poi, il crescente desiderio di avvicinarsi alla famiglia, lo ha portato nel luglio 2018 a rinunciare al suo incarico di Direttore Tecnico per rivestire quello meno impegnativo di consulente.

Fino alla decisione comunicata oggi del passaggio alla Dallara dove ricoprirà il ruolo di Chief Technical Officer per l’azienda di Varano De’ Melegari, un progetto avuto in mente fin dagli inizi della sua carriera: “Da quando sono tornato dal mio ruolo di Direttore tecnico, mi sono divertito a supportare il team durante questa stagione e ho anche cercato la mia prossima sfida oltre la Formula 1. Dopo molti anni di lavoro ai vertici del nostro sport, sono entusiasta di poter contribuire, con ciò che ho imparato, ad altre categorie e ai progetti automobilistici ad alte prestazioni al di fuori delle corse. Ricordo di aver scritto a Giampaolo all’inizio della mia carriera per un lavoro – all’epoca non c’era nulla disponibile, ma era in grado di aprirmi alcune porte nel settore. Ora, molti anni dopo, mi sembra che la ruota sia tornata al punto di partenza e sono orgoglioso di unirmi a questa iconica compagnia del motorsport italiano. Una delle mie passioni personali è quella di guidare e far crescere i giovani talenti, e sarà un obiettivo per me aiutare ad attrarre e sviluppare le prossime generazioni di talenti ingegneristici italiani alla Dallara negli anni a venire. Infine, grazie ancora a tutti i miei amici e compagni di squadra della Mercedes; è stato un privilegio straordinario far parte dello sviluppo e del successo del team. Siamo stati in grado di creare un gruppo incredibilmente forte per affrontare le sfide del futuro“.

Ovviamente entusiasta anche la Dallara che, per bocca del CEO Andrea Pontremoli, ha espresso tutta la propria soddisazione per il raggiunto accordo: “Per tutti noi di Dallara, a partire dal nostro Presidente Giampaolo Dallara, l’ingresso di Aldo nel team è una meravigliosa opportunità. Ci consentirà di armonizzare le nostre funzioni tecniche al fine di sviluppare ulteriormente le capacità e le conoscenze di Dallara e di preparare la società alle sfide future che dovremo affrontare insieme. Aldo ritorna nella “motor valley” italiana, un territorio dove è nato e formato professionalmente, mettendo a disposizione la sua significativa esperienza nel motorsport sia per la nostra azienda che per il mondo accademico e universitario attraverso i programmi Innovation Farm e MUNER, che stanno diventando il pilastri per lo sviluppo di giovani appassionati di sport motoristici e supercar“.

Non poteva mancare il commiato della Mercedes affidato alle parole del Team Principal Toto Wolff: “Aldo è stato uno dei pilastri del nostro team da quando è entrato nel 2011 e ora ci lascia con la stessa dignità e professionalità che hanno caratterizzato i suoi anni con noi. La passione di Aldo per le corse brucia intensamente, sia nell’ufficio tecnico che, a volte, anche nel cockpit. Voleva tornare in Italia per trascorrere più tempo con la sua famiglia e ha ancora molta energia e competenza per contribuire alla comunità degli sport motoristici. Il suo nuovo ruolo con Dallara è un’opportunità fantastica e sono lieto che abbia trovato un ruolo così gratificante in cui perseguire la sua carriera e contribuire con le sue conoscenze a quasi tutti i livelli del motorsport globale. A nome di tutti alla Mercedes, vorrei augurargli grande successo in questo prossimo capitolo“.

Da Monza – Vincenzo Buonpane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.