Nell’ultima giornata della prima tre giorni di test è stata la Red Bull ad effettuare una doppia simulazione di gara. Al mattino Verstappen, che ha copiato le scelte di compound di Mercedes, simulando i 66 giri di Barcellona con gomma C2. Al pomeriggio un Albon più lento ha provato le gomme C1, C2 e C3.

Nella nostra analisi andiamo ad analizzare la simulazione passo gara di Hamilton con quella fatta oggi da Verstappen.

PRIMO STINT

Nel primo stint la Mercedes appare in evidente vantaggio, infatti il team tedesco non è mai andato sopra 1:23, cosa che succede in ben cinque tornate se si guarda il run di Max Verstappen. Anche nella media del run si nota un bel vantaggio di quasi sei decimi in favore di Mercedes. Unica nota positiva per Red Bull il degrado gomme, che nel primo stint appare molto contenuto.

SECONDO STINT

Iniziato con due tempi d’attacco abbastanza in linea fra di loro, il run della Red Bull prosegue abbastanza male fino alla bandiera rossa, che ne ferma il run. Al successivo rientro in pista va nettamente più lenta di Mercedes, portandosi un distacco di quasi un secondo di media. Anche il valore dedicato al gap medio dei giri subisce una grossa impennata, abbastanza anomala se paragonato a quello del primo stint.

TERZO STINT

Storia simile all’inizio del terzo stint, con Red Bull che ha un time attack superiore solo di due decimi rispetto alla Mercedes, ma poi inizia a crollare verso un passo di 1:21, con Mercedes addirittura sotto 1:20. Alla fine del run la differenza media è di circa nove decimi, con un degrado gomme abbastanza evidente.

Il passo gara di Albon, come detto, è stato più lento rispetto a quello di Verstappen, ma mostrando un degrado più contenuto dell’olandese. Forse Red Bull si è nascosta? Lo scopriremo la prossima settimana.

Al momento pare evidente che siano dietro alla Mercedes, difficile se non impossibile quantificare il distacco.

E LA FERRARI?

La rossa oggi ha avuto una giornata complicata, con Sebastian Vettel costretto a fermarsi a bordo pista nel corso della mattinata per un problema alla power unit. Nel pomeriggio solito lavoro con run corti, tranne l’ultimo, nel quale il tedesco ha lavorato con la gomma C2. Analizzandolo potrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere la seconda parte di simulazione passo gara con dei tempi simili a quelli della Red Bull, ma con un degrado simile alla Mercedes. Come sempre questi sono tempi da prendere con le pinze, non sapendo quando i team spingono e quando alzano il piede per falsare la prestazione, ma quello che appare evidente al momento è che Mercedes guida il gruppo.

Leggi anche: F1 | MONTMELO’, TEST DAY 2: MERCEDES HA FATTO DUE SIMULAZIONI DI GARA IN UN GIORNO!

Francesco Magaddino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.