Proprio nel weekend del Gp del Giappone, ma soprattutto in seguito alle polemiche scatenatesi negli ultimi dieci giorni, la Renault ha ufficializzato l’arrivo di Marcin Budkowski all’interno del team fino al 2020. Per la scuderia francese si tratta di un vero e proprio colpo, dato che l’ingegnere polacco fino a poco più di una settimana fa ricopriva il ruolo di responsabile tecnico della FIA, ovvero di colui che ha il compito di approvare tutti gli aggiornamenti sulle monoposto del Circus.

Già nello scorso weekend, in Malesia, si erano accese delle discussioni su questa figura, ritenuta una pedina veramente importante nel mercato dei tecnici. Grazie al suo precedente ruolo, infatti, Budkowski potrebbe girare alla Renault dei segreti riguardanti le altre vetture, in modo da poter sviluppare allo stesso modo quei componenti, sfruttando magari anche dei cavilli del regolamento FIA.

Ovviamente, però, il tecnico non potrà immediatamente essere utile nel suo nuovo ruolo (almeno per quanto riguarda lo sviluppo del telaio della RS32) ma dovrà rispettare un periodo di gardening di tre mesi, imposto dalla stessa FIA. Sul sito Renault Sport si possono inoltre leggere le dichiarazioni del team principal Cyril Abiteboul, che ha dichiarato: “Ci sono stati molti cambiamenti positivi negli ultimi mesi con un’espansione di personale a Enstone senza considerare la ristrutturazione della factory di Viry Chatillon dove si preparano i motori. Dovremo fornire oltre al team ufficiale anche altre due squadre top per il 2018, e dobbiamo difendere i tre titoli in fila conquistati in Formula E e in altre categorie. Tutto questo sta accadendo in un contesto in cui le stagioni sono più lunghe e più intense. Era chiaro che la nostra struttura avesse bisogno di rinforzi. La missione di Marcin sarà quella di rafforzare la factory di Enstone per consentire a Renault di tornare a essere un top team di F.1 entro il 2020, facendo affidamento su personaggi storici come Bob Bell, Nick Chester e Rob White”.

A questo punto le voci in circolazione da diversi giorni sono state confermate, scatenando la reazione delle altre scuderie, che di certo non hanno accolto con favore la notizia: i team manager nei giorni scorsi si sono incontrati a tal proposito, invocando un periodo di gardening più prolungato, e soprattutto sottolineando la necessità di poter usufruire di un rapporto di fiducia con la Federazione che in casi simili non può che venire a mancare.

Carlo Luciani

 

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.