E’ tempo di bilanci in casa Pirelli, al termine della quinta stagione consecutiva che ha visto la Casa milanese nella veste di fornitore unico di pneumatici per il Mondiale di Formula 1. Ma è soprattutto tempo di numeri, che come di consueto vengono snocciolati in abbondanza. Numeri che rendono l’idea dell’enorme mole di lavoro svolta dagli uomini Pirelli, non soltanto per quanto riguarda la parte più “visibile”, ovvero quella strettamente legata a tutto ciò che concerne gli pneumatici e la scelta delle mescole, ma anche per tutto quanto è stato svolto nel cosiddetto “dietro le quinte”: a partire dall’accogliente hospitality, vero e proprio punto di ritrovo per tutti i media italiani e non solo. Il tutto in attesa di rilanciare una nuova, grande sfida: quella che nel 2016 vedrà l’introduzione della nuova mescola Ultrasoft: “È stato un anno all’insegna dell’evoluzione – ha dichiarato Paul Hembery, Direttore Motorsport – con i team costantemente impegnati nelllo sviluppo tecnico delle monoposto, introdotte a inizio 2014 per il nuovo regolamento con motore turbo ibrido. Come sempre, la curva dello sviluppo tecnico ha accelerato nell’ultima parte del campionato, spremendo al massimo le vetture e mettendo a dura prova gli pneumatici. Abbiamo raggiunto l’obiettivo di 1-2 pit-stop a gara, in un campionato in cui l’interesse sportivo è stato spesso assicurato dalle diverse strategie motivate dalle gomme. Nel 2016 avremo un nuovo regolamento relativo agli pneumatici e porteremo in pista una nuova mescola ultrasoft”. Ma eccoli, in rassegna, tutti i numeri della stagione 2015 firmati Pirelli:

PNEUMATICI
• Numero totale di pneumatici forniti nel 2015: 35.964
• Di questi, 29.856 a disposizione nei fine settimana di gara e 6.108 nei test
• Su 35.964 pneumatici, 25.004 slick e 10.960 rain o intermedie
• Numero totale di pneumatici effettivamente utilizzati nei fine settimana di gara:
17.580, di cui 16.288 slick e 1.292 da bagnato
• Numero totale di pneumatici riciclati: tutti
• Maggior numero di km percorsi da ciascuna mescola (no test): Hard – Sainz (1.794 km)
Media – Massa (5.224 km) Soft – Rosberg (5.480 km)
Supersoft – Verstappen (1.838 km) Intermedia – Vettel (482 km)
Wet – Rosberg (297 km)

PIT STOP
• Numero totale di pit stop: 706 (di cui, 8 drive-through ed 1 stop & go). Una media di 37,1 per gara e 1,88 per pilota
• Maggior numero di pit stop in una gara: 60 nel Gran Premio di Ungheria
• Minor numero di pit stop in una gara: 17 nel Gran Premio di Australia

SORPASSI
• Numero totale di manovre di sorpasso: 509 (*) – una media di 26,8 per gara
• Maggior numero di sorpassi in una gara asciutta: 60 nel Gran Premio di Malesia
• Maggior numero di sorpassi in una gara bagnata: 39 nel Gran Premio degli Stati Uniti
• Minor numero di sorpassi in una gara asciutta: 11 nei Gran Premi di Australia e Singapore
• Pilota autore di più sorpassi: Max Verstappen, 49
• Pilota autore di più sorpassi in un GP: Sebastian Vettel, 13 in Canada
• Pilota meno sorpassato: Nico Rosberg e Lewis Hamilton, 3 volte ciascuno
• Pilota autore di più sorpassi al via: Fernando Alonso, 28 posizioni guadagnate nel corso del primo giro di gara sul totale dei Gran Premi
• Team con più sorpassi: Toro Rosso, 94 (Verstappen 49, Sainz 45)
• Team che ha subito meno sorpassi: Mercedes, 6 (3 volte Hamilton, 3 Rosberg)

(*) Criterio di calcolo dei sorpassi: si è calcolato ogni cambiamento di posizione effettuato durante i giri lanciati (escluso quindi il primo giro) e mantenuto fino alla linea del traguardo. Sono esclusi i cambiamenti di posizione dovuti a forti problemi meccanici o a doppiaggi/sdoppiaggi.

CIRCUITI E GARE
• Gara più lunga dell’anno: Singapore, 2 ore, 01 minuti e 22,118 secondi
• Gara più breve dell’anno: Italia, 1 ora, 18 minuti, e 00,688 secondi
• Gara più veloce dell’anno: Italia, media del vincitore 235,903 kmh
• Velocità massima raggiunta in un GP dagli pneumatici Pirelli P Zero Formula Uno: 366,4 km/h (Pastor Maldonado nel Gran Premio del Messico)
• Maggior numero di giri veloci: Lewis Hamilton, 19 (8 in gara e 11 in qualifica)
• Maggior numero totale di giri in testa: 587 (Lewis Hamilton)

IL TEAM PIRELLI FORMULA UNO E I SUOI OSPITI
• Numero di componenti (in media) che partecipano ad ogni gara: 60
• Numero di nazionalità diverse all’interno del team Pirelli Formula Uno: 10
• Numero totale di lingue parlate dal team Pirelli Formula Uno: 14
• Numero totale di block-notes Pirelli distribuiti all’interno del paddock: 2.050
• Ospiti: 5.000
• Numero totale di cappellini “Podio Pirelli” venduti: 12.000

HOSPITALITY PIRELLI 2015
• Numero totale di pasti serviti nell’Hospitality Pirelli (compresi i test): 15.100
• Litri di acqua bevuta nell’Hospitality Pirelli: 8.600
• Chilogrammi di pasta cucinata dallo chef Pirelli: 800
• Numero di pizze cotte dallo chef Pirelli: 420
• Numero di diverse ricette di dessert preparati nell’Hospitality Pirelli: 55
• Numero di dessert mangiati nell’Hospitality Pirelli: 7.000

PIRELLI IN FORMULA UNO (DAL 1950)
• Gare: 299
• Vittorie: 140
• Pole position: 143
• Podi: 427
• Giri più veloci: 147
• Titoli Piloti: 10
• Titoli Costruttori: 5

ALTRI NUMERI INTERESSANTI
• Numero totale di piloti (compresi i terzi piloti e giovani piloti) che hanno guidato vetture di Formula Uno equipaggiate con pneumatici Pirelli dal 2010: 98
• Chilometri totali coperti da tutte le mescole P Zero nel 2015 (test, prove, qualifiche e gare): 308.797 (esclusi gli pneumatici prototipo utilizzati durante le prove). Così divisi per mescola: Hard 33.842; Medium 114.727; Soft 107.070; Supersoft 39.007; Intermedi 9.370; Wet 4.781
• Distanza percorsa nel 2015 in fase di test (tranne i fine settimana dei GP):
62.557 km
• Distanza percorsa nel 2015 in gara (GP): 99.416 km
• Numero di giri veloci (qualifiche e gara) da parte del campione del mondo: 19 (8 in gara e11 in qualifica)
• La velocità media più bassa con cui è stato vinto un GP nel 2015 (gara asciutta):
142,874 km/h (Nico Rosberg, GP di Monaco)
• Temperatura dell’asfalto più bassa registrata durante una gara (solo domenica): 20°C nel Gran Premio degli Stati Uniti. Temperatura dell’asfalto più bassa registrata durante un weekend di gara: 17°C negli Stati Uniti.
• Temperatura dell’asfalto più alta registrata durante una gara (solo domenica): 58°C nel Gran Premio di Malesia. Temperatura dell’asfalto più elevata registrata durante un weekend di gara: 58°C sempre in Malesia

• Temperatura ambientale più bassa registrata durante una gara (solo domenica): 15°C nel Gran Premio del Canada. Temperatura ambientale più bassa registrata durante un weekend di gara: 15°C in Canada.
• Temperatura ambientale più alta registrata durante una gara (solo domenica): 37°C nel Gran Premio della Malesia. Temperatura ambientale più alta registrata durante un weekend di gara: 38°C in Bahrein

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.