La seconda giornata di test al Montmelò ha visto Lance Stroll, baby talento di casa Williams, scendere per la prima volta in pista ufficialmente come pilota di Formula 1. La sua giornata di test si è conclusa però con largo anticipo per un errore in curva 9 che ha impedito alla scuderia di Grove di terminare il secondo giorno di test. Uscendo di pista il canadese ha infatti danneggiato l'ala anteriore della FW40. Purtroppo al box britannico il pezzo di ricambio non figurava nell'inventario, arrivato soltanto nella notte dalla factory. E così l'esordio di Stroll si è limitato ai 12 giri percorsi in mattinata.

 

Ai microfoni dei media, Lance è parso estremamente tranquillo nonostante l’imprevisto: “Ho avuto problemi di grip questa mattina. Era davvero molto basso. Abbiamo lamentato una rottura all’ala anteriore nel secondo run; nulla di grave, ma purtroppo mancando il pezzo di ricambio non è stato possibile tornare in pista. Sono cose che possono capitare a tutti – ha proseguito Stroll- in F1 la sfortuna spesso gioca un ruolo importante, le auto sono molto complesse. Ora dobbiamo concentrarci su domani. Torneremo a spingere per trovare il limite della macchina.” Il pilota Williams ha poi tenuto a precisare che l’errore non è stato conseguenza di un cattivo feeling con la nuova vettura ma, appunto, derivante da un basso livello di grip.

Durante questi test l’esperienza non conta, tutti stanno cercando di spingere al massimo per trovare il limite di auto completamente nuove.” Un affermazione incoraggiante per chi, come lui, è alla prima esperienza nella massima serie. Prima esperienza nella quale potrà contare su un veterano del volante qual è Felipe Massa.

Il canadese è però convinto che il brasiliano non sia in squadra solo per fare da balia al baby pilota canadese. “Felipe è un grande pilota ed un uomo squadra che tira fuori il meglio dai ragazzi che lavorano con lui. Io impererò molto da un pilota così. Ho guardato diversi suoi video di guida, ma sicuramente quando scenderemo in pista saremo avversari e cercherà in tutti i modi di battermi. Io dovrò fare del mio meglio per essere all’altezza in ogni occasione. Il team mi aiuta molto, però quando entro nell’abitacolo rimaniamo solo io e la macchina, quindi sta a me.” 

Per Stroll questa è la stagione di debutto in F1. Un debutto che è anche un salto di categoria molto grande, visto che fino alla scorsa stagione correva in F3, dove si è laureato campione europeo 2016 con 14 vittorie in 30 gare disputate. Spiazzando tutti ha affermato che tra F1 e F3 ci sono delle differenze, ma fino a un certo punto: “Sono entrambe auto da corsa con un motore e quattro ruote. Se un pilota è bravo lo è con qualsiasi automobile gli venga affidata.” Dichiarazioni importanti quelle di Stroll, che fanno trasparire un carisma importante del pilota di Montreal.

Per la stagione, il diciottenne non ha ancora dei chiari obiettivi fissati. “Al momento il mio pensiero, e quello del team, sarà macinare Km per capire meglio la macchina. Poi vedremo: l’idea sarà quella di pensare gara per gara e vedere come saremo messi su ogni circuito.”

Stamane è Felipe Massa a portare la FW40 sul circuito di Barcellona, mentre toccherà di nuovo a Stroll giovedì, l’ultimo giorno di test. Noi di LiveGP.it saremo ancora sul posto per raccontarvi ogni momento di questi test tramite i nostri profili social, ed il nostro sito sempre aggiornato con interviste e approfondimenti.

Alessandro Gazzoni

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.