Quasi nessuno, viste le premesse, avrebbe scommesso su una Ferrari protagonista nelle qualifiche di Singapore, invece Charles Leclerc, ballando nelle strade della città asiatica con movenze degne… del miglior John Travolta, s’impadronisce della pole-position, distanziando di quasi due decimi Lewis Hamilton. Per la Ferrari, l’inaspettata prestazione è ulteriormente impreziosita dal terzo posto in griglia conquistato da Sebastian Vettel.




Stando alle dichiarazioni della vigilia e all’indomani delle prime prove sul tracciato asiatico, le Ferrari avrebbero dovuto soffrire la natura del circuito di Singapore, molto diversa rispetto a Spa-Francorchamps e Monza, quasi “ostile” ai punti di forza della vettura di quest’anno: le prove libere del venerdì avevano confermato quanto pronosticato, nonostante un consistente pacchetto di aggiornamenti tecnici ad hoc portati per questo tracciato.

Già durante le ultime prove, però, si era visto che qualcosa in casa Ferrari si stava muovendo, anche se lo spauracchio degli assi nella manica in casa AMG Mercedes e Red Bull rimaneva sempre presente, dipingendo come miglior risultato nelle qualifiche non certo la pole position. La folle idea che la Ferrari potesse sentire la… “febbre del sabato sera” ha incominciato a materializzarsi in Q2 e poi con il primo (e unico) giro lanciato di Sebastian Vettel in Q3.

Charles Leclerc ottiene la sua terza pole position di fila: in pratica, una volta ritornato dalle vacanze estive, il monegasco è sempre scattato dal primo posto disponibile in griglia (tra l’altro poi ripetendosi anche in gara). Tra l’altro, per gli amanti delle statistiche, si tratta della quinta partenza al palo per Charles, evento che lo mette in testa a questa particolare classifica del 2019.

Il tempo di 1:36.217, ottenuto nell’ultimo giro utile, regola sia la prestazione mostruosa ottenuta da Vettel nell’unico giro lanciato della Q3, sia la magia di Hamilton che era risucito a sopravvanzare il tedesco all’ultimo assalto. Possiamo dire che il monegasco si “senta bene addosso” la Ferrari e che queste eccellenti prestazioni siano una logica conseguenza.

Sebastian Vettel chiude le qualifiche con un’ottima terza posizione e domani potrà scattare dal lato “buono” della pista. Il tedesco, chiamato a raddrizzare il risultato dell’ultimo fine settimana di gara a Monza, ha segnato il tempo migliore (1:36.437) durante il suo primo tentativo lanciato, rimanendo in pole per buona parte del Q3, ma poi non ha portato a termine l’ultimo tentativo.

La prestazione del tedesco, benché ottenuta non con le condizioni migliori disponibili, è solidamente davanti ai tempi di Max Verstappen o Valtteri Bottas, e solo due magie da parte di Leclerc e Hamilton hanno negato la partenza in prima fila al tedesco, migliorando di poco più di due decimi la sua prestazione. Rispetto ai suoi diretti avversari, la telemetria mostra come un ulteriore giro avrebbe potuto migliorare i tempi nel terzo settore della pista.

Con un Sebastian Vettel che rilascia dichiarazioni ottimiste per domani e un Charles Leclerc in pole, cosa possiamo aspettarci dalle Rosse di Maranello per la gara? Come sempre, lo scopriremo solo vivendo. Per ora godiamoci questa febbre del sabato sera rossa.

Luca Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.