Per un attimo è sembrato di tornare indietro nel tempo e rivedere un altro primo giro passato alla storia della Formula 1. L’impresa di Kimi Raikkonen, capace di guadagnare ben dieci posizioni nelle prime fasi del GP Portogallo, ha riportato alla mente quanto accaduto a Donington nel 1993, quando Ayrton Senna riuscì a chiudere in testa il passaggio iniziale dopo aver rimontato dalla quinta piazza.

IL SEGRETO? CLASSE E…GOMME SOFT

In realtà, le analogie con la mitica impresa del brasiliano non mancano, così come le differenze. Di sicuro, quanto fatto da Iceman nel corso del primo passaggio della gara di Portimao ha entusiasmato gli appassionati, al punto da rendere virale sul web il video dell’on-board camera. Il finlandese è infatti riuscito a sfruttare al meglio una situazione di aderenza precaria dovuta alla presenza di alcune gocce di pioggia, la quale ha colto di sorpresa molti piloti favorendo coloro che erano partiti con gomma rossa.

Mentre molti hanno alzato il piede, evitando di prendere rischi eccessivi (tra cui lo stesso Hamilton, scavalcato sia da Bottas che da Sainz), l’ex-campione del mondo non ha invece esitato un istante per approfittare della situazione, scavalcando gli avversari quasi come fosse protagonista di un videogame. Al punto che, dopo essere scattato dalla sedicesima posizione in griglia, Raikkonen è transitato al termine del primo giro in un’incredibile sesta piazza!

FINALE AMARO PER KIMI

Proprio come Senna, il pilota Alfa Romeo è riuscito a volgere a proprio favore una situazione di scarsa aderenza dovuta alla leggera pioggia, compensando con classe ed esperienza l’inferiorità tecnica della propria monoposto. La gara non ha poi seguito il medesimo epilogo trionfale rispetto al brasiliano, con Kimi che nel finale è scivolato fuori dalla zona punti dopo aver subito il sorpasso dalla Ferrari di Vettel.

Ma rimane indimenticabile l’incredibile serie di sorpassi messi a segno da Raikkonen, il quale per una volta si è sostituito al compagno Giovinazzi nell’invidiabile ruolo di pilota capace di guadagnare più posizioni nel corso del primo giro. “Abbiamo avuto una prima parte di gara molto positiva – ha detto il finlandese – che ci ha permesso di guadagnare molte posizioni. Ma alla fine non è servito a nulla, poiché sarebbe stato impossibile tenere alle spalle Vettel nel finale e conservare il piazzamento nella top ten. Il passo gara non era male, ma ci è mancato qualcosa alla fine”.

In ogni caso, al di là del risultato finale, Kimi Raikkonen merita di entrare di diritto tra i grandi protagonisti della gara in Portogallo. In attesa di risultati migliori, soprattutto sotto la bandiera a scacchi.

Marco Privitera

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.