Charles Leclerc | Credits: Scuderia Ferrari on Twitter
Charles Leclerc | Credits: Scuderia Ferrari on Twitter

È stato un Gran Premio di Gran Bretagna particolare, condizionato da numerosi episodi. Quello che ha infiammato particolarmente il post gara è stato il caos generatosi al muretto Ferrari. La scelta di fermare Sainz, in seconda posizione, e lasciare Leclerc, ancora su gomma Hard, in pista ha dimostrato che nel garage di Maranello le idee non sono ancora particolarmente chiare.

In una situazione così, con tanti punti in palio per tornare in lotta per il mondiale, la scelta di cambiare gomme allo spagnolo è sembrata davvero una forzatura. La prima vittoria di Sainz vale il mondiale di Leclerc? La risposta parrebbe ovvia, ma non è così per Ferrari, che ha penalizzato quella che dovrebbe essere la sua prima guida.

ANCORA ERRORE FERRARI, PAGA LECLERC

Difficile provare a capire cosa avessero in mente al muretto Ferrari in quel momento: fermare Carlos Sainz per montare gomme Soft nuove in vista degli ultimi giri ha dato una grande possibilità allo spagnolo, che è infatti riuscito a sopravanzare il compagno di squadra; tenere in pista Leclerc su Hard è stato un evidente rischio, o meglio, una sentenza, lasciando il monegasco in pasto ai leoni con gomma rossa alle sue spalle.

Risulta difficile anche provare a capire quali siano stati i pensieri del muretto in quel momento: forse volevano ridare la leadership a Sainz pensando che Leclerc sarebbe riuscito a difendere la seconda posizione? Assolutamente no, visto che è stato chiesto esplicitamente allo spagnolo di lasciare spazio al compagno prima della ripartenza.

Si tratta di un vero e proprio colpo basso per Leclerc, che non è riuscito quindi ad approfittare dei problemi tecnici riscontrati da Max Verstappen. Un conto da pagare salatissimo, che vede ancora il monegasco con 43 punti di ritardo sul rivale. La Ferrari ha bisogno di rivedere le proprie priorità in vista della seconda parte di stagione, sempre che non sia già troppo tardi.

DELUSIONE LECLERC: FERRARI È ANCORA IL PROGETTO GIUSTO?

Viene spontaneo pensare che dopo l’errore di strategia commesso a Monaco e quello commesso a Silverstone, Leclerc sia deluso dal team. Lo ha annunciato lo stesso monegasco ai microfoni di Sky Sport: “Non sono nessuno per chiedere spiegazioni al team, ma non nascondo la mia delusione. Abbiamo perso una grande opportunità per il mondiale”.

Dopo diversi anni in attesa di un mezzo competitivo per poter essere tra i migliori e quindi lottare per qualcosa di importante come un titolo mondiale, Leclerc ha dovuto fare i conti anche con delle scelte di strategia indiscutibilmente sbagliate. Certo, il contratto ancora lunghissimo lo blinda alla Ferrari, ma verrebbe da chiedersi se quello del Cavallino sia ancora il progetto più adatto per consentire al monegasco di raggiungere i propri obiettivi.

Francesco Torrente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.