E’ iniziata con la prima sessione di libere il week-end del GP del Giappone in programma a Suzuka. Un turno ancora più utile del solito quello appena terminato, in quanto l’attività in pista del sabato è stata totalmente cancellata per via del tifone Hagibis, con conseguente cancellazione delle FP3 e spostamento delle qualifiche alle 3 di domenica ora italiana. Intanto a comandare nella classifica dei tempi c’è la Mercedes, al top con Valtteri Bottas.




1:28.731 il miglior riferimento fatto segnare dal finlandese, più veloce del suo compagno  di squadra Lewis Hamilton di soli 76 millesimi di secondo. Ottimo inizio quindi da parte delle frecce d’argento, che hanno inflitto un distacco di 1 secondo al primo inseguitore, vale a dire Sebastian Vettel, staccato di 989 millesimi dal primo tempo.

Distacco che tuttavia al momento non sembra essere veritiero, con una Ferrari che a quanto pare ha girato con una mappatura del motore conservativa, come dimostra anche la velocità di punta inferiore delle Rosse rispetto alle Mercedes.

Quarto tempo per la seconda Ferrari di Charles Leclerc, davanti alle Red Bull di Max Verstappen e Alexander Albon. Più staccati gli inseguitori, con le Racing Point a 2 secondi dalla vetta rispettivamente in settima e ottava posizione con Sergio Perez e Lance Stroll.

Bene anche Carlos Sainz, nono davanti a Romain Grosjean, a completare la top ten. Buona prestazione da parte di Naoki Yamamoto, che per questa sessione ha preso il posto di Pierre Gasly in Toro Rosso ed ha chiuso in diciassettesima posizione alle spalle del compagno di box Daniil Kvyat, staccato di un solo decimo.

Giornata difficile invece per il nostro Antonio Giovinazzi, che ha concluso solo 4 giri prima di accusare una perdita idraulica che lo ha costretto a chiudere la sessione prematuramente. Per il pugliese adesso ci sarà a disposizione solo la seconda sessione di prove libere per poter prendere confidenza con il tracciato giapponese, sul quale corre per la prima volta.

Appuntamento con le FP2 alle 7 italiane.

Immagine

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.