Leclerc
Credit: www.formula1.com

Charles Leclerc comanda la seconda sessione di libere del Gran Premio dell’Azerbaijan. Il monegasco guida la classifica davanti a Perez, il più veloce della mattinata, e Verstappen.

LECLERC DAVANTI A TUTTI NELLA SIMULAZIONE QUALIFICA, ALONSO MISSILE NEL T3

Il numero 16 del Cavallino Rampante ha fermato il cronometro sull’1:43.224, registrato con gomma soft. Leclerc era stato il più rapido anche su gomma media, ma ha beneficiato di una scia nel terzo settore, quello con il rettilineo di oltre due chilometri.

Per quanto riguarda le Red Bull alle sue spalle, Perez non è riuscito a replicare il settore centrale del tentativo sulle medie, pagando tre decimi nei confronti di Leclerc. Per Verstappen una simulazione di qualifica iniziata in ritardo, conclusasi con svariati giri abortiti a causa delle bandiere gialle. Il campione del mondo ha chiuso 3°, a tre decimi dalla vetta ed un solo decimo dal compagno di squadra. Malgrado ciò, c’è da segnalare che il suo ideal lap time lo portava sullo stesso tempo del pilota Ferrari in cima alla classifica.

Non deve spaventare per i tifosi della Rossa il quinto tempo di Sainz. Lo spagnolo ha concluso la sessione senza aver terminato un giro veloce con la gomma più morbida. Nel primo tentativo Carlos aveva fatto registrare il miglior tempo nel settore centrale ma è finito lungo all’ultima staccata. In seguito, il numero 55 ci ha riprovato, trovando però la monoposto di Perez che era finita lunga alla curva 16.

Sorprendente l’Alpine in quarta posizione. La squadra di Enstone conferma le doti velocistiche nei tratti a basso carico, infatti la monoposto di Alonso ha fatto segnare più volte il miglior tempo nell’ultimo parziale, raggiungendo i 342 km/h di velocità massima.

Di seguito tutti i restanti migliori tempi della seconda sessione di libere:

EQUILIBRIO TRA FERRARI E RED BULL IN VISTA DEL GRAN PREMIO DI DOMENICA, GIORNATA POSITIVA PER VETTEL

La musica non cambia nemmeno nei long run. La Ferrari aveva iniziato meglio sul passo gara, ma nel finale le due Red Bull hanno fatto segnare ottimi tempi. Tuttavia, sembra una lotta equilibrata tra le due squadre che si stanno giocando i campionati piloti e costruttori.

Leclerc si è concentrato sulla gomma più morbida, mentre Sainz ha optato per la media. Allo stesso modo, in Red Bull, Perez ha indossato la gomma a banda gialla e Verstappen quella a banda rossa. Ciononostante, Max ha avuto a disposizione solo due giri di long run a causa delle simulazioni di qualifica ritardate.

Alle spalle del duo di testa, Mercedes sembra essere la terza forza sul passo gara, dimostrando di soffrire ancora di porpoising quando si scarica la macchina.

Sorprendono i tempi dell’Aston Martin di Vettel. Il tedesco quattro volte campione del mondo ha infilato un long run di 8 giri sulla gomma media molto positivo, arrivando a far segnare tempi non lontani da quelli della Mercedes.

Per ciò che concerne la scelta degli pneumatici in vista della gara, non sembrano esserci troppe differenze tra soft e medium, ma domenica le temperature saranno più alte rispetto a questa FP2. Motivo per cui, alcuni team potrebbe continuare il proprio lavoro sul ritmo gara nella terza sessione di domani, alle ore 13 italiane. Il semaforo verde per la qualifica sarà invece alle ore 16.

Antonio Fedele

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.