Motorsport is dangerous. Un monito che occorre tenere sempre a mente, poiché se è vero che da un lato l'affascinante mondo delle corse regala brividi, emozioni ed adrenalina a mille, dall'altro la velocità può sempre portare a qualche conseguenza poco piacevole se qualcosa va storto. In questa rassegna di fine anno abbiamo deciso di catalogare, categoria per categoria, quelli che sono stati gli incidenti più spettacolari ed incredibili della stagione 2016 a quattro ruote. Momenti da lasciare con il fiato sospeso, per fortuna tutti risoltisi senza gravi conseguenze fisiche per i malcapitati protagonisti. Buona visione!

 

FORMULA 1 – FERNANDO ALONSO (MELBOURNE). Davvero incredibile il crash dello spagnolo che inaugura la stagione iridata 2016 nel Gran Premio d’Australia. Dopo un contatto con la Haas di Gutierrez, la McLaren inizia una serie di piroette ad altissima velocità per concludere la propria corsa distrutta nella via di fuga: grande sospiro di sollievo nel vedere Nando uscire con le proprie gambe da quel che resta della propria vettura.

GP2 SERIES – ANTONIO GIOVINAZZI (MONTMELO’). Nelle fasi finali di gara-2, durante un tentativo di sorpasso l’italiano della Prema decolla sulle ruote posteriori di Sean Gelael, attraversando tutta la via di fuga prima di schiantarsi contro le barriere. Il nostro Antonio se la cava solo con una contusione ad una caviglia.

GP3 SERIES – AKASH NANDY (BUDAPEST). Le fasi iniziali di gara-2 all’Hungaroring regalano un bello spavento, quando in seguito ad un contatto nelle retrovie il malese Akash Nandy finisce a ruote all’aria lungo il rettifilo dei box. Per fortuna il pilota esce dall’abitacolo della propria monoposto senza nemmeno un graffio.

FIA F3 EUROPEAN CHAMPIONSHIP – PIQUET, LI ZHI CONG, TVETER (SPIELBERG). Carambola davvero spaventosa al Red Bull Ring, quando Pedro Piquet finisce in testacoda venendo centrato violentemente prima da Li Zhi Cong (la cui monoposto decolla piroettando in aria) e subito dopo da Ryan Tveter. A riportare le conseguenze più serie è il pilota asiatico, costretto ad alcune settimane di ricovero in ospedale.

INDYCAR – DALY & NEWGARDEN (FIRESTONE 600). Il Texas Motor Speedway è teatro di una spaventosa carambola al giro 71, quando Conor Daly si mette di traverso finendo per coinvolgere l’incolpevole Josef Newgarden, il quale finisce violentemente a muro. Quest’ultimo, nonostante una frattura rimediata a una spalla, riesce a recuperare a tempo di record tornando in pista a distanza di poco più di un mese dal pauroso crash.

F4 ITALIAN CHAMPIONSHIP – VIEIRA, LAVIGNA, CONWRIGHT, BIANCHI (MUGELLO). Le fasi convulse del via regalano uno spettacolare incidente in gara-2 al Mugello: Joao Vieira rimane fermo sulla griglia, venendo centrato da altre tre vetture. Per fortuna, nessuno dei piloti coinvolti riporta serie conseguenze nell’impatto.

WEC – HARTLEY & WAINRIGHT (SILVERSTONE). La gara inaugurale della stagione regala un brivido quando, durante un tentativo di doppiaggio, la Porsche di Brandon Hartley entra in collisione con una vettura più lenta, rischiando il ribaltamento e finendo anticipatamente la propria corsa.

GT – LAURENS VANTHOOR (MACAU). Incredibile finale di gara del FIA GT World Cup, quando Laurens Vanthoor conclude a ruote all’aria una spaventosa carambola che lo vede protagonista. La corsa viene fermata con bandiera rossa e la classifica stilata in base all’ordine del giro precedente: il belga riesce così incredibilmente a vincere!

WRC – HAYDEN PADDON (RALLY PORTOGALLO). Drammatico finale di gara per Hayden Paddon in Portogallo, il quale urta un terrapieno finendo nella scarpata. La vettura prende fuoco ma per fortuna sia il pilota che il suo navigatore, John Kennard, riescono ad uscire illesi.

Marco Privitera

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.