Porsche Carrera Cup Italia Vallelunga
Foto. Porsche Carrera Cup Italia

La Porsche Carrera Cup Italia è senza dubbio la protagonista assoluta della 34ma puntata di ‘A Ruota Libera’, il consueto appuntamento del martedì dedicato al mondo delle ruote coperte. Non sono mancate le emozioni da Vallelunga, appuntamento che conduce il campionato verso la seconda parte dell’anno.

Spazio anche alla NASCAR Truck ed Xfinity Series dalla mitica location di Bristol, mentre è da evidenziare il ritorno del SuperGT da Sugo. Non è dimentichiamoci anche del Fanatec GT World Challenge Australia Powered by AWS e della Porsche Carrera Cup France, rispettivamente in scena da Sandown e da Barcellona a supporto del GTWC Europe Sprint Cup.

Porsche Carrera Cup Italia, Vallelunga: Quaresmini gestisce la situazione 

Gianmarco Quaresmini resta al comando della Porsche Carrea Cup Italia dopo due interessantissime prove di Vallelunga. Il tracciato romano premia il #32 del gruppo, leader alla vigilia dell’imprevedibile round di Monza e della finalissima del Mugello.

Vallelunga, race-1: Quaresmini controlla e vince

Il portacolori dei Ombra Racing – Centro Porsche Brescia ha vinto in scioltezza la race-1 di Vallelunga della Porsche Carrera Cup Italia. Giornata perfetta per il lombardo, primo davanti a Giorgio Amati (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) e Diego Bertonelli (BeDriver – Centro Porsche Piacenza).

La competizione è stata intervallata da due bandiere gialle che hanno spezzato l’evento. La prima è arrivata in seguito ad una carambola al ‘Semaforo’, mentre la seconda è scattata nel finale dopo un contatto con le barriere prima della chicane finale tra Keagan Masters (AB Racing – Centri Porsche Roma) e Matteo Malucelli (Team Malucelli – Centro Porsche Modena).

Giornata da dimenticare per il forte pilota romagnolo che dopo una falsa partenza ha ricevuto una sanzione nel cuore della competizione per aver scontato scorrettamente il drive-through. Il crash conclusivo ha messo un sabato amaro per il #16 del gruppo che ha lasciato sul tavolo molti punti nella lotta per il titolo.

Vallelunga race-2: la prima di Levorato

Primo acuto in carriera per Giammarco Levorato nella Porsche Carrera Cup Italia. Gara perfetta per il portacolori di Tsunami RT – Centro Porsche Parma, meritatamente vincitore davanti a Aldo Festante (Raptor Engineering – Centro Porsche Catania) e  Keagan Masters (AB Racing – Centri Porsche Roma).

Questi ultimi due hanno regalato molte emozioni, una lotta che è continuata fino alla bandiera a scacchi. Il pugliese ha avuto la meglio sull’avversario che precederà all’attivo Alberto Cerqui (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano), promosso nella Top3 della race-1 in seguito ad una sanzione inflitta per partenza falsa a Bertonelli. Domenica negativa, invece, per Quaresmini, in testacoda al ‘tornantino’ dopo una toccata da parte di Lodovico Laurini (Dinamic).

Prossima manifestazione ad inizio ottobre a Monza, penultimo evento del campionato prima dell’epilogo del Mugello.

SuperGT, Sugo: Nissan si conferma al vertice tra la pioggia

La pioggia ha cambiato le carte a più riprese in quel di Sugo, nuovo interessantissimo fine settimana per quanto riguarda il SuperGT. Katsumasa Chiyo/Mitsunori Takaboshi (CRAFTSPORTS MOTUL Z #3/Nissan) tornano al successo a pochi mesi dal terribile incidente del Fuji.

GT500, Nissan vs Nissan

Katsumasa Chiyo/Mitsunori Takaboshi hanno dato spettacolo a Sugo approfittando al meglio delle difficile condizioni meteo che hanno riscritto le sorti della sesta tappa dell’anno. Nulla da fare, ancora una volta per Tsugio Matsuda/Ronnie Quintarelli (MOTUL AUTECH Z #23/Nissan), secondi all’arrivo davanti a Ukyo Sasahara/Toshiki Oyu (Red Bull MOTUL MUGEN NSX-GT #16/Honda).

Week-end negativo, invece, per le varie Toyota. Yuji Tachikawa
Hiroaki Ishiura (ZENT CERUMO GR Supra #38) hanno taglio il traguardo al quarto posto precedendo Kazuki Hiramine/Bertrand Baguette (CALSONIC IMPUL Z #12/Nissan).

GT300: Hiroki Katoh/Yuui Tsutsumi  padroni indiscussi

Hiroki Katoh/Yuui Tsutsumi hanno letteralmente dominato la tappa di Sugo in SuperGT regalando un giro alla concorrenza. Il binomio di muta Racing GR86 GT #2 (Toyota) ha concluso davanti a Hironobu Yasuda/Keishi Ishikawa (GAINER TANAX GT-R #11/Nissan) e Ryuichiro Tomita/Riki Okusa (TANAX GAINER GT-R #10/Nissan), rispettivamente in seconda e terza piazza.

Quarta piazza, dopo una bellissima battaglia contro Seiji Ara/ Augusto Farfus (Studie BMW M4 #7), per Kiyoto Fujinami/Joao Paulo de Oliveira (REALIZE NISSAN MECHANIC CHALLENGE GT-R #56/Nissan), sempre leader della classifica generale alla vigilia di un nuovo round da non perdere nell’impegnativa pista di Autopolis.

GTWC Australia, Sandown: Yasser Shahin gestisce il gruppo

Yasser Shahin (The Bend Motorsport Park/Audi) mantiene il comando delle operazioni al termine dell round di Sandown del Fanatec GT World Challenge Australia Powered by AWS. La pioggia ha reso tutto molto più imprevedibili, due gare mantengono in vetta Audi nonostante un nuovo solido fine settimana di Triple Eight Race Engineering #888 (Mercedes).

Race-1: Mercedes a segno sotto la pioggia

La pioggia ha condizionato la race-1 di Sandown del GTWC Australia. Prince Jefri Ibrahim/Shane van Gisbergen (Triple Eight Race Engineering #888/Mercedes) sono stati semplicemente i migliori, abili a controllare la competizione sin dal primo stint.

La direzione gara ha deciso di sospendere il primo impegno del week-end a 15 minuti dalla conclusione in seguito ad un problema a 15 minuti dalla conclusione per la Mercedes #101 di Harrolds Volante Rosso Racing. Secondo posto sotto il diluvio per Liam Talbot/Fraser Ross (Gtechniq #20/Audi) davanti a Yasser Shahin/Garth Tander (The Bend Motorsport Park #1/Audi).

Race-2: Shahin/ Tander primi all’ultima curva

Yasser Shahin/Garth Tander (The Bend Motorsport Park #1/Audi) hanno primeggiato nella race-2 di Sandown, round condizionato dal maltempo e da una bandiera rossa. Tutto si è deciso nel finale con Shahin che si è trovato leader dopo un clamoroso errore all’ultima chicane da parte di  Tony Bates (C-Tech Laser #24/Audi), al comando a pochi secondi dal termine dopo un bel sorpasso sulla Mercedes #888 di Triple Eight Race Engineering.

Prince Jefri Ibrahim/Shane van Gisbergen hanno tagliato il traguardo al terzo posto alle spalle di Liam Talbot/Fraser Ross (Gtechniq #20/Audi), secondi sotto la bandiera a scacchi alle spalle di Shahin che resta al comando della graduatoria alla vigilia di un nuovo round che si terrà ad ottobre al ‘The Bend’.

Porsche Carrera Cup France, Valencia: Klein vede il titolo

Marvin Klein (CLRT) vede il titolo della Porsche Carrera Cup France dopo l’appuntamento di Valencia, penultimo atto della stagione. Il campione in carica ha primeggiato nella race-1 rispondendo a Dorian Boccolacci (Martinet by Almeras).

L’ex protagonista della FIA F2 ha dovuto arrendersi nella seconda corsa al rivale, abile sul bagnato a fare la differenza sulla concorrenza. Alessandro Ghiretti (Martinet by Alméras) e  Vincent Andronaco (Allied Racing) hanno occupato l’ultimo gradino del podio, rispettivamente nella race-1 e nella seconda corsa

Al Paul Ricard di deciderà il titolo 2022, l’appuntamento è da non perdere per un evento che si svolgerà a metà ottobre.

NASCAR Xfinity Series, Bristol: Noah x6

Sesta gioia in stagione per Noah Gragson nella NASCAR Xfinity Series. Week-end da incorniciare per il #9 di JR Motorsport, per la seconda volta in carriera presente nella victory lane del Bristol Motor Speedway. 

Il portacolori di Chevrolet ha primeggiato per la terza competizione consecutiva, un risultato che non è stato sufficiente per vincere la regular season che è finita nuovamente nella bacheca di AJ Allmendinger (Kaulig Racing). 

Quest’ultimo non è mai stato in lotta per il successo di una prova che si è aperta sotto l’insegna di Ty Gibbs (Gibbs #54), vincitore della Stage 1 prima di essere spinto a muro all’uscita di curva 3-4 dopo un contatto con lo stesso Gragson. Quest’ultimo prenderà il primato solo nel finale, abile ad approfittare al meglio di una penalità inflitta al teammate Justin Allgaier #7.

Noah non ha lasciato spazio nel finale a Brandon Jones (Gibbs #20), secondo e pronto ora per contendersi il titolo contro i piloti già citati e con Josh Berry, Austin Hill, Sam Mayer, Daniel Hemric, Riley Herbst e Ryan Sieg. Tra una settimana un nuovo appuntamento da non perdere in Texas, opening round dei Playoffs 2022 (Round of 12).

NASCAR Truck Series, Bristol: Ty Majeski passa in finale

Ty Majeski (Thorsport #66) è ufficialmente il primo finalista della NASCAR Truck Series 2022. Il portacolori di Toyota ha strappato un pass per il ‘Championship 4’ nel corso del fine settimana appena concluso dopo aver ottenuto uno splendido successo al Bristol Motor Speedway.

Il nativo dello Stato del Wisconsin, vincitore per la prima volta in carriera, è stato perfetto nel finale, abile ad avere la meglio dopo una bellissima lotta con Zane Smith (Front Row Motorsports #38). Quest’ultimo ha tentato di impensierire il rivale, imbattibile negli ultimi passaggi in regime di bandiera verde.

Tra due settimane l’appuntamento in quel di Talladega. Occhi puntati su Grant Enfinger e Ben Rhodes, attualmente out dalla lotta per il titolo con ancora due competizioni da disputare prima della finalissima nel deserto dello Stato dell’Arizona.

Nella prossima puntata…

Nella prossima puntata ci sarà da divertirsi oltre agli eventi citati. L’appuntamento è da non perdere a Monza con l’International GT Open ed il TCR Europe, mentre dal Sachsenring non perdetevi l’ADAC GT Masters con il penultimo atto del 2022 in compagnia della Porsche Carrera Cup Deutschland. 

Da Silverstone riprenderà il BTCC, da Spa-Francorchamps torneremo a commentare la Michelin Le Mans Cup che riaccende i motori dopo una lunga pausa. Presente anche il Fanatec GT World Challenge America Powered by AWS, categoria che si sposterà a Sebring per il week-end che precederà di meno di un mese l’epilogo di Indianapolis. 

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.