Pilota francese ma di chiare origine italiane (la famiglia proviene da Alcamo, Trapani), Jean Alesi ha probabilmente raccolto nella propria carriera molto meno di quanto meritasse. Una sola vittoria, conseguita nel Gp Canada 1995, la bellezza di 32 podi e tante sfortune che hanno reso il suo palmares poco congruo rispetto al talento spesso dimostrato, pur accompagnato da qualche ingenuità di troppo. Personaggio molto amato dalle folle, grazie anche alla sua lunga militanza in Ferrari (cinque stagioni) ed al suo carattere impulsivo, nonchè al suo stile di guida molto aggressivo. Tra le sue caratteristiche, la strana impugnatura del volante (in posizione 10 e 10, anzichè le classiche 9 e 15) e la tendenza a piegare molto il capo quando impegnato in curva, quasi a volerne seguire la traiettoria (ricordando, in questo, il grande Jim Clark). Dopo il 4° posto ottenuto al debutto nel Gp di Francia 1989 (al volante della Tyrrell, subentrando a Michele Alboreto grazie al cambio di sponsor della scuderia), si fece subito notare anche nella stagione successiva, grazie ai due secondi posti conquistati a Phoenix e Montecarlo, ma soprattutto grazie anche allo splendido duello con Ayrton Senna nella gara inaugurale. Prestazioni che gli valsero la chiamata in Ferrari per l’anno successivo, come compagno di squadra di Alain Prost. Purtroppo, l’arrivo del pilota di Avignone coincise con un periodo di grande crisi tecnica del Cavallino, durante il quale la generosità di Alesi non riuscì a mascherare lo stato confusionale del team di Maranello, sia dal punto di vista tecnico che da quello gestionale. Oltre all’unica vittoria ottenuta, come detto, a Montreal, da ricordare alcuni episodi sfortunati che lo frenarono sul più bello, su tutti i Gran Premi d’Italia del ’94 e del ’95, quando problemi tecnici lo fermarono quando sembrava involarsi verso il successo. Terminata l’esperienza alla Ferrari per fare posto a Michael Schumacher, Alesi rimpiazzò quest’ultimo alla Benetton dal 1996, team che però, una volta perso il tedesco, aveva già iniziato un periodo di declino. Riusci però ad ottenere ben tredici podi, prima di passare alla Sauber per due stagioni (’98 e ’99), raccogliendo ben poche soddisfazioni. Ancora più deludente fu la sua esperienza al volante della Prost, dalla stagione 2000 sino alla metà di quella successiva, quando concluse la propria esperienza in Formula 1 accasandosi alla Jordan. Al di fuori della massima serie, Jean ha partecipato al campionato DTM e alla Le Mans Series, concludendo la propria carriera agonistica nel maggio 2012 con la partecipazione alla 500 Miglia di Indianapolis al volante della Lotus. Attualmente ricopre il ruolo di opinionista per la trasmissione Pole Position sulla Rai, vive a Ginevra con la moglie Kumiko e i tre figli.

Luogo e data di nascita Avignone (Francia) il 11-6-1964
Debutto in F1 Gp Francia 1989
Gp disputati 202
Vittorie 1
Pole Position 2
Giri veloci 4
Miglior risultato 4° (1996-1997)
Stagioni di attività 1989-2001
Scuderie Tyrrell, Ferrari, Benetton, Sauber, Prost, Jordan

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.