Appena conclusa a Rimini la World Premiere Ducati 2020: tante novità, ritorni eccellenti e nuovi look per un marchio ormai diventato sempre più icona del motociclismo in tutto il mondo, lanciatosi anche nel mondo delle e-bike. Le novità presentate si potranno poi vedere al prossimo EICMA, in programma dal 5 al 10 novembre.




Da Milano a Rimini il passo è breve. Ducati ha scelto per quest’anno di presentare la sua gamma di moto 2020 a Rimini, scegliendo di restare dunque nella Motor Valley, il territorio che unisce marchi straordinari e senza eguali, mondo di cui Ducati è fiera di farne parte. Ha esordito così Claudio Domenicali, AD di Ducati Motor Holding, prima di lasciare spazio alle moto che entreranno nella gamma 2020 e che saranno visibili all’edizione di quest’anno dell’EICMA.

Tante le novità lanciate in questa Premiere, tra le quali spiccano la Streetfighter V4 e la Panigale V2 che riprende le linee della sorella maggiore V4 per rimarcare che Ducati rimane affezionata al suo amato V2, pur essendo il V4 una novità assoluta per la Casa di Borgo Panigale. Si aggiungono nuove colorazioni alle già bellissime Diavel e Multistrada, viene affinata la V4 “base” con contenuti ereditati dalla V4R che ha dominato il BSB ed il CIV di quest’anno.

Vediamo dunque con ordine i modelli nuovi presentati da Ducati per il 2020 e che si potranno ammirare ad Eicma tra qualche giorno.

Superbike

Ducati per il 2020 sceglie di rivitalizzare la Panigale V2 dandole una nuova veste e rendendola molto simile nelle forme e nei dettagli alla sorella maggiore V4. La Panigale V2 è spinta dal Superquadro da 955 cm³ con una potenza massima di 155 CV a 10.750 giri/minuto e una coppia massima di 104 Nm a 9.000 giri/minuto (conforme alla normativa Euro 5).

La ciclistica basata sul telaio Monoscocca è vestita con un design elegante e sportivo. La carenatura ha superfici estese che avvolgono la meccanica, esaltando le dimensioni contenute del bicilindrico Superquadro e creando una moto visivamente compatta. La Panigale V2 è dotata del forcellone mono-braccio e di un nuovo scarico, con il silenziatore di dimensioni estremamente compatte ed uscita singola laterale sotto al motore. La pulizia delle superfici tipica delle supersportive Ducati è sottolineata dalla tradizionale colorazione integrale Rosso Ducati abbinata ai cerchi di colore nero.

Viene affinata anche la Superbike top di gamma per la Casa di Borgo Panigale, ovvero la V4 sia in versione base che S. Si tratta di una moto affinata nei dettagli di guida, grazie alla preziosa collaborazione tra gli ingegneri Ducati e quelli del Reparto Corse che hanno raccolto dati e feedback dai clienti di tutto il mondo e dalle piste del Mondiale Superbike. Un lavoro importante, che ha permesso di definire una serie di modifiche ad aerodinamica, ciclistica, controlli elettronici e mappatura del sistema Ride by Wire, mirati a incrementare la stabilità, la velocità di inserimento e la tendenza a chiudere le linee, oltre a dare maggiore confidenza al pilota nella gestione dell’acceleratore.

La Panigale V4 è ora equipaggiata con contenuti ereditati dalla V4R, a partire dal pacchetto aerodinamico (profili alari, plexiglas, cupolino e carenature laterali di maggiori dimensioni, più efficienti estrattori laterali per l’aria in uscita dai radiatori) che migliora la protezione all’aria del pilota in carena e la stabilità globale del veicolo infondendo sicurezza.
Completa l’aggiornamento il telaio il “Front Frame” con rigidezze modificate, per offrire un maggiore feeling dell’anteriore ai massimi angoli di piega.

Il Ducati Traction Control (DTC) EVO 2, grazie alla nuova strategia di controllo “predittiva”, migliora sensibilmente la gestione della potenza in uscita di curva, mentre il Ducati Quick Shift up/down (DQS) EVO 2 riduce i tempi di taglio in “up shift”, consentendo cambiate più sportive oltre i 10.000 giri/minuto, e aumenta la stabilità nelle cambiate in forte accelerazione a moto piegata. È stata anche sviluppata una nuova mappatura del sistema Ride by Wire che prevede diverse logiche di gestione della coppia erogata.

La Panigale V4 è spinta dal Desmosedici Stradale di 1.103 cm³: un V4 di 90° a distribuzione Desmodromica di derivazione MotoGP, unico nel suo genere per l’albero motore controrotante e l’ordine degli scoppi “Twin Pulse”. Il motore è capace di erogare una potenza di 214 CV a 13.000 giri/minuto, ed una coppia di 12,6 Kgm a 10.000 giri/minuto, che lo rende assolutamente godibile anche nell’impiego stradale.

Stradali 

Dopo aver usato la “cura V4” sulla sua Superbike, Ducati sceglie il “metodo V4” anche per la sua naked, la Streetfighter. Bastano le parole dell’AD Claudio Domenicali per descrivere la nuovissima Streetfighter V4: “Ultimo a salire sul palco, il tanto atteso Streetfighter V4, una moto straordinaria per la quale abbiamo applicato quella che, a Borgo Panigale, ci piace definire ”The Fight Formula”: abbiamo preso il motore Desmosedici Stradale 1.103 cm³, abbiamo aggiunto il pacchetto elettronico di ultima generazione della Panigale V4, l’abbiamo alleggerita sino ad ottenere un peso a secco di 178 kg, aggiunto un manubrio alto e largo, tolto le carene e ottenuto 208 CV di potenza a 12.750 giri/minuto”.

Domenicali prosegue: “Una moto molto performante, ma con una grande attenzione al comfort, grazie a una ergonomia rilassata, una sella ben imbottita e delle sospensioni tarate per l’uso stradale. Una moto sicura, come tutte le Ducati di nuova generazione, grazie a un pacchetto elettronico molto completo che ha come primo obiettivo quello di aumentare la facilità e la sicurezza di guida”.

Nuove versioni 

Ad aprire la passerella delle nuove moto è stata la gamma Scrambler, con la nuova proposta Icon Dark, il modello d’accesso tra le 800 cm³ della “Land of Joy”, e con due bozzetti di concept bike inediti, realizzati dal Centro Stile Ducati, che saranno presentati a EICMA 2019. Quindi è stata la volta della nuova Multistrada 1260 S Grand Tour, una versione speciale della 1260 S dedicata a chi ama viaggiare veloce senza rinunciare ad alcun comfort. A seguire le due nuove colorazioni con cui il Diavel 1260 viene proposto per il 2020, ovvero in total black con il “Dark Stealth” (disponibile per la versione standard), ma anche in un inedito “Ducati Red”, con grafiche bianche e sottocoda rosso (nella versione S), capace di esaltare la sportività e lo spirito da power-cruiser di questa originale moto

E-Bike

Last but not least spazio anche alle e-Bike nella Premiere 2020. Alla Ducati MIG-RR presentata lo scorso anno si aggiungono la MIG-RR Limited Edition (prodotta in soli 50 esemplari dotati di sospensioni Ohlins, cerchi in carbonio, cambio elettronico e grafica Ducati Corse by Aldo Drudi), la MIG-S (una All Mountain con caratteristiche sportive) e la e-Scrambler, una Trekking con componenti di alta gamma, ideale per la città o per godersi le strade di campagna. Insomma con queste tre nuovi modelli, Ducati ha lanciato una vera e propria gamma di e-bike, con la possibilità per il cliente di scegliere quella che più gli si addice.

In definitiva

Nuovi Modelli

  1. Streetfighter V4 / S
  2. Panigale V2
  3. Panigale V4 / S

Nuove Versioni

  1. Multistrada 1260 S Grand Tour
  2. Diavel 1260 S “Ducati Red”
  3. Diavel 1260 “Dark Stealth”
  4. Scrambler® Icon Dark
  5. Monster 1.200 “Black on Black”

Ebike

  1. Ducati MIG-RR Limited Edition
  2. Ducati MIG-S
  3. E-Scrambler

Tutti i modelli presentati alla Premiere di oggi saranno poi spediti verso lo stand Ducati del prossimo EICMA, nel quale si potranno vedere da vicino, toccare con mano e salire per provare il brivido di cosa vuol dire cavalcare su una moto appena uscita da Borgo Panigale

Marco Pezzoni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.