I primi vincitori del Campionato Italiano TCR DSG Endurance sono Alessandro e Giovanni Altoè, incoronati ieri al Mugello nel corso di una gara caratterizzata da numerose safety car e vinta dall’equipaggio Piccin – Dall’Antonia. I portacolori della BF Motorsport si impongono in una gara iniziata dietro la safety car, a causa della nebbia presente in pista, davanti a Vullo – Pellegrini e Scalvini – Gurrieri; i rivali degli Altoè nella lotta per il titolo (Barri – Dionisio), a causa di una foratura rimediata negli ultimi passaggi, terminano in sesta posizione davanti ai campioni della serie.




Romy Dall’Antonia e Samuele Piccin conquistano all’ultima gara del Campionato Italiano TCR DSG Endurance la loro prima vittoria stagionale nella serie in una gara alquanto anomala fin dalle prime battute. La fitta nebbia ha portarto la direzione gara a decidere una partenza dietro la safety car, con un periodo di neutralizzazione durato 40 minuti: in questo contesto le strategie hanno fatto la parte del leone, soprattutto per gli Altoè che partivano dall’ultima casella (causa cedimento della sospensione anteriore destra nelle qualifiche) e avevano bisogno di rimontare, stando davanti alla coppia Barri – Dionisio per conquistare il titolo.

Mentre la maggior parte degli equipaggi si fermava per le due soste obbligatorie da cinque minuti l’una (con annessi rifornimenti e cambio pilota), la classifica molto fluida mandava in confusione gli spettatori che ancora non avevano visto iniziare la gara.

Alla bandiera verde, Lorenzo Marcucci e Jody Simone Vullo si trovano in prima posizione, alle prese con la difesa da Alberto Tapparo, Michele Imberti, Marco Costamagna, Edoardo Necchi, Roberto Olivo e Cosimo Barberini, il quale, nonostante la partenza dall pole per la vittoria nella Qualifying Race, si è ritrovato nelle retrovie dopo il gioco delle strategie.

Gioco che ha portato bene ad Alessandro e Giovanni Altoè: dal fondo dello schieramento sono risaliti fino a superare i rivali Giacomo Barri – Ermanno Dionisio. Purtroppo, solo dopo pochi giri la safety car è costretta a rientrare in pista (a causa dell’uscita di Necchi, new entry in quest’ultima gara di stagione), congelando nuovamente le lotte.

La gara riprende il via, ma, di nuovo, un’uscita di Montalbano alla “Casanova” comporta il terzo ingresso della Safety Car: durante la fase di neutralizzazione, con ulteriori soste ai box, Barri e Altoè salgono rispettivamente in seconda e terza posizione alle spalle di Olivo.

Mancano poco più di 40 minuti e la gara riparte: Dall’Antonia supera Giovanni Altoè, che gestisce la posizione senza prendere rischi. Ultimo colpo di scena quello della foratura di Barri: costretto al rientro ai box, cede la leadership a Dall’Antonia e il secondo posto a Marco Pellegrini, i quali mantengono le posizioni fino alla bandiera a scacchi.

Il podio si completa con Eric Scalvini e Raffaele Gurrieri davanti ai debuttanti Giulio Bensi e Giorgio Fenzi; in quinta posizione Sandro Pelatti – Gabriele Volpato, solo sesti Barri – Dionisio che diventano vice-Campioni 2019. Il duo degli Altoè giunge ottavo.

In Top10 si piazzano anche Michele Imberti, Lorenzo Nicoli-Simone Patrinicola e Marco Costamagna. Tanta sfortuna anche stavolta per il duo Barberini – Carlotta Fedeli, partiti dalla pole, ma per varie vicissitudini e penalizzazioni giunti al di fuori della top 10.

Si conclude cosi un’emozionante prima stagione del Campionato italiano TCR DSG Endurance, con il preludio di alcune novità per il prossimo campionato, a partire dall’organizzazione che sembra passare direttamente all’Acisport e alcune modifiche nel format delle prove libere e nelle qualifiche, che torneranno ad essere una sessione standard, eliminando la spettacolare Qualifying Race.

Indiscrezioni a parte, è tempo di festeggiamenti per il duo Alessandro Altoè e Giovanni Altoè, primi campioni della serie, prima di ripartire in ottica 2020.

Anna Mangione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.