Dopo la domenica di gare sul tracciato di Jerez, i piloti di Moto2 e Moto3 sono rimasti in Spagna per effettuare una sessione di test che li ha visti provare molti nuovi elementi al fine di aumentare il feeling con le proprie moto.




Un test che si è concentrato quindi poco sui tempi, ma che ha comunque visto tutti i piloti delle “sorelle minori” della MotoGP in pista (i piloti della classe regina sono invece scesi in pista nella giornata di ieri lunedì 6 maggio).

Tra i grandi osservati della giornata sicuramente le gomme Dunlop: il marchio francese, proprio sulla pista del sud della Spagna, ha portato un nuovo pneomatico posteriore e i piloti necessitano di acquisizione del feeling con questa nuova gomma.

Il nostro Mattia Pasini, che sostituirà Khairul Idham Pawi nelle prossime settimane a partire da le Mans, è sceso in pista oggi con i colori del team Petronas Racing. Non solo l’italiano è sceso in pista per la Moto2, ma anche tanto lavoro da parte di KTM e di Tech3, che ha provato per la primissima volta un telaio nuovo e due forcelloni.

Telaio e forcellone nuovi di zecca anche per MV Augusta, che sicuramente aiuterà il nostro Stefano Manzi e Dominik Aegerter a ridurre il GAP dai favoriti.

Alex Marquez a fine giornata ha dichiarato di aver provate piccole cose sulla propria moto: “Il pacchetto di quest’anno è molto competitivo, è difficile fare miglioramenti, ma è stata una buona giornata.” – ha dichiarato il pilota numero 73.

Giornata positiva anche per il vincitore di domenica Lorenzo Baldassarri “Abbiamo provato cose un po’ diverse, in particolare sulla parte anteriore. Abbiamo provato a risolvere dei problemi di feedback della parte anteriore della moto che ho riscontrato durante il weekend. E’ stata una buona giornata, anche il grip era abbastanza buono – ha proseguito il pilota Pons – l’asfalto era caldo.”

Tante news anche in Moto3, in particolare le nuove sospensioni montate sulla moto di Aron Canet, rientrato in pista proprio nel weekend di Jerez. Come dichiarato anche da Jakub Kornfeil, si è lavorato su piccole parti, sull’elettronica e sulla frizione. Stesso discorso per il vincitore di domenica, Niccolò Antonelli.

Ora una settimana di pausa, prima di spostarsi a Le Mans per la prossima gara.

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.