Alle porte del quinto Gran Premio della stagione 2019 di MotoGP sono apparsi davanti alle telecamere per dare inizio al round francese di Le Mans Maverick Vinales, Alex Rins, Marc Marquez, Andrea Dovizioso e i due piloti di casa per la classe regina, Johann Zarco e Fabio Quartararo.




Due settimane dopo l’ultimo successo di Marc Marquez a Jerez, ha inizio un nuovo weekend di gara. La classifica mondiale è del tutto aperta, con quattro piloti racchiusi in soli 9 punti.
Di nuovo leader momentaneo del mondiale, dopo la mezza disfatta di Austin, il pilota Honda è riuscito a riscattarsi sulla pista andalusa. Marc Marquez (#93): “La vittoria a Jerez è stata importante, la cosa buona è aver portato a casa i venticinque punti, era quello che cercavamo. Anche i test hanno dimostrato che eravamo competitivi, quindi la strada è quella giusta. Ora arriviamo però a Le Mans, una pista completamente diversa, si parte da zero e cercheremo di avere una mentalità giusta.”

In casa Suzuki le aspettative sono alte dopo i due podi consecutivi di Alex Rins: la moto sembra essere competitiva quanto basta per battersi con i piloti di testa. Alex Rins (#42): “Sono reduce da una buona prima parte della stagione. Dopo la gara a Jerez abbiamo provato parecchie cose ed è stato un test positivo.”

Per quanto riguarda la situazione per la Ducati, Andrea Dovizioso arriva in Francia dopo due quarti posti. Il pilota italiano ha considerato più volte l’idea di non valutare la velocità della Ducati come una caratteristica importante in questa stagione. Andrea Dovizioso (#04): “La situazione in campionato è buona e completamente aperta. Quest’anno siamo più piloti a lottare e sono contento di essere tra questi. Le Mans è sempre stata una pista positiva per me, mi aspetto di essere più veloce che a Jerez, ma quest’anno i piloti e la velocità sono diverse. Il livello delle moto ora è molto ravvicinato, ma le caratteristiche sono diverse, così come lo stile di guida, perciò ogni volta la storia cambia. Non siamo contenti perché abbiamo ancora problemi nel centro curva, ma abbiamo altri punti di forza.”

Presente per la Yamaha Maverick Vinales. Dopo il terzo posto di Jerez, il pilota spagnolo pare abbia ritrovato fiducia nel suo team. In Andalusia la situazione rispetto al team Petronas sembrava essere tutt’altro che positiva. Il podio per il team ufficiale e per Vinales ha fatto sì che a Le Mans si creassero delle aspettative. Maverick Vinales (#12): “Non siamo mai riusciti ad esprimere il nostro potenziale sino a Jerez, quindi è stato un buon risultato per noi e ha dato fiducia al team. Siamo migliorati parecchio durante i test e vedremo come andrà, anche perché è una pista che mi piace moltissimo: l’obiettivo minimo è salire sul podio. Speriamo di riuscire a partire nelle prime file, perché a Jerez penso sia stato molto importante.”

Un weekend turbolento invece per Fabio Quartararo. Il pilota francese ha vissuto nello stesso Gran Premio la gioia delle prime posizioni e la delusione di un podio sfumato davanti ai suoi occhi. Fabio Quartararo (#20): “Jerez è stato un weekend fantastico, non ci aspettavamo di fare la Pole Position, in gara nei primi giri ho faticato poi mi sentivo molto bene. Poi abbiamo visto cosa è successo.”

Per il pilota KTM Johann Zarco una conferenza amara in veste di pilota di casa. Con un inizio di stagione duro, l’energia e l’affetto dei tifosi francesi sembra essere un elemento importante per la realizzazione di un ottimo weekend. Johann Zarco (#5): “L’inizio di stagione è stato piuttosto difficile, l’energia dei fans qui mi dà molto calore. Testare è molto interessante perché puoi provare molte cose diverse sulla moto e provare il tuo modo di guidare. Anche se solo una cosa funziona nei test devi essere contento. Sono felice di partire domani ma dobbiamo vedere le condizioni. In più degli altri ho fatto due giorni di test qui, speriamo di avere un vantaggio.”

Nicole Facelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.