Non è stata certa una giornata facile per Lewis Hamilton, eppure alla fine il campione del mondo in carica è riuscito a svettare al termine della seconda sessione di prove libere del Gp Malesia, in programma domenica sul circuito di Sepang. Su un asfalto letteralmente bollente (oltre 60° fatti registrare nel corso della seconda ora e mezza di prove), il pilota della Mercedes ha primeggiato nella classifica dei tempi, risultando l’unico a scendere sotto la barriera dell’1’40” con gomme medie: ma il suo 1’39″790 non ha forse fornito in pieno l’idea sul potenziale in qualifica della Mercedes, visti i numerosi problemi di affidabilità accusati dalla vettura del britannico nel corso delle due sessioni. Al mattino, infatti, Hamilton è stato costretto a fermarsi in pista dopo circa mezz’ora, con i tecnici della scuderia di Brackley che, una volta riportata la monoposto ai box, sono intervenuti revisionando accuratamente la Power Unit. Anche la seconda sessione non è stata esente da guai per il due-volte iridato, visti i problemi di telemetria che hanno richiesto numerosi check e costretto per buona parte del tempo la vettura a rimanere ferma al box.

Alla fine la migliore prestazione è comunque arrivata, anche se in casa Mercedes iniziano a guardarsi con sempre maggiore attenzione le spalle dal ritorno della Ferrari, apparsa oggi estremamente competitiva soprattutto con Kimi Raikkonen. Il finlandese è sembrato subito a proprio agio con la SF15-T, riuscendo a realizzare oltre al secondo miglior tempo di giornata (a poco più di tre decimi dalla vetta), anche tempi di assoluto rilievo nella simulazione gara, girando con costanza sul 45″ basso ed in linea con i crono fatti registrare dai due piloti delle Frecce d’Argento. Meno fortunato è stato Vettel, il cui tentativo con gomme medie è stato abortito in seguito all’esposizione della bandiera rossa in seguito al testacoda di Merhi, poco prima che il tedesco finisse a sua volta per girarsi riuscendo comunque a rientrare ai box.

Alle spalle di Rosberg, terzo nel pomeriggio (dopo aver fatto registrare il miglior tempo in mattinata) si è piazzata la Red Bull di un redivivo Daniil Kvyat, apparso competitivo anche sul passo gara e dunque in grado di impensierire le due Williams di Bottas e Massa, rispettivamente quinto e sesto. A chiudere la top ten, oltre al settimo tempo di Vettel, si sono piazzati il positivo Verstappen con la Toro Rosso, quindi l’altrettanto valida Sauber di Ericsson e la seconda Red Bull di Ricciardo, afflitto da diversi problemi. Felipe Nasr ha ripreso il proprio posto a bordo della C34 (dopo aver ceduto in mattinata il volante all’esordiente Raffaele Marciello) piazzandosi dodicesimo, mentre le due McLaren di Alonso e Button sono apparse ancora decisamente in ritardo rispetto alla concorrenza, riuscendo a mettersi alle proprie spalle soltanto la Lotus di Grosjean (il quale ha terminato anticipatamente la propria sessione) e le due Manor di Stevens e Merhi, oggi per la prima volta in pista dopo il forfait di Melbourne.

Marco Privitera

Gran Premio Malesia – Prove Libere 2

1. Lewis Hamilton (Mercedes W06) – 1’39″790 – 16 giri
2. Kimi Raikkonen (Ferrari SF15-T) – 1’40″163 – 29 giri
3. Nico Rosberg (Mercedes W06) – 1’40″218 – 26 giri
4. Daniil Kvyat (Red Bull RB11-Renault) – 1’40″346 – 17 giri
5. Valtteri Bottas (Williams FW37-Mercedes) – 1’40″450 – 31 giri
6. Felipe Massa (Williams FW37-Mercedes) – 1’40″560 – 27 giri
7. Sebastian Vettel (Ferrari SF15-T) – 1’40″652 – 29 giri
8. Max Verstappen (Toro Rosso STR10-Renault) – 1’41″220 – 30 giri
9. Marcus Ericsson (Sauber C34-Ferrari) – 1’41″261 – 30 giri
10. Daniel Ricciardo (Red Bull RB11-Renault) – 1’41″799 – 8 giri
11. Pastor Maldonado (Lotus E23-Mercedes) – 1’41″877 – 15 giri
12. Felipe Nasr (Sauber C34-Ferrari) – 1’41″988 – 30 giri
13. Sergio Perez (Force India VJM08-Mercedes) – 1’42″242 – 24 giri
14. Carlos Sainz (Toro Rosso STR10-Renault) – 1’42″291 – 31 giri
15. Nico Hulkenberg (Force India VJM08-Mercedes) – 1’42″330 – 28 giri
16. Fernando Alonso (McLaren MP4/30-Honda) – 1’42″506 – 25 giri
17. Jenson Button (McLaren MP4/30-Honda) – 1’42″637 – 24 giri
18. Romain Grosjean (Lotus E23-Mercedes) – 1’42″948 – 7 giri
19. Will Stevens (Manor-Ferrari) – 1’45″704 – 12 giri
20. Roberto Merhi (Manor-Ferrari) – 1’47″229 – 6 giri

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.