Photo Pellegrini

Nicholas Latifi vince la prima delle due corse di F2 all’Hungaroring, tornando al successo dopo quasi tre mesi. Grande prestazione da parte del canadese, scattato bene dalla seconda fila e prendendosi subito la prima posizione. Una corsa praticamente mai in discussione per il pilota Dams, con De Vries costretto ad inseguire e secondo al traguardo.




Strategie diversificate da parte dei protagonisti, che hanno portato ad un finale acceso per l’ultimo gradino del podio. Davvero un peccato aver terminato sotto regime di safety car, entrata negli ultimi due giri per via della rottura al motore della Trident di Boschung.

Podio completato da Jack Aitken, che ha approfittato dei pit stop lunghi di Schumacher e Ghiotto per scavalcarli. Giornata non particolarmente brillante per il vicentino, quarto al traguardo ma poi penalizzato di 5 secondi per non aver rispettato il regime di virtual safety car. Stessa sorte per Jordan King, che poi ha chiuso settimo proprio alle spalle dell’italiano.

Grazie a queste due penalità risalgono Sergio Sette Camara in quarta posizione e quinto Nobuharu Matsushita. In top ten anche Mick Schumacher, ottavo davanti a Guanyu Zhou e Callum Ilott.

Cronaca. De Vries scatta davanti a tutti ma viene subito superato da Latifi, con Ghiotto terzo. Si iniziano a delineare subito i distacchi, con Latifi che detta il passo e tutti gli altri ad inseguire. La gara perde quasi subito Deletraz per un problema al motore. Al termine del sesto passaggio De Vries rientra già ai box per effettuare la sosta obbligatoria. Passa un solo giro ed anche altri piloti effettuano il pit stop, mentre Latifi e Ghiotto rimangono in pista per ancora un altro giro. Difficoltà per l’italiano, che viene scavalcato da Aitken e deve guardarsi da Schumacher con gomme ancora fredde. Dopo aver fatto entrare in temperatura le mescole Ghiotto riprende il suo ritmo e torna ad avvicinarsi ad Aitken, mentre Latifi e De Vries sono i più veloci in pista. Nel finale battaglia aperta per la terza posizione, con Aitken davanti a Ghiotto, Matsushita e Sette Camara. Safety car in pista a due giri dalla fine con la vettura di Boschung rimasta ferma in posizione pericolosa dopo una rottura al motore. La corsa termina con la vettura di sicurezza in pista: vince dunque Latifi davanti De Vries e Aitken.

Prossimo appuntamento domani mattina con gara-2, che scatterà alle 11:25 e che vedrà Mick Schumacher scattare dalla pole position per via dell’inversione di griglia.

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.