Dopo non aver praticamente mai girato nella giornata di ieri, Charles Leclerc è stato il più veloce nel penultimo giorno di test sul tracciato del Montmelò. Il ferrarista, con il tempo ottenuto in mattinata e con compound C5, ha preceduto la Toro Rosso di Alexander Albon e la McLaren di Lando Norris, prima di dedicarsi alla simulazione gara nel pomeriggio, terminata con uno stop a 15 minuti circa dal termine della sessione. Brutto incidente per la Red Bull con Pierre Gasly, con il team di Milton Keynes che potrebbe aver terminato in anticipo il precampionato.


Se la Ferrari era alla ricerca di risposte, dopo i problemi accusati ieri con Vettel, non si può dire che non le abbia trovate. 138 giri, nessun tipo di problema, eccetto quello a fine sessione probabilmente dovuto a prove di pescaggio carburante, miglior tempo assoluto dei test (1:16.213) e un ottimo passo gara dimostrato nelle simulazioni del pomeriggio. Certo, il tutto al netto dei diversi carichi di benzina e dei differenti programmi di lavoro, ma come si suol dire chi ben comincia è a metà dell’opera.

OUTSIDERS. Anche Toro Rosso e McLaren hanno destato un’ottima impressione, piazzando Albon e Norris in 2a e 3a posizione e davanti a Red Bull e Renault, a parità di gomma utilizzata. Sicuramente una buona base di partenza per due scuderie che, per motivi differenti, devono riscattare una stagione passata non in linea con le ambizioni di inizio anno.

TEST FINITI PER LA RED BULL?. In 4a posizione troviamo la Red Bull di Pierre Gasly che, nel corso della seconda ora della sessione pomeridiana, è finito contro le barriere di curva 9: retrotreno della vettura visibilmente danneggiato e fine anticipata delle prove. Ma nel corso del pomeriggio, effettuate le verifiche del caso, gli uomini di Milton Keynes hanno smontato il muretto e ripiegato il materiale da spedire a Melbourne. Segno che i test per i “bibitari” potrebbero essere già conclusi.


GLI ALTRI. Per la prima volta dall’inizio della seconda settimana, la Renault è stata in linea con le prestazioni dei rispettivi competitors, anche se l’impressione è che il team di Enstone sia ancora un cantiere a cielo aperto. Discreta giornata per Alfa Romeo e Racing Point F1: per Giovinazzi 71 giri, per Stroll ben 103 anche se a metà sessione il canadese ha dovuto parcheggiare la sua vettura prima di curva 9. Giornata in chiaroscuro per Haas e Williams, con il team americano che ha accusato un problema agli scarichi, riducendo di molto il programma di lavoro di Romain Grosjean, mentre non ha invece riscontrato nessun tipo di intoppo il team di Grove, che con George Russell ha totalizzato ben 140 giri, ma con tempi lontani da diretti concorrenti.

MERCEDES. Anche quest’oggi il programma di lavoro delle Frecce d’Argento è stato totalmente differente da quello della concorrenza. In mattinata Lewis Hamilton ha percorso 85 giri con mescola C2, mentre Bottas nel pomeriggio ha provato una simulazione gara (96 giri per lui), senza particolari intoppi. Potrebbe essere domani la giornata buona per provare la qualifica… staremo a vedere!

Appuntamento a domani per l’ultima giornata di test che chiuderà, di fatto, l’inverno del Circus della F1!

Dal nostro inviato al Montmelò – Vincenzo Buonpane

Foto Copertina: Andrea Gallazzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.