La stagione 2019 di Formula 1 apre ufficialmente i battenti con la prima giornata di test sul circuito di Montmelò, a pochi chilometri da Barcellona. Le nuove monoposto sono chiamate a percorrere i primi chilometri in pista dopo un lungo inverno di lavoro, in vista del primo round stagionale di Melbourne in programma tra un mese. Seguite con noi la cronaca live con tutti gli aggiornamenti dai nostri inviati presenti sul circuito catalano.

Ore 18:00. Termina la prima giornata di test qui al Montmeló, a Vettel e la Ferrari i due primati: giro veloce in 1:18.161 e numero di giri percorsi, ben 169.

Ore 17:59. Quarta bandiera rossa causata da Raikkonen, proprio sul rettilineo principale che fa calare in anticipo la bandiera a scacchi nella prima giornata di test.

Il Ore 17:56. Ultimi giri, diversi piloti sono impegnati a girare con le mescole C4, le seconde in ordine di gradazione fra le più morbide, uno di questi è Kvyat.

Ore 17:51. Negli ultimi minuti di test Sainz è Raikkonen effettuano anche simulazioni di partenza.

Ore 17:49. Nel mentre, come un orologio svizzero, la Ferrari di Vettel raggiunge 166 giri percorsi, addirittura 100 in più della durata di un Gran Premio.

Ore 17:42. Sainz scende in pista con la mescola C4 e segna il secondo miglior crono di giornata.

Ore 17:38. Grosjean, con mescola C3, sale in seconda posizione ma, a parità di mescola, a un secondo da Vettel.

Ore 17:31. Vettel riprende la pista ma gira con le Pirelli sperimentali, lo si può notare perché hanno le spalle prive di marchio.

Ore 17:28. Ottima la progressione della Mercedes, il team anglo-tedesco ha raggiunto 143 giri compiuti, ormai ha nel mirino la Ferrari con 153 tornate all’attivo.

Ore 17:25. Come prevedibile Sainz, grazie alla mescola C4, si è issato in seconda posizione con 1:19.318.

Ore 17:20. Anche Sainz scende in pista con le gomme C4, a banda rossa, nell’ultima ora si cerca di abbassare i crono.

Ore 17:16. Vettel supera il muro dei 150 giri percorsi, attualmente in pista con il compound C1, mentre Raikkonen si trova molto vicino a inanellare 100 giri.

Ore 17:10. Fuori anche Vettel, nel mentre Verstappen ritorna al terzo posto con 1:19.426.

Ore 17:05. Kvyat torna in pista con la mescola C4 per cercare di migliorare ancora, invece  Hamilton cerca il miglior crono personale con la più dura C2, obiettivo migliorare il tempo ottenuto in mattinata da Bottas.

Ore 17:00. Ottima la progressione di Grosjean che l’ha portato in seconda posizione con 1:19:320.

Ore 16:55. Vettel e Raikkonen stanno girando con ottimi tempi con le mescole C3, mentre Ricciardo studia le reazioni della C2.

Ore 16:50. Discorso opposto per la Racing Point: Perez è riuscito a completare solamente 30 giri, è stato sopravanzato anche da Hamilton e Ricciardo che hanno girato solamente nel pomeriggio.

Ore 16:47. Nonostante la breve interruzione Sainz è quasi a quota 100 tornare percorse, risultato lusinghiero per la McLaren considerando che è solamente dietro a Ferrari e Red Bull.

Ore 16:38. Kvyat monta il compound C4, gli pneumatici a banda rossa, e stabilisce un nuovo record personale in 1:19.635, risalendo al quarto posto.

Ore 16:35. Hamilton supera quota 50 giri percorsi, ottenuti nella sola sessione pomeridiana, con 1:20.135.

Ore 16:24. Torna in pista Grosjean, montando le mescole C3, si migliora subito siglando 1:19.940.

Ore 16:18. Il ritmo di Ricciardo sta iniziando a calare, è un chiaro segno che le sui gomme, di mescola C2, ormai non ne hanno più.

Ore 16:12. Vettel torna in pista con la mescola C3 ma, dopo il primo giro, effettua un passaggio ai box anziché transitare dal rettilineo.

Ore 16:09. Nuovo best lap per Raikkonen che riduce il distacco da Vettel a soli tre decimi.

Ore 15:58. Verstappen torna in pista, questa volta con il compound C3, per cercare di scalare la classifica.

Ore 15:51. Miglior tempo personale per Grosjean, in 1:20.094, che sale in sesta posizione, il crono è scaturito da una serie di giri con un passo davvero costate.

Ore 15:44. Un solo giro per Sainz che ora rientra ai box: i meccanici della McLaren vogliono sincerarsi che tutto funzioni per il meglio. Anche Hamilton ritorna in pista, mentre Vettel fa segnare 122 giri percorsi.

Ore 15:42. Rientra in pista Sainz dopo che la sua McLaren si era ammutolita all’uscita della corsia box.

Ore 15:38. Ecco la situazione dei giri percorsi da ciascun pilota, a un’ora e mezza dallo start della sessione pomeridiana.

Ore 15:35. Incredibile sequenza di giri per Kvyat: il russo sale ora in quarta posizione facendo segnare come miglior crono 1:19.600.

Ore 15:32. Kvyat sale fino in ottava posizione, sopravanzando Hulkenberg e Grosjean, per la Toro Rosso è il primo guizzo dall’inizio dei test.

Ore 15:28. Torna in pista Vettel, proprio nel momento in cui Hamilton rientra.

Ore 15:20.  Hamilton si migliora segnando  1:20.440 a meno di tre decimi dal miglior tempo di Bottas.

Ore 15:15. Gran tempo di Raikkonen con 1’19.483 che gli vale il secondo crono; tempo ottenuto con pneumatici di mescola C3, tutti gli altri in pista al momento usano le C2 leggermente più dure.

Ore 15:12. Ricciardo fa segnare il suo primo crono 1:22.923, mentre Hamilton sale in settima posizione con 1:20.521.

Ore 15:08. Fa il suo debutto ufficiale in Renault Daniel Ricciardo. Vettel è il primo a superare quota 100 giri percorsi.

Ore 15:01. Si riprende: Verstappen, Hamilton, Perez, Hulkenberg sono di nuovo in pista.

Ore 14:58. Terza bandiera rossa della giornata, a fermarsi la McLaren di Sainz in corrispondenza dell’uscita dei Box.

Ore 14:51. Max Verstappen si migliora con la mescola C2: l’olandese sale in seconda piazza con 1:19.600.

Ore 14:05. Conferenza stampa in casa Pirelli con Mario Isola che illustra le novità per il 2019.

Ore 14:00. Riprende l’attività in pista con la sessione pomeridiana.

Ore 13:45. La Williams fa sapere attraverso un comunicato che la vettura non potrà scendere in pista prima della giornata di mercoledì: davvero un inizio difficile per il team di Grove.

Ore 13:00. Cala il sipario sulla sessione mattutina. Vettel chiude al comando con 72 giri percorsi ed un ottimo 1:18.161 quale miglior tempo, mettendo subito in mostra un ottimo passo con la nuova SF90. Alle sue spalle Perez (1:19.944) e Bottas (1:20.127), quindi Raikkonen, Verstappen, Sainz, Hulkenberg, Grosjean e Kvyat.

Ore 12:49. Ultimi minuti prima della pausa pranzo: Vettel è salito a quota 67 tornate percorse, precedendo da questo profilo Bottas (61), Hulkenberg (59), Sainz (54) e Verstappen (51). Ferma a quota 12 giri la Haas di Grosjean, dopo il problema alla pompa benzina accusato in precedenza.

Ore 12:17. Vettel è rientrato in pista con una mescola più soffice, passando al C3. Il tedesco abbassa ulteriormente il miglior crono odierno, scendendo a 1:18.161. Un dato notevole, soprattutto considerando che lo scorso anno il miglior tempo assoluto nei test fu fatto registrare dallo stesso pilota tedesco in 1:17.182.

Ore 12:00. Questa la situazione dei tempi, quando manca un’ora alla conclusione della sessione mattutina:

Ore 11:20. Vettel nel frattempo ha abbassato il limite odierno a 1:19.137, sempre con la mescola C2. Le condizioni della pista vanno progressivamente migliorando, complice anche l’innalzamento delle temperature.

Ore 10:56. Seconda bandiera rossa della giornata: la Haas di Grosjean è ferma in pista all’altezza dell’ultima chicane.

Ore 10:36. Ricordiamo che sono cinque i compound messi a disposizione da Pirelli per quanto riguarda questi test. Vettel ha ottenuto la migliore prestazione con il C2, mentre Raikkonen e Sainz alle sue spalle con il C3.

Ore 10:07. Vettel continua ad inanellare giri con una certa regolarità, rendendosi anche autore di un innocuo testacoda all’altezza dell’ultima chicane.

Ore 9:55. Mentre ci avviamo verso lo scadere della prima ora, Vettel detiene il miglior tempo in 1:20.920 con 12 giri all’attivo. Segue Raikkonen a soli 25 millesimi, quindi Sainz, Hulkenberg e Bottas. Ancora nessun crono per Haas, Toro Rosso e Red Bull.

Ore 9:17. Una volta recuperata la vettura del pilota finlandese, la sessione può ripartire con Mercedes, Ferrari, Renault e Red Bull subito in pista.

Ore 9:06. Prima bandiera rossa della giornata. La causa è da ricercarsi nell’Alfa di Raikkonen, insabbiatosi in curva 5 subito dopo l’installation lap.

Ore 9:00. Bandiera verde! La prima vettura in pista è la Mercedes di Bottas, dotata di vistosi rastrelli nella zona centrale della vettura. Segue a ruota anche la SF90 di Vettel, a sua volta ricca di dotazioni nella parte posteriore.

Ore 8:20. Dopo la scuderia americana tocca all’Alfa Romeo presentare la propria monoposto. Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi tolgono i veli alla nuova C-38 che presenta interessanti soluzioni soprattutto nella parte anteriore della vettura. Sorridente il pilota italiano, alla sua “prima” da pilota titolare dopo essere stato chiamato a sostituire Wehrlein nei primi due appuntamenti della stagione 2017.

Ore 8:00. Cielo sereno ma temperatura decisamente frizzante per quanto riguarda la prima giornata di test. Ad aprire le danze è il team Haas, che dopo il lancio “virtuale” della scorsa settimana presenta la nuova VF-18 nella pit-lane del tracciato catalano.

Dai nostri inviati – Marco Privitera e Michele Montesano

Previous articleF1 | LiveGP vi racconta i test di Barcellona a 360°
Next articleWSBK | Test Phillip Island, Day-1: il migliore è Bautista
Nato a Potenza nel 1989 (l’anno del primo cambio al volante della F1), studio ingegneria meccanica. Da sempre innamorato delle auto e tutto ciò che le riguarda, fin da piccolo leggevo contemporaneamente Topolino e… Autosprint. Sono un divoratore di notizie riguardo il motorsport qualunque esso sia: F1, Endurance o GT, cerco di informarmi fino allo spasimo. Nonostante abiti in Basilicata, una regione con poca attrazione per le competizioni motoristiche, cerco di vedere il più possibile gare dal vivo anche al costo di macinare chilometri. Amo soprattutto la tecnica e cerco di capire ogni singolo dettaglio di una vettura ed il suo funzionamento d’insieme, sia per quanto concerne l’aerodinamica che per il telaio e motore. Ferrarista dalla nascita ed Alfista da prima di patentarmi, adoro il modellismo sia statico che dinamico. Oltre alla passione per i motori nutro interesse per l’arte, l’architettura ed i fumetti di cui scrivo su artspecialday.com. Il mio sogno sarebbe fare e vivere di motorsport a 360 gradi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.