In seguito all’accordo tra team e vertici della F1 per rimandare la presentazione del regolamento del 2021 ad ottobre, anche Bernie Ecclestone ha proposto una sua personale ricetta per quello che sarà il prossimo futuro dello sport automobilistico per eccellenza. Intervistato da ESPN, l’ex boss ha esposto quindi le sue idee in merito alla questione.




Nonostante gli 88 anni di età, Ecclestone dimostra come sempre di avere idee futuristiche. La sua visione porta infatti l’aggiunta di un campionato costruttori ed uno riservato ai team privati, con questi ultimi non più chiamati a progettare la monoposto, ma che sarebbe acquistata dalle squadre come avviene in Formula 2.

Ecco il pensiero di Mister E nel dettaglio:

“In primo luogo, non parlerei con le squadre. È come avere un comitato e non ne hai bisogno quando prendi decisioni come questa. L’idea è quella di avere due campionati. Sono entrambi campionati del mondo; uno è il campionato del mondo costruttori e l’altro è il campionato del mondo delle squadre. Il Campionato del mondo piloti non sarà influenzato in alcun modo. Il Campionato Costruttori è per le squadre che producono il motore e il telaio; squadre come Ferrari e Mercedes.”

Per il campionato delle squadre farei costruire una vettura, come una macchina F2 molto sofisticata. Se la Honda decidesse di non essere in F1, o se la Renault decidesse di non essere un costruttore, farei un buon affare per uno di loro per rifornire tutti. I motori sarebbero simili a quelli che abbiamo oggi. Ma un motore deve durare un’intera stagione, con un motore di riserva da utilizzare solo se quello originale ha un guasto.”

“Quindi se vuoi iniziare una squadra, ecco la tua occasione. Ti darei un’auto completa e un motore di riserva. E ti darei 30 milioni di dollari all’anno. In questo modo possiamo dimenticare tutte queste assurdità. Devi guidare la squadra il meglio che puoi. Hai 30 milioni di dollari per avviarti, quindi devi uscire e trovare degli sponsor.”

“La gente poi direbbe: ‘Aspetta un minuto! Anche con un buon pilota, non c’è modo di battere i costruttori, come batteremo la Ferrari?’ Nessun problema. Andremo a bilanciare il tutto facendo un paio di cose per aiutare il campionato delle squadre.”

“In primo luogo, se lo desideri, puoi fare rifornimento. Hai solo un set di gomme ma, se vuoi fermarti a fare rifornimento, puoi anche cambiare le gomme. Allora forse dovremmo cambiare il peso della macchina. Se trovassimo che le auto del campionato squadre non siano veloci, ci assicureremmo che le vetture dei costruttori fossero un po’ più pesanti. In questo modo, potresti facilmente recuperare due secondi.”

“Con una strategia di rifornimento e il cambio delle gomme, potresti trovare un altro secondo al giro. Ma solo se vuoi farlo. Tocca a voi. E un’altra cosa; le squadre potrebbero gareggiare con una sola macchina, qualora volessero.”

“Le regole per la progettazione delle auto dei costruttori sarebbero come sono oggi, in modo da non potersi lamentare. L’unica cosa che farei con le regole è puntare sul peso e dire che potremmo aver bisogno di cambiarlo un po’.”

“Questo potrebbe far pensare alle persone al di fuori della F1: ‘Possiamo entrare anche noi’. So per certo che Volkswagen – attraverso Audi – lo ha fatto quasi quattro anni fa perché mi ero avvicinato ad un accordo con loro. Ma poi hanno avuto tutti quei problemi con le emissioni in America. Sono fiduciosi che i loro ingegneri sono abbastanza talentuosi da progettare un’auto e un motore competitivo entro due anni.”

“Il vincitore del campionato costruttori dirà: ‘Siamo campioni del mondo’. Il vincitore del campionato squadre invece dirà: ‘Abbiamo vinto il campionato del mondo delle squadre’. Avresti uno sponsor per ogni campionato.”

“Il tizio in tribuna non potrà dire: ‘Non è giusto, perché questa squadra sta spendendo 350 milioni all’anno e quella sta spendendo 70 milioni’. L’idea è di bilanciare i due tipi di auto e le squadre che spendono 70 milioni di dollari potrebbero avere la possibilità in alcune occasioni di salire sul podio.”

“Qualcuno dirà: ‘Tutto molto bene, ma per quanto riguarda l’investimento che squadre come Racing Point hanno fatto con le loro strutture quali saranno le conseguenze?'”

“La risposta è che Racing Point avrebbe dovuto chiudere i battenti se Lawrence Stroll non avesse fatto il suo investimento. Ci sono altre piccole squadre in una situazione simile. Se vogliono restare in F1, questo è un modo per farlo.”

“È qualcosa di completamente nuovo. Ovviamente, i costruttori hanno più possibilità di vincere le gare rispetto alle squadre. Ma non è una novità, perché quando Moss vinse per Rob Walker, fu in un momento in cui i costruttori di solito avevano le migliori possibilità di vincere.”

“Avendo due campionati in questo modo stiamo aiutando i piccoli team lasciando che i produttori corrano come vogliono. Ma se la Ferrari vuole fermarsi, può fermarsi. Oppure possono unirsi ai membri del team, se lo desiderano. La scelta è loro.”

“È lo stesso per i produttori di motori. Se sei la Renault, puoi scegliere di essere un costruttore e spenderai 350 milioni, o essere un fornitore di motori – e li farei fornire i motori gratuitamente a tutti – ma in cambio c’è un grande spazio sulla macchina che dice che è un motore Renault. Avrebbero guadagnato più pubblicità di quello che otterrebbero ora, e costerebbe meno.”

La F1 deve attirare nuovamente l’attenzione della gente. Se hai quattro amici che partecipano a una gara, vuoi avere una situazione in cui nessuno di loro può essere d’accordo su chi vincerà. Tutto ruota attorno alla Ferrari e alla Mercedes, ma altre squadre hanno la possibilità di essere tra di loro per circa un quinto del budget.”

“Tutto è pronto per la discussione. Ma la linea di fondo è avere intrattenimento a prezzi accessibili piuttosto che una tecnologia molto costosa.”

Queste dunque le idee di Bernie Ecclestone, con una visione sicuramente rivoluzionaria della Formula 1 del futuro in favore dello spettacolo e contro il monopolio dei costruttori.

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.