Si è conclusa da poco la terza e ultima sessione di libere sul tracciato cittadino di Singapore. A comandare la sessione è un sorprendente Charles Leclerc, che con 1:38.192 fa segnare il miglior tempo del week-end fino ad ora. Secondo Lewis Hamilton, staccato di soli 2 decimi dal pilota monegasco. Più lontani tutti gli altri, con Sebastian Vettel terzo, ma a 6 decimi di secondo.




Un turno di prove abbastanza sorprendente quello di oggi, con una Ferrari che dopo un venerdì con più ombre che luci è riuscita a ribaltare la situazione, almeno per ora. Ci si aspettava una Mercedes dominante, ma alla fine le frecce d’argento si sono fermate “soltanto” al secondo posto con Lewis Hamilton ed al quarto con Valtteri Bottas. Da segnalare però che problemi di traffico non hanno permesso al 5 volte campione del mondo (finito anche in testacoda in uscita dai box con gomme fredde) di chiudere il giro in maniera perfetta.

A sandwich tra le Mercedes Vettel, staccato di 619 millesimi dalla vetta; 74 invece i millesimi di ritardo di Bottas dal tedesco. Quinto e sesto posto per le Red Bull, entrambe con un distacco superiore al secondo e con Alex Albon davanti a Max Verstappen. Anche l’olandese però non è riuscito a completare un giro perfetto.

Prima scuderia ad inseguire i top team è la McLaren, con Carlos Sainz settimo davanti al compagno di squadra Lando Norris. A seguire le due Renault, con Nico Hulkenberg ancora più veloce di Daniel Ricciardo. Distacchi superiori ai 2 secondi per tutti gli altri, con le Haas particolarmente in difficoltà, davanti al solo Robert Kubica. Bene George Russell, quindicesimo con la Williams davanti anche ad Antonio Giovinazzi.

La sessione è stata interrotta anche da una bandiera rossa, esposta dopo che Sergio Perez ha urtato le barriere e ha lasciato detriti in pista. Prove mai iniziate praticamente per Daniil Kvyat che ha accusato una perdita d’olio sulla sua Toro Rosso.

Alle 15 le qualifiche, da seguire attraverso la nostra cronaca si su LiveGP che su Radio LiveGP.

Immagine

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.