Terza vittoria nel Principato, la numero 77 in carriera, per Lewis Hamilton che dopo 78 tiratissimi giri, è riuscito ad imporsi su un coriaceo Max Verstappen e su Sebastian Vettel, fortunato a sfruttare i guai altrui. Weekend decisamente no per Charles Leclerc che, dopo essere stato eliminato nel Q1 al sabato, in gara ha tentato una rimonta impossbile dal fondo, ritirandosi dopo il contatto con Nico Hulkenberg. Ma vediamo i voti ai protagonisti del Gran Premio di Monaco, sesta prova del Mondiale di F1.




Lewis Hamilton 10. Onora al meglio il casco in memoria di Niki Lauda con un guizzo dei suoi in qualifica che gli vale la pole position numero 85 in carriera. La gara, poi, non si rivela propriamente semplice visto che si ritrova alle calcagna per buona parte della gara Verstappen, con cui viene a contatto, senza conseguenze, nel finale di gara.

Max Verstappen 9,5. Mezzo voto in meno per la penalizzazione che gli costa un podio davvero strameritato. Per il resto mette insieme un weekend quasi perfetto, dove a tratti sembra averne di più addirittura delle Mercedes.

Sebastian Vettel 7,5. Miglior risultato stagionale sia per lui che per la Ferrari. Ma c’è poco da sorridere visto che, al netto delle disgrazie altrui, sarebbe dovuto stare fuori dal podio. Almeno nelle dichiarazioni sembra non voler mollare, ma la realtà è davvero dura per Maranello.

Valtteri Bottas 7,5. Al sabato è sconfitto, la domenica non riesce a giocarsi fino in fondo le sue chance dato che viene spinto contro le barriere della corsia box da un arrembante Verstappen. Ma nel Mondiale è sempre lì e c’è da scommettere che già a Montreal cercherà di restituire lo sgarbo subito.

Pierre Gasly 7. Uno dei migliori weekend per il transalpino che, gara dopo gara,  sembra aver finalmente trovato il feeling con la sua Red Bull.

Carlos Sainz 8. Che gara quella dello spagnolo! Parte nono e conclude in sesta posizione, ottenendo la miglior prestazione stagionale e la settima piazza nella classifica iridata.

Daniil Kvyat 8,5. Prestazione maiuscola anche per il “russo de Roma” che, dopo l’ottava posizione in qualifica, ottiene punti preziosissimi per la Toro Rosso che ora mette nel mirino la quinta posizione occupata dalla Racing Point.

Alexander Albon 8,5. Sempre più una certezza. Non commette nessun tipo di errore, a differenza di qualche collega ben più esperto e scafato di lui, e si propone come uno dei giovani più interessanti del Circus.

Daniel Ricciardo 7. Almeno per questo weekend può sorridere un pò di più, anche se visto la posizione in qualifica, era lecito aspettarsi qualcosa in più da lui.

Romain Grosjean 7. Bissa il piazzamento a punti di Barcellona recuperando dalla tredicesima posizione in griglia. Ma si fa beffare da Leclerc alla Rascasse…

Lando Norris 5,5. In leggera flessione nelle ultime due gare, cerca di riscattare un’opaca qualifica. Ma senza grande ritmo, nonostante una McLaren piuttosto in forma nel Principato.

Sergio Perez 6. Salva l’onore (se così si può dire) di una Racing Point in crisi totale. Si prende un bello spavento all’uscita della pitlane quando si trova davanti due stewards in piena traiettoria.

Nico Hulkenberg 5. Weekend nero per uno come lui che, sui cittadini, spesso si è esaltato.

Kevin Magnussen 4,5. Con la sesta posizione in griglia, ci si aspettava un tranquillo approdo in zona punti per il danese. Che invece sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare, venendo penalizzato e terminando addirittura in P14.

George Russell 7. Miglior risultato stagionale su una pista dove il manico conta ancora, con una gara attenta e senza nessun tipo di sbavatura.

Lance Stroll 4,5. In qualifica si mette dietro solo le due Williams. In gara va un pochino meglio ma solo per i guai delle due Alfa. Che l’aria di casa lo possa rivitalizzare?

Kimi Raikkonen 5. Sicuramente sperava di festeggiare in modo migliore i 300 Gp in carriera. Ma l’Alfa vista a Montecarlo preoccupa in vista del prosieguo del Mondiale.

Robert Kubica 5,5. Tiene botta a Russell in qualifica, venendo battuto sonoramente in gara dal giovane collega inglese. C’erano dubbi sulla sua tenuta fisica in un Gran Premio duro come quello monegasco: esame passato a pieni voti!

Antonio Giovinazzi 4,5. La sfortuna con lui ci vede benissimo, ma purtroppo ci mette anche del suo. Penalizzato per aver ostacolato involontariamente Hulkenberg in qualifica, in gara non ha proprio il passo per stare con chi gli sta davanti, venendo anche penalizzato di 5″ per un incidente con Kubica. Urge una scossa per raffreddare il suo sedile oramai caldissimo.

Charles Leclerc 7. Ci doveva provare. E ci ha provato, regalando spettacolo nelle prime fasi del Gran Premio. Poi è un pò troppo ottimista nell’episodio con Hulkenberg ed è costretto al ritiro.

Vincenzo Buonpane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.