Charles Leclerc vince il GP d’Italia a Monza, centrando la sua seconda vittoria in carriera ad appena una settimana dal primo successo ottenuto a Spa-Francorchamps. Seconda gara consecutiva vinta dunque dalla Ferrari, che torna sul gradino più alto del podio nell’appuntamento casalingo dopo ben 9 anni. Seconda posizione per Valtteri Bottas, seguito da Lewis Hamilton, con entrambi i piloti Mercedes che hanno messo sotto pressione il monegasco.




Grande corsa quella disputata da Leclerc, che per tutti i 53 giri si è tenuto alle spalle le Mercedes, minacciose prima con Hamilton e poi con Bottas. Ottima anche la strategia adottata da parte del team di Maranello, che invece di montare la mescola media (come le Mercedes) ha deciso di montare sul vincitore la gomma più dura. Una scelta dimostratasi poi favorevole, visto anche il degrado accusato dal 5 volte campione del mondo, che nel finale è rientrato di nuovo ai box per montare coperture soft, conquistando così anche il punto del giro più veloce.

Gara da dimenticare invece per Sebastian Vettel, che dopo aver perso una posizione nel corso del primo giro si è subito rimesso in quarta posizione, ma poi si è reso protagonista di un testacoda all’Ascari che ha compromesso la sua corsa, complice anche un contatto con Stroll al momento della ripartenza. Il tedesco infatti ha danneggiato l’ala anteriore, venendo anche penalizzato per essere ripartito in condizioni non sicure per gli avversari; alla fine ha terminato tredicesimo.

Giornata importante invece per la Renault, che grazie al quarto posto di Daniel Ricciardo ed il quinto di Nico Hulkenberg ha conquistato punti pesanti in ottica costruttori, riportandosi al quinto posto alle spalle della McLaren. Gara non felicissima invece per il team di Woking, a punti con il solo Lando Norris (decimo) dopo il ritiro di Carlos Sainz, dovuto ad un errore nell’avvitamento dell’anteriore destra nel corso del pit stop.

Sesto posto per Alex Albon, davanti a Sergio Perez e Max Verstappen, scattato dal fondo. A punti anche il nostro Antonio Giovinazzi, nono e autore di un’ottima corsa davanti al pubblico di casa.

Terminato questo appuntamento la Formula 1 tornerà in pista tra due settimane a Singapore, una pista sulla carta favorevole alla Mercedes.

Immagine

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.