Si è conclusa anche l’ultima sessione di prove libere di Formula 1 sul circuito di Montréal e a dettare legge, ancora una volta, è stata la Ferrari con un duello intenso fra i suoi due piloti. A spuntarla è stato Sebastian Vettel autore di un tempo impressionante in 1’10”843, poco più dietro il suo team mate Charles Leclerc. Più distaccate le Mercedes che non sono riuscire a scendere sotto il muro del 1’11. Il team della stella è anche preoccupato per la fiammata uscita dalla nuova Power Unit della Racing Point di Lance Stroll. A quasi un secondo dal vertice le due Red Bull ancora in difficoltà su di un circuito non favorevole per la RB15.




La Ferrari, appena scesa in pista, ha preso il comando della sessione e non l’ha quasi più lasciato, se si esclude la breve comparsa di Hamilton e Bottas sui piani alti della classifica.
In Ferrari hanno spinto tanto sulla simulazione da qualifica per cercare di trovare la prestazione pura con le gomme di mescola Soft e ci sono riusciti. Le Mercedes non hanno fatto benissimo sul giro secco: è da capire se hanno deciso di nascondersi oppure il distacco è reale e, in tal caso, è da vedere quanto gap riusciranno a recuperare per le qualifiche. Inoltre il campanello d’allarme è scattato con la fiammata uscita dal cofano della Racing Point di Stroll: il canadese stava percorrendo il rettilineo prima della chicane finale quando ha visto fiamme e fumo e ha dovuto fermare la vettura in pitlane prima di essere recuperata dai meccanici.

Decisamente distaccate le Red Bull che non hanno ancora trovato la quadra della situazione: lo dimostra il fondo piatto della monoposto di Gasly verniciato di paraffina per capire l’andamento dei flussi. Ottima la performance di Ricciardo che è riuscito a rivitalizzare una Renault ancora claudicante portandola, con il settimo posto, a ridosso dei top team. A seguire Lando Norris, a suo agio sul circuito canadese, e Sergio Perez a continuare il trend positivo fatto vedere già ieri; chiude La top-10 Daniil Kvyat.

Da segnalare l’ottimo recupero di Antonio Giovinazzi: l’italiano si è ampiamente riscattato dall’incidente di ieri segnando il quindicesimo crono davanti al compagno di team Kimi Raikkonen, anche se ci si aspettava qualcosa di più dall’Alfa Romeo. Da segnalare il contatto al muro dei campioni da parte di Romain Grosjean che ha costretto i meccanici Haas a dover controllare il retrotreno della monoposto. Ancora una volta la vernice gommata, della pavimentazione dei box, è stato protagonista in negativo: continuandosi a staccare in vari box.

Appuntamento alle 20:00 ora italiane per le qualifiche del Gran Premio del Canada, che potrete seguire con il nostro commento Live su RadioLiveGP a partire dalle 19:50.

Da Montréal – Michele Montesano

Previous articleEF Open | Marino Sato non si ferma più: pole e vittoria in gara-1 anche a Spa
Next articleF1 | Gp Canada, qualifiche: pole strepitosa di Vettel!
Nato a Potenza nel 1989 (l’anno del primo cambio al volante della F1), studio ingegneria meccanica. Da sempre innamorato delle auto e tutto ciò che le riguarda, fin da piccolo leggevo contemporaneamente Topolino e… Autosprint. Sono un divoratore di notizie riguardo il motorsport qualunque esso sia: F1, Endurance o GT, cerco di informarmi fino allo spasimo. Nonostante abiti in Basilicata, una regione con poca attrazione per le competizioni motoristiche, cerco di vedere il più possibile gare dal vivo anche al costo di macinare chilometri. Amo soprattutto la tecnica e cerco di capire ogni singolo dettaglio di una vettura ed il suo funzionamento d’insieme, sia per quanto concerne l’aerodinamica che per il telaio e motore. Ferrarista dalla nascita ed Alfista da prima di patentarmi, adoro il modellismo sia statico che dinamico. Oltre alla passione per i motori nutro interesse per l’arte, l’architettura ed i fumetti di cui scrivo su artspecialday.com. Il mio sogno sarebbe fare e vivere di motorsport a 360 gradi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.