La gara andata in scena in quel di Melbourne non è stata di sicuro come ci si aspettava per la scuderia di Maranello. Una Ferrari troppo brutta per essere vera, ma anche troppo fuori dalla realtà considerando i responsi dei recenti test di Barcellona. Vettel quarto e Leclerc quinto, staccati di quasi un minuto rispetto alla Mercedes del vincitore Valtteri Bottas, gettano nello sconforto i tantissimi appassionati della rossa che credevano in una Ferrari capace di poter vincere la prima gara di questo 2019. Una SF-90 non capace di trovare l’assetto giusto e non capace di gestire al meglio le gomme, ma forse c’è dell’altro.




Durante la gara abbiamo notato un uso molto cauto della power unit Ferrari, come a voler confermare i rumors post qualifiche, che parlavano di un motore depotenziato per evitare problemi tecnici in gara. Noie tecniche che la Ferrari aveva accusato nella seconda settimana di test a Barcellona.

Sfruttando il lavoro di Alex Brunetti (che potete trovare sul suo account Twitter), il quale ha seguito la gara dagli onboard camera dei piloti ed ha sentito tutti i team radio di Sebastian Vettel, si può notare un uso quantomeno anomalo della power unit Ferrari.

La prima stranezza riguarda l’uso risicato della mappatura spinta nella prima fase di gara. Infatti la Rossa di Vettel scatta al via con la mappatura engine 1 (che dovrebbe essere quella più spinta), per poi passare dopo pochi giri ad una mappa motore molto più tranquilla, engine 5. Scelta molto differente rispetto alla passata stagione, quando si scendeva gradualmente dalla mappatura 1 alla mappatura 3-4. Eppure in quella fase Vettel doveva stare vicino al duo Mercedes per non permetterne la fuga.

La mappatura più estrema (engine 1) viene autorizzata solo prima del pit stop del tedesco, avvenuto nel corso del quindicesimo giro, nella fase di gara in cui la Ferrari cercava di colmare il gap con Lewis Hamilton. Tale mappatura non viene più usata neanche durante la difesa su Verstappen, nel corso del giro numero 31. In quella fase di gara la SF-90 di Vettel era settata su una mappatura motore molto blanda, engine 5, quando normalmente, per non perdere la posizione, si opta per la mappatura engine 1, tenendo in considerazione anche il fatto per cui l’olandese avesse montato solo da pochi giri la gomma medium nuova, rispetto alla gomma gialla già usata da una quindicina di giri da parte del tedesco. Questo spiega come Verstappen sia riuscito a “sverniciare” la Ferrari nel rettilineo che porta in curva tre con una power unit Honda, oltre all’azionamento del DRS da parte dell’olandese.

Le stranezze continuano anche nella fase centrale della gara, quando Vettel comincia a “tirare” le marce in maniera eccessiva, soprattutto in curva 13 e alla 14, per cercare di avere dei giri motore più alti, presumibilmente per spingere al massimo la MGU-H, come se ci fosse la necessità di ricaricare tanto, sfruttando una mappatura SOC (state of charge) estrema. Pochi giri più tardi arriva un altro team radio di Vettel in cui parla di “lag” nella sua power unit, dunque di un ritardo di erogazione della potenza, forse dovuto ad un non perfetto funzionamento della parte turbo?

Sensazioni relative a una power unit problematica vengono ravvisati nuovamente da Vettel, che ad una ventina di giri dal termine chiede a Riccardo Adami se sia tutto a posto sulla sua macchina e chiede il motivo per il quale stia andando molto lento, il quale dribbla la questione dicendo che è tutto ok. Sul finire della gara in Ferrari decidono di congelare le posizioni, non permettendo a Leclerc di sorpassare un Vettel in evidente difficoltà.

In conclusione: chi scrive non è un tecnico, tantomeno il buon Alex Brunetti, e non può dare la sentenza definitiva sulla prestazione della Ferrari, ma di certo possiamo dire che qualcosa di anomalo sulla power unit della Rossa si sia palesato in questo weekend, anche perché, se non fosse così, il mondiale avrebbe preso già una strada molto lontana da Maranello.

Francesco Magaddino (dati di Alex Brunetti)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.