FIA WEC

Saranno 33 le formazioni che parteciperanno alle sei prove del FIA World Endurance Championship (WEC) da Sebring al Bahrain. Nella giornata odierna sono stati resi noti dagli organizzatori gli equipaggi che si contenderanno la nona edizione del Mondiale endurance, una stagione che sarà l’inizio di un nuovo ciclo con le Hypercar. Per la prima volta dal 2012 non vediamo nell’entry list le LMP1, sostituite da quest’anno da un’inedita realtà.

Sono sei i contendenti nella classe regina. Toyota, unica squadra che ha già rivelato la propria auto, dovrà vedersela con Alpine e Glickenhaus. I francesi hanno confermato la propria presenza con il brasiliano André Negrão, mentre gli americani hanno reso noto la partecipazione dello statunitense Gustavo Menezes, ex pilota Rebellion in LMP1 e l’australiano Ryan Briscoe. Ricordiamo però che la compagine di Cameron Glickenhaus sarà in pista solo dalla 6h di Spa-Francorchamps, seconda prova in programma.

La LMP2 accoglie nuovi team nel WEC

Undici auto si sfidano in LMP2. Scorrendo l’entry list evidenziamo cinque formazioni eleggibili per la nuova LMP2 Pro-Am, classe riservata alle équipe con un pilota bronzo in macchina. I campioni di United Autosport, JOTA Sport, Racing Team Nederland, High Class Racing si ripresentano della LMP2 che vede il ritorno di DragonSpeed con il colombiano Juan Pablo Montoya.

L’equipaggio femminile del Richard Mille Racing Team approda nel FIA WEC dopo l’esperienza in ELMS insieme al Realteam Racing ed al Inter Europol Competition. Evidenziamo il debutto di WRT. La storica squadra di Audi nel mondo delle GT3 approda in LMP2 un’Oreca affidata all’olandese Robin Frijns, pilota DTM fino al 2020 per la casa di Ingolstadt.

Solo una Ligier parteciperà al WEC 2021. ARC Bratislava, rappresentata dal pilota e proprietario Miro Konopka, è l’unica alternativa al monopolio Oreca. Con l’assenza di Cetilar Racing non vi saranno Dallara nel gruppo.

La GTE PRO piange l’assenza di Aston Martin

Dopo la chiusura del progetto Ford nel 2019, l’abbandono di BMW ed il forfait al termine del 2020 di Aston Martin, restano solo due costruttori in GTE-PRO. Ferrari e Porsche si sfideranno nelle sei prove previste e molto probabilmente dovrebbero essere raggiunte da Corvette nella prestigiosa location di Le Mans.

Alessandro Pier Guidi/James Calado #51, Daniel Serra/Miguel Molina #52 rappresenteranno la Rossa, mentre Gianmaria Bruni/Richard Lietz e Kevin Estre/Neel Jani saranno protagonisti con la casa di Weissach.

WEC: GTE-AM con 13 auto

Tre Aston Martin, cinque Ferrari e cinque Porsche si contenderanno il titolo GTE-Am. Ferrari, a segno nella Superseason 2019/2020, porta in pista cinque auto. Due 488 GTE saranno schierate da AF Corse, 1 da Cetilar Racing e due per Iron Lynx. Tutti gli equipaggi Ferrari sono già stati resi noti ad eccezione del Cetilar Racing, squadra in cui troviamo solamente Roberto Lacorte.

Non ci sono novità in casa Porsche. Dempsey-Proton Racing e Team Project 1 ritorneranno nel WEC dopo un campionato abbastanza difficile. Christian Ried e Julien Andlauer sono i primi due nomi resi noti da Proton, mentre sulla vettura di Project 1 ritroveremo il norvegese Egidio Perfetti in compagnia del nostro Matteo Cairoli. L’esperto tedesco Jörg Bergmeister è al momento l’unico annunciato con la 911 RSR – 19 (#46). Anche GR Racing torna nella serie con il britannico Michael Wainwright.

Sono invece tre le Vantage AMR in pista. TF Sport, vincitori della 24h di Le Mans, si preparano a dar battaglia con una formazione inedita composta da Ben Keating/Felipe Fraga/Dylan Pereira. L’equipaggio che nel 2020 ha corso con Project 1 difenderà i colori del famoso brand britannico con i giapponesi di D’station Racing ed la vettura ufficiale del canadese Paul Dalla Lana.

L’entusiasmo di Frederic Lequien

Frederic Lequien, nuovo CEO del FIA WEC, ha espresso la sua soddisfazione ai microfoni della serie: “Non c’è dubbio che il futuro delle gare di durata sia molto luminoso. Abbiamo una nuovissima categoria di Hypercar che è destinata a crescere ancora di più dal prossimo anno ed un incoraggiante numero nelle classi LMP2 e LMGTE Am”.

Confermato al momento il calendario nonostante alcune indiscrezioni di una possibile cancellazione dell’opening round di Sebring (Florida/USA). Ricordiamo che il FIA World Endurance Championship sbarcherà a Monza nel week-end del 18 luglio con una 6h.

La lista completa dei partecipanti è disponibile presso questo link.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.