WTCC | A Monza riaperte le danze: nei test domina Huff

Wtcc

Si è aperta la stagione 2017 del WTCC con il prologo di Monza. Una due giorni di test dove si sono alternate le forze in campo che si sfideranno nel corso del Mondiale, nonostante quest'ultimo si troverà ad affrontare un'annata davvero dura dopo la defezione di ben due case ufficiali (Citroën e Lada) ed una griglia che stenta a riempirsi con sole 16 vetture al momento confermate. Anche il calendario è stato ridotto a soli dieci doppi eventi, nonostante ci siano da segnalare i prestigiosi ritorni di Macao e Monza.

Proprio sul circuito brianzolo si sono avvicendati i protagonisti con le due case ufficiali rimaste: le tre Honda Civic della JAS Motorsport e le tre Volvo S60 gestite dal "braccio armato" Polestar, insieme alla muta dei privati schierati per il WTCC Trophy con le Lada Vesta, Chevrolet Cruze e Citroën C-Elysée.

Nella due giorni di prove a fare la voce grossa è stato il campione 2012 Rob Huff con la C-Elysèe privata gestita dalla All-Inkl.com Münnich Motorsport con il crono di 1'52”777 nella prima giornata e di 1’52’’600 nella seconda: tutti gli altri sono stati costretti ad inseguire, ma a ben impressionare è stato Yann Erlacher sulla Lada della debuttante RC Motorsport, insieme a Tom Coronel con la sempreverde Chevrolet RML Cruze TC1 gestita dall'italiana Roal. A dimostrare che le Citroën, benché non ufficiali, faranno ancora la voce grossa è l'ottimo tempo segnato da Tom Chilton, alfiere della Sébastien Loeb Racing.

Per quanto riguarda i due team ufficiali, essi sono stati soggetti a fortune alterne: se nella prima giornata la Volvo, con Yvan Muller in qualità di tester (che ha sostituito Nicky Catsburg, impegnato alla 12 Ore di Sebring), ha ben figurato col quinto crono assoluto, nella seconda è stato deciso di effettuare varie prove di comparazione per affinare la vettura senza cercare il riscontro cronometrico.

Discorso diverso e complicato per la JAS, che ha girato molto poco nella prima giornata, scegliendo di fare delle comparazioni con le novità portate separatamente sulle tre Honda Civic per poi deliberare le modifiche in seguito; nella seconda giornata si è issata al quarto posto grazie a Tiago Monteiro, anche se staccata di quasi un secondo dalla vetta, mentre è proseguito l'apprendistato nella categoria del giapponese Ryo Michigami.

Da segnalare le presenze italiane in pista, con la speranza di vederle in pianta stabile: Alberto Cerqui sulla Chevrolet della ROAL Motorsport, vettura che nella seconda giornata ha visto alla guida il gradito ritorno di Roberto Ravaglia, campione proprio della categoria nel 1987 con BMW.

La tredicesima stagione del Mondiale Turismo si presenta come la più combattuta degli ultimi anni, visto l'assenza ufficiale di Citroën, con sicuramente otto piloti che possono contendersi il titolo e quasi tutti gli iscritti che possono ambire almeno ad una vittoria di tappa. Purtroppo i sempre alti costi di gestione e delle vetture ha decimato la griglia, ma la speranza del boss di Eurosport Events, François Ribeiro, è quello di portare in TV un Mondiale con al centro il pilota in tutte le sue sfaccettature: dalla preparazione pre-gara alla vittoria, facendo un ampio uso dei social media.

La speranza è sempre quella di vedere il ritorno massiccio dei costruttori, a cominciare da Alfa Romeo e BMW, magari a rinverdire le battaglie che hanno animato i primi anni di questa categoria. Le luci del semaforo si spegneranno il 9 aprile a Marrakech in occasione della prima gara, mentre noi italiani dovremmo attendere il 30 aprile per rivedere le vetture della categoria regina del Turismo sempre a Monza.

Morning session (Martedì 14 Marzo)
1 Rob Huff (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) 1m52.888s
2 Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) 1m53.665s
3 Néstor Girolami (Polestar Cyan Racing) 1m54.277s
4 Thed Björk (Polestar Cyan Racing) 1m54.470s
5 Yvan Muller (Polestar Cyan Racing) 1m54.490s
6 Yann Ehrlacher (RC Motorsport) 1m54.811s

Afternoon session (Martedì 14 Marzo)
1 Rob Huff (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) 1m53.039s
2 Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) 1m53.336s
3 Yann Ehrlacher (RC Motorsport) 1m53.364s
4 Tom Chilton (Sébastien Loeb Racing) 1m53.366s
5 Yvan Muller (Polestar Cyan Racing) 1m54.346s
6 John Filippi (Sébastien Loeb Racing) 1m54.800s

Morning session (Mercoledì 15 Marzo)
1 Rob Huff (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) 1m52.497s
2 Tom Chilton (Sébastien Loeb Racing) 1m53.682s
3 Tom Coronel (ROAL Motorsport) 1m53.926s
4 Néstor Girolami (Polestar Cyan Racing) 1m54.107s
5 John Filippi (Sébastien Loeb Racing) 1m54.164s
6 Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) 1m54.307s

Afternoon session (Mercoledì 15 Marzo)
1 Rob Huff (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport) 1m52.600s
2 Tom Coronel (ROAL Motorsport) 1m53.255s
3 Tom Chilton (Sébastien Loeb Racing) 1m53.340s
4 Tiago Monteiro (Castrol Honda World Touring Car Team) 1m53.509s
5 Norbert Michelisz (Castrol Honda World Touring Car Team) 1m53.591s
6 Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing) 1m53.789s

Michele Montesano

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies