Nella puntata numero 239 di Circus!, andata in onda lunedì sera su Radio LiveGP, abbiamo avuto l’onore di ospitare il neo-campione del WTCR Gabriele Tarquini. Il pilota di Giulianova, dall’alto delle sue cinquantasei primavere, ci ha raccontato come ha conquistato il campionato mondiale Turismo con la sua Hyundai i30 N gestita dal team tutto italiano della BRC Racing. Inoltre ci ha accompagnato nel suo percorso nel mondo del Motorpsort, puntando un occhio anche alla prossima stagione del Mondiale Turismo.

In casa Hyundai non si dorme sugli allori: a sole due settimane dal trionfo nel WTCR la casa coreana ha presentato già la line-up per la prossima stagione confermando il neo campione Gabriele Tarquini e Norbert Michelisz. Ad affiancare la coppia del team BRC ci saranno Augusto Farfus e Nicky Catsburg. Ma non finisce qui: i programmi in serbo per Hyundai passano dalla nuova Veloster N TCR per il campionato americano, che scenderà in pista nel 2019, fino a giungere alla Veloster elettrica per il futuro campionato ETCR.

La vittoria di Gara 1 del WTCR, nell'ultimo round stagionale in corso di svolgimento a Macao, è andata a Jean-Karl Vernay, portabandiera del Leopard Lukoil Team WRT, in una corsa che è stata molto travagliata a causa di vari incidenti occorsi che hanno causato l’entrata della vettura di sicurezza e della bandiera rossa. Sul podio anche Yvan Muller e Rob Huff, mentre Gabriele Tarquini ha limitato i danni chiudendo quarto e conservando la leadership iridata in vista della doppia prova di domani.

Sono state due gare del Mondiale Turismo diametralmente opposte quelle viste in scena sul tracciato di Suzuka, dove a trionfare sono stati due della vecchia guardia quali Huff e Tarquini. Nella prima manche per Huff è stata una vittoria facile seguito da Oriola e Michelisz. Completamente diversa Gara-2 dove nel demolition derby ad uscirne indenne è stato Tarquini seguito da Comte e Ceccon, con quest’ultimo che ha tagliato il traguardo per primo ma è stato penalizzato di cinque secondi per errata posizione in griglia.

E' il nostro Gabriele Tarquini il campione del mondo 2018 del WTCR. Una stagione da incorniciare per il "Cinghio", che dopo la vittoria nel mondiale 2009 va ad aggiungere anche quest'altro successo nella bacheca trofei della sua lunghissima carriera da pilota. Nonostante il ritiro in gara-2, all'abruzzese è bastato anche il decimo posto ottenuto in gara-3 per difendere il vantaggio nei confronti di Yvan Muller, suo rivale nella corsa per il titolo. A vincere le ultime due corse sul tortuoso cittadino di Macao sono, per la cronaca, Frédéric Vervisch ed Esteban Guerrieri.

Questo che andremo a seguire sarà un weekend fondamentale per le competizioni a ruote coperte: a Macao andranno in scena l’ultimo atto del WTCR e l’evento, in tappa unica, del FIA GT World CUP. Entrambe le gare si svolgeranno sulle strette stradine dell’Ex Protettorato Portoghese, dove il pericolo è costantemente dietro l’angolo e c’è sempre un muro ad attendere i piloti per infrangere i loro sogni di gloria. Nel Mondiale Turismo sono sette ancora i piloti in lizza per il titolo, con in testa il nostro Gabriele Tarquini; mentre nella tappa unica riservata alle Gran Turismo a difendere il tricolore ci penseranno Raffaele Marciello ed Edoardo Mortara.

Nel penultimo appuntamento stagionale del WTCR, in corso questo fine settimana a Suzuka, l’Alfa Romeo Giulietta del team Mulsanne conquista la sua prima vittoria stagionale grazie ad una splendida performance di Kevin Ceccon. Il pilota italiano, subentrato a stagione in corso, conquista così il suo primo trionfo nella categoria riportando in alto il tricolore italiano nel mondo del turismo.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies