WEC | L’ACO delinea i regolamenti LMP1 2020: contenimento dei costi e più “green”

Fia Wec

Nell’annuale conferenza stampa di Le Mans, l’Automobile Club de l’Ouest sviscera quelli che sono i punti chiave del regolamento della classe LMP1 che entrerà in vigore nel 2020. L’obiettivo guarda all’abbattimento dei costi, manovra utile ad attirare nuovi potenziali costruttori, ma al contempo conservare la leadership tecnologica, potenziando il ruolo dell’elettrico. Per ora, nessun annuncio circa nuove entrate.

L’incontro in mattinata svoltosi a Le Mans ha visto la presenza di gran parte dei volti di ACO/FIA, tra cui il Presidente dell’ACO, Pierre Fillon, il CEO del FIA WEC, Gerard Neveu, e il Presidente della Commissione Endurance, Lindsey-Owen Jones, oltre agli uomini dei rispettivi costruttori e team che prenderanno parte alla gara. La novità di questa edizione numero 85 sarà il coinvolgimento in qualità di starter da parte del gran capo della Formula 1, Chase Carey, che domani sventolerà la bandiera francese al momento della partenza.

Dopo il passaggio del testimone di Grand Marshal da Alex Wurz a Mark Webber, e l’annuncio della LMP3 World League, serie che andrà a disputarsi a fine stagione in un periodo non ancora definito, arriva il momento di sviscerare le prime informazioni circa il regolamento LMP1 2020, che rimarrà stabile per almeno quattro anni.

Le nuove Le Mans Prototype 1 seguiranno la via della riduzione dei costi. Tanto per cominciare, lo sviluppo aerodinamico sarà semplificato con un solo kit a disposizione per tutto l’arco della stagione. La peculiarità sarà l’entrata in scena dell’aerodinamica attiva: i costruttori potranno modificare i vari gradi di incidenza dello splitter e dell’ala posteriore (già consentito). Invariato l’ibrido. Pertanto vengono confermati due sistemi per il recupero dell’energia, con la sub-classe energetica massima che resta a 8 MJ.

Il nuovo regolamento guarderà, e non poco, all’elettrico. Manovra incentrata ad attirare gli attuali costruttori impegnati in Formula E, o in procinto di parteciparvi. Infatti, dal 2020, al termine di un pit stop si dovrà percorrere 1 km in modalità 100% elettrica. Durante la fase di sosta ai box, invece, le vetture potranno essere ricaricate in maniera rapida, esattamente come avviene sulle auto ibride plug-in di serie.

L’altezza del cockpit sarà alzata di 80 mm, l’angolo del sedile del pilota sarà di 55 gradi al posto degli attuali 35. Infine, il personale sarà ridotto da 65 a 50 uomini su due auto. Tutto questo funzionerà ad attirare nuove case automobilistiche in classe LMP1? Intanto dobbiamo arrivare al 2020…

Matteo Milani

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies