Non poteva andare diversamente la gara di casa del WEC per le Toyota: ennesima doppietta con prima vittoria stagionale per l’equipaggio #7 Kobayashi-Conway-Lopez e Alonso-Buemi-Nakajima secondi; più staccata (a quattro giri) la Rebellion #1 di Lotterer-Senna-Jani. Doppietta in LMP2 per il Team Jackie Chan DC Racing, con vittoria della #37 Jaafar-Tan-Jeffri. Vittoria inaspettata per la Porsche #92 di Estre-Christensen in GTE Pro, che domina anche in GTE Am con l’equipaggio del Project 1 di Bergmeister-Lindsey-Perfetti.

Non è cambiata la musica nel Mondiale Endurance in terra asiatica, tantomeno dopo le modifiche all’EoT (Equivalence of Tecnology): a dominare la scena sono sempre i prototipi della Toyota che, sulla carta, hanno monopolizzato la prima fila. Infatti, a motori spenti, la #7 è stata penalizzata e a conquistare la Pole è stata la gemella di Alonso-Buemi-Nakajima. In LMP2 pole per il team DragonSpeed, con l’Oreca di Davidson-Maldonado-Gonzales. Prima assoluta per l’Aston Martin Vantage, che segna la pole in GTE Pro grazie a Sorensen-Thiim; miglior tempo di classe GTE Am per la Porsche dei nostri Cairoli-Roda, per l’occasione affiancati da Satoshi Hoshino.

Dopo la presentazione della SuperSeason 2019-2020, l’Aco, in occasione della 4 Ore di Spa della ELMS, ha presentato la Mission 24H: un prototipo alimentato a idrogeno, con l’obiettivo d’introdurre una classe spinta da energie alternative nella 24 Ore di Le Mans. Dalla partnership con la GreenGT ha mosso i suoi primi passi la LMPH2G.

La Toyota ha dominato in lungo e in largo nella 6 Ore di Silverstone, con la TS050 di Buemi-Alonso-Nakajima che ha conquistato la terza vittoria consecutiva in altrettanti appuntamenti di questa superseason 2018-2019 del WEC. In una gara senza storia, la casa nipponica ha completato l'ennesima doppietta, con le Rebellion ad inseguire staccatissime. Tutto questo almeno sino al colpo di scena ufficializzato nella tarda serata, quando entrambe le Toyota sono state squalificate per una irregolarità tecnica, regalando così il successo alla R13 di Beche-Laurent-Menezes. La vera gara è stata comunque tra le GTE-PRO, dove la Ferrari ha fatto sua un po' a sorpresa la classe dedicata alle vetture Gt, avendo la meglio su Porsche (squalificata la 911 RSR di Bruni-Lietz) e Ford. In Lmp2 invece, doppietta delle Oreca di Jackie Chan, mentre in GTE-AM ha trionfato la Porsche del team Dempsey Proton.

Il Mondiale Endurance 2018/19 si appresta a vivere la parentesi asiatica: la prima tappa è in programma questo fine settimana sul circuito giapponese del Fuji, mentre la seconda sarà a metà novembre in Cina, sul tracciato di Shanghai. Occhi puntati sui beniamini di casa, ovvero le due Toyota, soprattutto dopo la squalifica di Silverstone; ma è soprattutto in GTE Pro dove si vedrà la lotta più accanita per la vittoria, con la Ferrari rientrata in lizza per il campionato grazie alla vittoria di Pier Guidi-Calado nell’ultima tappa.

Il nuovo calendario della Super Season 2019-2020 del WEC è stato presentato ufficialmente e, a differenza della prima versione, sono cambiate lievemente alcune date per evitare concomitanze con Formula 1 e IMSA. Come già succederà nell’attuale campionato, il gran finale avrà come campo di battaglia la 24 Ore di Le Mans del 13-14 Giugno 2020, mentre la prima gara sarà a Silverstone il primo settembre 2019. Ancora da confermare inoltre la data della 1000 Miglia di Sebring.

A Silverstone, dopo la lunga pausa dalla 24 Ore di Le Mans, si riaccendono i motori del Mondiale Endurance.A farla da padrona, oltre all’aspetto puramente sportivo, sono le nuove decisioni da parte dell’ACO riguardanti il BoP e l’EoT, il futuro della categoria con l’introduzione della categoria Hypercar, ma soprattutto il futuro di Alonso che ha recentemente annunciato il suo ritiro dalla Formula.  Indubbiamente le favorite per la vittoria assoluta saranno nuovamente le Toyota ma, questa volta, i privati dovrebbero essere più vicini.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies