L’85^ edizione della 24 Ore di Le Mans ha visto consumarsi la maledizione nei confronti della Toyota, costretta al ritiro con due vetture nel giro di pochi decine di minuti quando sembrava avviata verso un comodo successo. Guai anche per Porsche, col ritiro a 4 ore dal termine che ha lasciato di stucco un incredulo Andre Lotterer. Tuttavia, il team di Weissach riesce a recuperare sulla Oreca del Jackie Chan DC Racing, vincendo con l’equipaggio #2 formato da Bernhard, Hartley e Bamber. In LMP2 dominio Oreca col Jackie Chan DC Racing, mentre in GTE Pro prima vittoria targata Aston Martin. Infine, tripletta Ferrari in GTE Am.

Tutto è pronto sul mitico tracciato francese per il via dell'edizione numero 85 della corsa di durata più famosa e prestigiosa al mondo: la 24 Ore di Le Mans. Una gara che vedrà scattare davanti a tutti la Toyota grazie al giro record firmato da Kamui Kobayashi, ma dove la sfida al vertice con Porsche nella classe LMP1 andrà a caratterizzare l'intera manifestazione. Seguiremo per voi l'intera gara con la nostra cronaca LIVE su Twitter e con quattro collegamenti da un'ora ciascuno in diretta su Radio LiveGP: alle ore 14:45 e alle 20:00 nella giornata di Sabato 17 Giugno, quindi alle 9:00 e alle 14:00 di Domenica 18 Giugno. Buon divertimento!

La Toyota mette in cascina la pole position della 24 Ore di Le Mans 2017 grazie al giro di Kamui Kobayashi in 3:14.791 che vale il nuovo record, superando il 3:16.887 ottenuto dalla Porsche nel 2015. Le due vetture tedesche sono terza e quarta. La Oreca prosegue il dominio in LMP2. Pole per la #26 del G-Drive Racing. Aston Martin firma il primo posto, unica a scendere sotto il 3:50. In GTE Am svetta la Corvette #50, che nel corso delle Q3 ha risposto agli squilli delle Ferrari.

Disputata per la prima volta nel 1923, e sospesa soltanto negli anni del secondo conflitto mondiale, la 24 Ore di Le Mans posa un’altra pieta miliare con l’85^ edizione, in programma sabato 17 giugno con partenza alle ore 15:00. Come lo scorso anno, sono previste 60 vetture al via, e per la prima volta dopo diversi anni non vedremo Audi ai nastri di partenza, con la sola sfida LMP1 rivolta a Porsche e Toyota. Attenzione, però, alla velocità delle LMP2…

Nell’annuale conferenza stampa di Le Mans, l’Automobile Club de l’Ouest sviscera quelli che sono i punti chiave del regolamento della classe LMP1 che entrerà in vigore nel 2020. L’obiettivo guarda all’abbattimento dei costi, manovra utile ad attirare nuovi potenziali costruttori, ma al contempo conservare la leadership tecnologica, potenziando il ruolo dell’elettrico. Per ora, nessun annuncio circa nuove entrate.

Toyota risponde al miglior tempo della Porsche nelle libere della 24 Ore di Le Mans, e nella prima sessione di qualifica piazza un 3:18.793 con cui batte la pole position 2016. Prosegue il dominio Oreca in LMP2: ben dodici 07 davanti, con quella del TDS Racing in prima posizione. La Aston Martin al top in GTE Pro, con la Ferrari sul filo del decimo, mentre la prima della Ford è quinta. In GTE Am supremazia Aston Martin.

I test ufficiali della 24 Ore di Le Mans si chiudono con un dominio Toyota. A svettare nella mattinata la TS050 #8, mentre nel pomeriggio la #7. A seguire le due Porsche con la sostituzione del motore da parte della 919 Hybrid #2. Velocità elevate in classe LMP2 con oltre 340 km/h (341,3) da parte della Dallara-Gibson di Villorba Corsa, ma il dominio è firmato Oreca col Signatech Alpine. In GTE Pro svetta Corvette in entrambe le sessioni, mentre al contempo Porsche e Aston Martin si sono spartite la leadership in GTE Am.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies