WSBK | GP Italia, gara-1: Rea trionfa e va a -1 da Fogarty, Sykes e Melandri sul podio

Superbike

Nella prima gara Superbike del Gran Premio d’Italia sul tracciato di Imola la vittoria va a Jonathan Rea, che torna a trionfare ad Imola dopo ben 4 anni dall’ultima volta (2014) e si porta a -1 dal record di vittorie di Carl Fogarty. Tom Sykes completa l’1-2 Kawasaki con la seconda posizione, Melandri sale sul podio insieme ai due green boys. P4 per Davies dopo un errore in Variante Bassa ad inizio gara. Buona P7 per Rinaldi davanti a Savadori. Domani alle 13 la seconda gara.

La gara

Ottimo spunto alla partenza delle due Kawasaki di Rea e Sykes che prendono subito il comando delle operazioni, Davies invece non ha uno stacco altrettanto felice e si fa bruciare dall’Aprilia di Savadori e dai suoi team mate Melandri e Rinaldi.

Chaz non si perde d’animo e va subito all’attacco di Savadori mettendosi in coda ai suoi compagni di squadra, ma poi va lungo in Variante bassa e perde un sacco di posizioni. Errore anche per Rinaldi in Variante Alta, ma l'italiano mantiene la sua posizione dietro a Melandri. Da notare come al secondo passaggio Rea abbia fatto segnare il giro più veloce in 1’46”860, lontano 5 decimi dal record della pista che appartiene a Davies.

Gara complicata per il pilota Ducati, mentre Rea ha vita facile in testa con Sykes che è a oltre 2” dal compagno di squadra. Davies è piombato addosso a Van Der Mark e le sta provando tutte per passarlo, ma la R1 dell’olandese è molto veloce e per Chaz non sembra impresa facile.

Rea continua a viaggiare da solo in testa con 2”5 su Sykes, Melandri è sempre terzo davanti a Rinaldi e Fores, con Davies che ha passato Van Der Mark e si mette in caccia della Ducati dello spagnolo.

Sono già fuori dalla gara dopo pochi giri Leonov, O’Halloran (sostituto di Camier) e Jacobsen, l’ultimo della fila è Jezek, mentre Torres è 17°.

47’1 per Rea che ha 2”7 di vantaggio su Sykes, mentre Davies è piombato addosso a Fores e tra poco lo passerà. Intanto “no further action” dalla direzione gara per il dritto del gallese alla Variante Bassa.

A 10 giri dalla fine il podio della gara sembra ben scritto con Rea-Sykes-Melandri, ma c’è bagarre per la P4 con Rinaldi davanti a Fores e Davies. Rinaldi in un attimo viene passato sia da Fores che da Davies, perdendo due posizioni in un colpo solo.

Rea porta il suo vantaggio su Sykes a 3”4, Melandri è a 2”2 da Sykes, mentre dietro è bagarre tra Fores e Davies per la “medaglia di legno”. Rinaldi ha perso contatto dalla coppia in lotta per la P4 e sta per essere raggiunto da Van Der Mark, la migliore Yamaha fino a questo momento.

Grande attacco di Davies in Variante Bassa che prende la P4 a Fores e prova a lanciarsi all’inseguimento di Melandri quando mancano 8 giri alla fine di una gara già scritta per la lotta alla vittoria.

7 giri alla fine. Grande attacco alla Tosa per Van Der Mark che ruba la P6 a Rinaldi. Dietro di loro abbiamo Savadori in P8 davanti ad un gruppo composto da Laverty, Haslam, Lowes, Razgatlioglu, tutti in lotta per le ultime posizioni in top 10.

5 giri alla fine. Rea viaggia indisturbato verso una comoda vittoria. Il tricampione ha quasi 4” di vantaggio su Sykes, Melandri è solitario in P3 con 3” di vantaggio su Davies, il quale ha fatto segnare il suo giro più veloce in 1’46”9 e sta provando a rimontare. Haslam prende la P9 da Laverty portandosi dietro a Savadori. Torres recupera un paio di posizioni portandosi in P15 dopo aver passato Hernandez e Gagne.

3 giri alla fine. Ancora 46”9 per Davies che è a 2”1 da Melandri, ma la gara ormai sta volgendo verso la conclusione. Senza quel dritto in Variante Bassa…

46”8 per Melandri che riduce il gap da Sykes a 2”1 quando siamo ormai negli ultimi due giri di gara.

ULTIMO GIRO. Melandri “vede” Sykes con Davies che a sua volta “vede” Melandri, ma Sykes sta per portare a casa un buon secondo posto dietro al suo compagno di squadra. Rea viaggia solitario verso la vittoria numero 58 della sua carriera.

BANDIERA A SCACCHI. Jonathan Rea arriva sul traguardo in impennata per celebrare la sua vittoria, seguito da Sykes e da Melandri. Poi Davies, Fores, Van Der Mark, Rinaldi, Savadori, Haslam, Lowes che proprio sul traguardo brucia Razgatlioglu.

Con questa nuova impresa salgono a 58 le vittorie del tricampione in carica, a -1 dal record di Fogarty. Domani quel record potrebbe essere eguagliato, qualora Johnny vincesse gara-2.

 

Classifica finale di gara-1

1. Jonathan Rea

2. Tom Sykes

3. Marco Melandri

4. Chaz Davies

5. Xavi Fores

6. Michael Van Der Mark

7. Michael Rinaldi

8. Lorenzo Savadori

9. Leon Haslam

10. Alex Lowes

 

Griglia di partenza di gara-2

Per effetto dell’inversione di griglia di gara-2, domani avremo questa starting grid: Davies-Fores-Van Der Mark la 1^ fila, Rinaldi-Savadori-Haslam la 2^ fila, Melandri-Sykes-Rea la terza.

 

Da Imola – Marco Pezzoni @marcopezz2387

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies