Continuano i nostri speciali da Eicma, il Salone più importante del mondo in ambito motociclistico, con tre case che a Milano hanno portato novità interessanti, conferme ed una bomba pronto-pista per celebrare i successi in campo Endurance e le vittorie nel Mondiale SBK 2018. Stiamo parlando di Aprilia, Yamaha e Kawasaki ed i loro modi diversi di intendere le corse nel presente ma soprattutto nel futuro.

Parliamo delle due SBK che l’anno prossimo andranno a confrontarsi in pista in una versione totalmente inedita, andando a tagliare con il modello precedente e ristabilendo la linea di sviluppo per quanto riguarda Ducati e BMW. Le metteremo a confronto contro le loro sorelle della passata stagione, per capire quanto grande sia la differenza tra i MY2018 e 2019.

Bombe di dimensioni macroscopiche piovono sul quinto mondiale di Jonathan Rea, che con le nuove moto di Ducati e BMW e l’interessamento ufficiale di HRC insieme a Moriwaki ed Althea, diventa sempre più difficile da ottenere. Rinaldi si accasa con Barni al posto di Fores, Caricasulo e GRT sognano una terza Yamaha nella Top Class. Laverty avvistato dalle parti di GMT94. 

È terminata un’altra stagione del WorldSBK, che ha visto ancora una volta vincitore Jonathan Rea, che eguaglia così “King” Carl Fogarty. La prima annata col nuovo regolamento sui giri del motore, un anno in cui Yamaha è tornata a lottare costantemente per il podio e per le vittorie, in cui Tom Sykes è diventato il pilota con più pole della storia della SBK e soprattutto l’ultima volta del bicilindrico di Borgo Panigale in griglia, in attesa di vedere come si comporterà la nuova Panigale V4R nei test coi piloti ufficiali a novembre. Mistero ancora su calendario, team e piloti in pista nel 2019.

Presentato ad Eicma il nuovo team BMW Motorrad per il Mondiale Superbike 2019: Shaun Muir Team Principal, Markus Reiterberger e Tom Sykes (con il compito di sviluppare la nuova S1000RR presentata anch’essa nella prima giornata dedicata alla stampa) i piloti che porteranno in pista la nuova nata di casa BMW. L'obiettivo fare bene fin da subito per dar filo da torcere a Kawasaki e Ducati.

Immediatamente prima dell’inizio dei test che vedranno protagonista la SBK in quel della Spagna, si iniziano a sbloccare varie caselle che fino ad ora facevano fatica a trovare una collocazione. In particolare la Honda lascia libere le sue CBR ufficiali facendo prendere valore all’ipotesi Althea-Moriwaki, mentre Marco Melandri si piazza con GRT Yamaha in coppia con Sandro Cortese. Caricasulo con Evan Bros in SSP.

Scene da film di Hollywood hanno accompagnato i piloti in pista nel primo pomeriggio, solo che non ci si trovava sul set del sequel di "2012", ma nel paddock dell’ultimo round del mondiale SBK in Qatar. Una tempesta di sabbia, conseguenza dei forti venti causati da un temporale che si è riversato sulla pista di Losail, ha portato ad un ritardo nell’entrata in pista per i warmup di SSP e SBK, e mentre sul podio si festeggiava il titolo di Sandro Cortese è arrivata la comunicazione dell’annullamento dell’ultima gara del mondiale SBK.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies