CIV | Round 11-12, Vallelunga: Pirro campione Superbike, Roccoli in Supersport e D'Annunzio fa suo il National 1000

Altre Moto

All’Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga (Roma) è andato in scena l’ultimo doppio appuntamento per il CIV, decisivo per l’assegnazione dei titoli rimanenti dopo quello assegnato a Zannoni in Moto3 al Mugello. Doppio appuntamento anche per il National Trophy con D’Annunzio, Salvadori e Lanzi a giocarsi il titolo. Michele Pirro vince gara e titolo nella Superbike, Bussolotti vince in Supersport ma è Roccoli a prendersi il titolo, mentre D'Annunzio nel National batte Salvadori per 1,5 punti.

Round 11

SBK 

Tutto pronto per il round 11 del CIV classe Superbike. Nella QP2 bagnata Alessandro Andreozzi ha fatto segnare il miglior tempo ma la pole, con record della pista resta a Lorenzo Zanetti. Splende il sole sull’autodromo romano ma la pista è ancora bagnata in virtù della pioggia di questa mattina. Ferrari, Pirro e Zanetti, racchiusi in 21 punti, si giocano il titolo di campione italiano.

La pista bagnata gioca subito un bruttissimo scherzo ad Andreozzi, Zanetti e soprattutto al leader di classifica Ferrari che chiude anzitempo la gara, cortesia di un brutto highside. Pirro dietro di sé fa il vuoto e si prepara a vincere gara e titolo approfittando delle difficoltà sul bagnato di Zanetti e del ritiro di Ferrari. A metà gara il terreno viscido tradisce anche la Ducati Panigale numero 76 di Samuele Cavalieri. Zanetti invece è rientrato in pista ma con 3 giri di ritardo dopo la scivolata iniziale. L’unica Ducati del team Barni in pista è quindi quella di Michele Pirro, Zanetti è in 12^ posizione dopo essere rientrato. Giù anche Mantovani che stava perdendo posizioni. Michele Pirro non commette errori e va a vincere il round 11 davanti a Riccardo Russo e Claudio Corti. 

Classifica finale SBK

1. Michele Pirro

2. Riccardo Russo

3. Claudio Corti

4. Matteo Baiocco

5. Kevin Calia

6. Alex Bernardi

7. Luca Vitali

8. Axel Bassani

9. Francesco Ciacci

10. Francesco Cocco

Con questa vittoria Michele Pirro si riporta in testa al campionato con 12 punti di vantaggio su Matteo Ferrari. Zanetti recupera qualche punticino sullo stesso Ferrari grazie alla P12 finale ma non basta. 

Supersport 600 

Round 11 anche per quanto riguarda i ragazzi della Supersport 600. Ieri super tempo di Luca Ottaviani, anche per lui record della pista romana. Qui sono in 5 a giocarsi il titolo italiano: Bussolotti, Stirpe, Roccoli e Gabellini racchiusi nello spazio di 10 punti. Pista bagnata anche per la gara della Supersport, anzi addirittura allagata nonostante la gara della Superbike sia finita da poco. Spettacolo subito allo start della gara con 4 piloti in testa che si sono scambiati le posizioni: Ottaviani, Valtulini, Roccoli e Manfredi. Manfredi si prende la testa della gara facendo valere anche le sue doti di pilota anfibio grazie all’esperienza dell’Endurance. Subito crash per uno dei protagonisti del campionato, Stefano Valtulini.

Dopo 4 giri sui 13 previsti abbiamo in testa Manfredi con 5”8 di vantaggio su Ottaviani che a sua volta è davanti a Roccoli e Bussolotti che se le stanno dando di santa ragione, mentre Gabellini e Stirpe sono lontani. Stando così le cose Bussolotti e Roccoli guadagnerebbero altri punti in vista del round 12 di domenica. Dopo 7 giri finisce definitivamente la gara di Valtulini che va a fare compagnia a Fabrizio, Mercandelli, Morciano, Montella e Muzio con Luzzi non partito.  Manfredi navigatore solitario con Roccoli e Bussolotti che continuano a darsele di santa ragione. Ottaviani è in P4 davanti a Morrentino e Nocco, Haga in P8 davanti a Gabellini e Stirpe è 11°.

11 di 13. Manfredi sempre leader della gara. Clamoroso colpo di scena: cade il leader di campionato Bussolotti alla curva 10! Roccoli si prende la P2 con Ottaviani sul podio

12 di 13, penultimo giro. La curva 10 miete un’altra vittima. E’ il leader della gara Kevin Manfredi che aveva oltre 12” di vantaggio sugli inseguitori. Roccoli dunque si ritrova la leadership della gara sevita su un piatto d’argento. Manfredi è comunque in gara, in seconda posizione

13 di 13, ultimo giro. Roccoli vola verso la vittoria della gara e la testa della classifica davanti a Manfredi ed Ottaviani. Haga è 7° davanti a Gabellini, Stirpe è 10°.

Roccoli vince gara-1 davanti a Manfredi ed Ottaviani!

Classifica finale Supersport 600

1. Massimo Roccoli

2. Kevin Manfredi

3. Luca Ottaviani

4. Alessandro Nocco

5. Nicola Morrentino

6. Matteo Ciprietti

7. Nori Haga

8. Lorenzo Gabellini

9. Lorenzo Cintio

10. Davide Stirpe

Con questa vittoria Roccoli balza in testa alla classifica. Stravolta completamente la classifica di campionato con 1 gara ancora alla fine e tutto può ancora succedere.

National Trophy 1000

Ultimo atto anche per il National Trophy 1000 che vede tre piloti giocarsi il titolo: D’Annunzio, Salvadori e Lorenzo Lanzi. Pista bagnata anche per i piloti del National, sicuramente meno di quanto si è visto nella gara della Supersport ma l’insidia e l’errore sono sempre dietro l’angolo.

Con 20 punti da recuperare su D’Annunzio Salvadori parte subito forte e prova a volare via prendendosi un gran vantaggio ma al secondo giro è già per terra. Riparte ma è oltre la 20^ posizione, mancano ancora 8 giri alla fine e può ancora recuperare. Giù anche Eddi La Marra che rientrava dopo aver saltato la gara del Mugello. Goi e Sgroi in testa con D’Annunzio 12° e Salvadori subito dietro di lui. Ritorna fortissima la pioggia come era stato nel post gara della Supersport 600.

A metà gara Castellarin si porta in testa davanti a Goi e Polita con Salvadori risalito fino alla P6 e D’Annunzio in P11 davanti a Lanzi. Salvadori ha fatto segnare anche il giro veloce in 1’58”784 nella sua furiosa rimonta.

Giro 6 di 10. Castellarin in testa con 8 secondi di vantaggio su Polita e Salvadori ma gara interrotta con bandiera rossa per la troppa pioggia.

Gara che si chiude quindi con la vittoria di Sgroi davanti a Castellarin e Goi. Salvadori 8° e D’Annunzio 13°.

Classifica finale National Trophy 1000

1. Alex Sgroi

2. Remo Castellarin

3. Ivan Goi

4. Alex Polita

5. Federico Boscolo

6. Simone Saltarelli

7. Gianluca Battisti

8. Luca Salvadori

9. David Chevalier

10. Federico Napoli

Round 12

SBK

Atmosfera giusta per la Finale del CIV Superbike. Il sole splende su Vallelunga e la pista è completamente asciutta dopo la giornata da tregenda di ieri. Pirro deve gestire 12 punti di vantaggio su Ferrari, quest'ultimo deve attaccare e vincere la gara sperando in errori di Pirro e Zanetti. 16 giri per decretare il Campione 2018 della categoria SBK.

Non doveva rischiare Michele Pirro controllando la sua posizione e quella di Ferrari che non è mai stato in lotta per la vittoria. Gara controllata fin dall’inizio, con qualche rischio solamente negli ultimi giri nella battaglia con Luca Vitali ma alla fine portata a termine davanti allo stesso Vitali e Cavalieri con Ferrari solamente 7°.

Pirro campione italiano per l’ennesima volta.

Classifica finale SBK

1. Michele Pirro

2. Luca Vitali

3. Samuele Cavalieri

4. Lorenzo Zanetti

5. Axel Bassani

6. Kevin Calia

7. Matteo Ferrari

8. Andrea Mantovani

9. Matteo Baiocco

10. Claudio Corti

Supersport 600

Ultimo atto anche per la Supersport 600 dopo la gara rocambolesca sotto l’acqua di ieri. Roccoli si è riportato in testa alla classifica grazie alle scivolate di Bussolotti e Valtulini ed alle gare piuttosto incolori di Gabellini e Stirpe. L’inerzia è tutta dalla parte di Massimo, riuscirà l’alfiere del GAS Racing Team a chiudere i conti?

Bussolotti non può far altro che vincere la gara e sperare in una gara no di Roccoli che dal canto suo ha tanti risultati utili da sfruttare per vincere il suo 6° titolo italiano nella Supersport. 

Subito problema tecnico per Valtulini che si tira fuori suo malgrado dalla lotta per il titolo. Bussolotti e Manfredi scappano subito via mettendo un buon margine sul gruppone in lotta per il terzo posto.

Per la vittoria è gioco a due tra Bussolotti e Manfredi ma gli occhi sono puntati sulla posizione di Roccoli che gestisce egregiamente il suo passo e i punti di vantaggio

Bussolotti vince il round 12 del CIV Supersport davanti a Kevin Manfredi e Luca Ottaviani con Stirpe in P4. Roccoli chiude in P8 ed è campione italiano per la 6^ volta in carriera.

Classifica finale Supersport 600

1. Marco Bussolotti

2. Kevin Manfredi

3. Luca Ottaviani

4. Davide Stirpe

5. Mattia Casadei

6. Matteo Ciprietti

7. Lorenzo Gabellini

8. Massimo Roccoli

9. Marco Muzio

10. Michel Fabrizio

National Trophy 1000

Tutto è pronto per l’ultima e decisiva gara del National 1000, in palio il campionato tra D’Annunzio, Salvadori e Lanzi. Subito un colpo di scena. Dalla griglia manca la Ducati Panigale V4 #12 del team Barni guidata da Ivan Goi. Il mantovano ha dato forfait per una botta al piede rimediata nella gara di ieri, cortesia della moto di un altro pilota che lo ha centrato proprio sul piede destro.

Gara partita ancora su pista umida e piloti che scelgono soluzioni diverse per andare fino in fondo ai 12 giri.

E’ Luca Salvadori a centrare la prima vittoria in questo National Trophy 1000 davanti a Lorenzo Lanzi e Remo Castellarin. Federico D’Annunzio nelle fasi finali recupera le posizioni su Napoli e Saltarelli chiudendo al 7° posto e vincendo il campionato per 1,5 punti su Luca Salvadori.

Classifica finale National Trophy 1000

1. Luca Salvadori

2. Lorenzo Lanzi

3. Remo Castellarin

4. Eddi La Marra

5. Luca Conforti

6. Giorgio Cannone

7. Federico D’Annunzio

8. Simone Saltarelli

9. Federico Napoli

10. Stefano Marcaccioli

Con questi verdetti si chiude così una annata da ricordare per CIV e National Trophy. Vallelunga ha regalato un finale da urlo per questo campionato grazie anche alle condizioni atmosferiche che hanno permesso risultati clamorosi. L’appuntamento quindi è per l’edizione 2019 con ancora più spettacolo dell’edizione 2018.

Foto a cura di Andrea Bonora (Bonoragency)

Marco Pezzoni - @marcopezz2387

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies