L'avvento di Liberty Media, si è detto, avrebbe ribaltato l'ingessatura austera e anacronistica del paddock di Formula 1, e dallo scorso weekend a Barcellona si è visto effettivamente qualche cambiamento. La nuova proprietà prova concretamente ad avvicinare il pubblico ai piloti e all'azione introducendo qualcosa di nuovo. Lodevole la mossa del bambino portato nell'hospitality Ferrari per incontrare Kimi Raikkonen, operazione simpatia riuscita che verrà sicuramente, sebbene in altre forme, replicata.

Il tracciato catalano, sede dei test invernali, è da sempre la pista di riferimento per valutare le forze di sviluppo dei team e i loro potenziali per il resto della stagione. Ferrari attesa per confermare la superiorità che finora ha impressionato tutti, Mercedes e Red Bull invece attese al varco per imprimere una svolta al campionato ed accorciare il divario dalle Rosse. Ancora una volta, l'appuntamento di Barcellona rappresenterà una sorta di prova del nove per team e piloti al via.

Valtteri Bottas raccoglie in Russia la prima vittoria della sua carriera dimostrando velocità, concentrazione e nervi d'acciaio per resistere agli attacchi furiosi di Sebastian Vettel nel finale di gara. La rivincita del finlandese dalle poche parole ma dai modi gentili, terzo vincitore diverso su quattro gare disputate, per un mondiale vivo e avvincente, con pochi sorpassi ma con gare coinvolgenti e di qualità.

Tante cose “insolite” si sono viste in Formula Uno negli ultimi anni. Alcune hanno fatto moltissimo discutere, e altre hanno costretto molti appassionati ad arricciare il naso e urlare allo scandalo (vedi spy-story datata 2007). Nelle ultime ore, però, dal circus motoristico più famoso del mondo stanno arrivando nuove notizie “strane” che definirle solo clamorose sarebbe riduttivo: Mercedes sarebbe infatti pronta ad aiutare Honda nello sviluppo delle loro Power Unit!

All'Autodromo Enzo e Dino Ferrari è andata in scena l'Historic Minardi Day, seconda edizione della kermesse sul circuito di Imola per le monoposto che hanno fatto la storia della Formula 1, ma non solo. La manifestazione voluta da Gian Carlo Minardi è stata l'occasione giusta per gli appassionati di motorsport per vedere da vicino piloti e vetture all'insegna della grande passione durante il weekend.

Nella giornata di ieri si è svolta la riunione dello Strategy Group e della F1 Commission, nel corso della quale sono state discusse nuove regole e futuri sviluppi per la categoria a partire dal 2018. Per la prima volta alla presenza dei nuovi proprietari di Liberty Media sono state deliberate novità che andranno a cambiare l'aspetto delle monoposto, con una ricerca ancora più spinta della sicurezza tramite l'introduzione dello Shield per la protezione della testa del pilota.

Si è conclusa a Parigi, presso la sede della Federazione Internazionale dell'Automobile, la riunione con i motoristi attualmente impegnati nel Mondiale di Formula 1 per decidere quale strada intraprendere dopo il 2020, data in cui scadrà il divieto di sviluppo delle power unit che attualmente equipaggiano le monoposto del Circus. All'incontro erano presenti anche Stefano Domenicali e Heinz Harald Wester, in rappresentanza di Volkswagen e Alfa Romeo.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies