Audi A3 Sportback, la recensione

Novità auto e moto

Con un turbodiesel grintoso in grado di scaricare sull'asfalto un picco di potenza di 150 cavalli, l'Audi A3 Sportback si rivela una cinque porte ideale per chi vuole concedersi una guida brillante anche sui tracciati meno lineari, grazie alla solidità delle sospensioni e ai contenuti tecnici di valore che la caratterizzano. La disponibilità del Drive Select permette di selezionare la modalità di guida che si preferisce, mentre tra gli optional che si possono aggiungere spiccano il climatizzatore automatico, i sensori di distanza e il vivavoce Bluetooth, indispensabile per parlare al telefono senza rischi.

 

Rispetto alla versione a tre porte, la A3 Sportback è più lunga di 7 centimetri e mette in evidenza un look quasi aggressivo, come dimostra la presenza tra gli optional delle barre sul tetto. Il comfort è totale, mentre i consumi del motore a gasolio 2.0 sono tutto sommato accettabili. Un propulsore che, per altro, si rivela più che docile e in grado di assicurare performance al top. Chi ama gli assetti ribassati non può non appassionarsi all'allestimento Ambition, che garantisce uno sterzo molto consistente, mentre sul piano estetico vale la pena di notare i fari allo xeno, che vanno ad aggiungersi alle luci a led diurne. Lo slancio della berlina tedesca è fuori discussione, complice la terza luce laterale grazie a cui il montante posteriore risulta più leggero, mentre la qualità costruttiva permette di giustificare un prezzo non proprio alla portata di tutte le tasche.

Per intervenire sulla risposta dello sterzo e dell'acceleratore è sufficiente agire sulla consolle del Drive Select, ma la praticità a bordo è assicurata anche da un lusso che è elegante nella sua semplicità, dalle poltrone contenitive ai comandi posizionati al posto giusto. A proposito delle poltrone: non sono per nulla costrittive, pur riuscendo a trattenere alla perfezione quando ci si trova in curva, secondo i dettami di una sportiva che bada al comfort. Degli optional fa parte anche la manopola del sistema di navigazione MMI, una soluzione avveniristica dotata di superficie superiore tattile. Il fondo del bagagliaio, inoltre, può essere posizionato su due altezze differenti, a seconda delle esigenze. Unica pecca: il tasto hazard, che si trova in mezzo alla plancia, ha dimensioni inferiori al necessario.

A questo punto non rimane altro che ricordarsi di sostituire le pastiglie freni Audi A3 con la necessaria frequenza, per essere certi di circolare in condizioni di sicurezza su ogni percorso.

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies