F1 | Red Bull minaccia l'uscita dal Mondiale e punta a Le Mans

F1 News Team

Il futuro della Red Bull in Formula 1 a lungo termine potrebbe essere tutt'altro che garantito. La scuderia di Milton Keynes, come sottolineato da Helmut Marko nel corso di un'intervista rilasciata ad Autosport, potrebbe infatti decidere di virare sul Mondiale Endurance qualora il nuovo Patto della Concordia (che entrerà in vigore dal 2021) non dovesse incontrare il favore dei vertici del team fondato da Dieter Mateschitz. A costituire una ghiotta opportunità in tal senso potrebbe essere la nuova Valkyrie, l'hypercar sviluppata in collaborazione con Aston Martin.

 

Il 2021 promette di essere un vero e proprio anno di svolta per il futuro della Formula 1. A partire da quella stagione, infatti, entrerà in vigore il nuovo Patto della Concordia che dovrà garantire anche la stabilità "politica" tra i vari attori in campo, delineando le linee guida dal punto di vista regolamentare e, di conseguenza, economico. Tra coloro che già "minacciano" di non voler scendere a troppi compromessi vi è senza dubbio la Red Bull, almeno secondo quanto dichiarato dal suo motorsport advisor Helmut Marko.

L'ex-pilota ha infatti sottolineato come, qualora le condizioni non si rivelassero soddisfacenti per la presenza del team nella massima serie, la scuderia anglo-austriaca potrebbe anche guardare ad altre tipologie di competizioni, primo fra tutti il Mondiale Endurance e la 24 Ore di Le Mans. "Abbiamo un accordo fino al 2020 - ha dichiarato Marko nel corso di un'intervista pubblicata oggi su Autosport - e fino a quando non ci sarà un regolamento definito sui motori nonché un nuovo Patto della Concordia, nessuna decisione verrà presa né da Red Bull né tantomeno da Honda".

Il riferimento è anche andato alle difficoltà patite in passato dalla scuderia nell'acquisire un fornitore di propulsori all'altezza: "Di certo non giocheremo un ruolo da subordinati, rimanendo in attesa di una risposta e di promesse poi non mantenute. Fermarsi? E' un'opzione. Ma anche impegnarci in altre categorie. Con la Valkyrie, quella di Le Mans potrebbe essere uno scenario affascinante: è stata un successo straordinario, e tutte le vetture sono state vendute immediatamente. Si tratta di un nuovo, solido pilastro per Red Bull Technologies".

La vettura, realizzata in collaborazione con Aston Martin e nella cui realizzazione Adrian Newey ha giocato un ruolo chiave, è già stata prodotta anche in una versione adatta per la pista. Il Mondiale Endurance, infatti, per la stagione 2020/2021 dovrebbe sostituire le attuali LMP1 con le nuove Hypercar, nel tentativo di rilanciare un campionato che, dopo gli abbandoni di Audi e Porsche, ha sicuramente perso gran parte del suo appeal. "Se venisse introdotto un budget cap in Formula 1 saremmo costretti a dover tagliare del personale. Ma noi non vorremmo farlo, pertanto l'impegno in un progetto parallelo potrebbe costituire un'idea molto valida, sempre a patto che i costi vengano abbattuti. Red Bull non è mai stata a Le Mans: sicuramente ci penseremo".

Marco Privitera

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies