Lewis Hamilton porta la Mercedes in trionfo anche nel Gran Premio di Singapore: sul circuito di Marina Bay non ha rivali e controlla dall'inizio alla fine una gara che vale l'ennesimo allungo su Sebastian Vettel in classifica, e per la Mercedes il secondo sonoro schiaffo alla Rossa che replica quello di due settimane fa rifilato a Monza. A sei gare dalla fine il titolo è sempre più vicino.

Mentre Lewis Hamilton meraviglia nella notte di Singapore, la Ferrari si dissolve ancora una volta nel momento decisivo del weekend. Una costante che si ripete ormai troppo spesso, ad eccezione forse del solo Gran Premio del Belgio, dove comunque Sebastian Vettel era riuscito a rimediare ad una qualifica non del tutto positiva. Nella giornata del crollo Ferrari, arriva la sorpresa Red Bull, almeno con Max Verstappen che si prende un’inaspettata prima fila.

La line-up dei piloti invitati alla conferenza stampa del giovedì prima del Gran Premio di Singapore ha visto la presenza di Kevin Magnussen, Lewis Hamilton, Kimi Raikkonen e Brendon Hartley. I recenti movimenti di mercato hanno fatto sì che i riflettori fossero puntati su Kimi Raikkonen e il suo passaggio in Alfa Romeo Sauber, il quale ha esposto le sue motivazioni dietro il cambio di casacca, la permanenza in Formula 1 e gli obiettivi futuri. Ovviamente il tutto è stato condito dal suo stile comunicativo, tanto che la conferenza stampa è già stata "battezzata" dai social come un momento "classic Kimi".

La Scuderia Ferrari ha appena comunicato che sarà Charles Leclerc ad affiancare Sebastian Vettel nella stagione 2019 di Formula 1. Il talento monegasco è stato dunque promosso dalla squadra di Maranello, con Kimi Raikkonen che farà il proprio ritorno in Sauber per le prossime due stagioni proprio al posto del monegasco. Dopo un solo anno di "apprendistato" nella massima serie automobilistica, il ventenne è stato già chiamato ad occupare il sedile più ambito sul mercato: una scelta forse azzardata, ma dettata dai risultati che il giovane ha ottenuto durante la sua carriera da pilota, che andiamo qui a ripercorrere.

Robert Kubica è a caccia di un sedile per tornare a correre in Formula 1 nella stagione 2019. Il polacco manca dalla griglia di partenza della massima categoria da Abu Dhabi 2010 e da quest'anno svolge il ruolo di pilota di riserva per la Williams, aspirando a prendere il sedile che presto sarà lasciato libero da Lance Stroll. Il pilota polacco, dopo aver perso la chance di ricoprire un ruolo da titolare nella Williams, ha svolto diversi test e partecipato a due sessioni di prove libere sulla FW41 per tentare di migliorare la monoposto inglese.

Mattinata di annunci per il Circus della Formula 1. Con un primo comunicato emesso in mattinata, la Scuderia Ferrari ha annunciato la separazione da Kimi Raikkonen alla fine dell'anno, per poi diramarne un altro volto ufficializzare l'ingaggio di Charles Leclerc per la prossima stagione. La sorpresa è arrivata però dalla Sauber Alfa Romeo, che ha comunicato il ritorno del finlandese alla propria corte per i prossimi due anni.

Con un comunicato giunto in mattinata, la McLaren ha appena annunciato il termine del rapporto con Stoffel Vandoorne al termine della stagione in corso. Pesano la scarsità di risultati al termine di un biennio fatto di guai tecnici, e un confronto imbarazzante con il talento e la grinta del compagno di squadra. Il suo sedile andrà a Lando Norris, giovanissimo talento del vivaio McLaren.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies