Nelle qualifiche del primo GP di Thailandia della classe MotoGP, la pole position va a Marc Marquez che, partito dal Q1 causa caduta nelle FP3, si prende una bellissima pole strappandola a Rossi per soli 11 millesimi. Bene anche Dovizioso in terza posizione. Lorenzo non partito per le conseguenze della terrificante caduta nelle FP2 di ieri. Domani mattina alle 9 la gara con un Marquez voglioso di vittoria, una Yamaha rinata grazie alla gomma portata da Michelin per Buriram ed un Dovizioso molto veloce.

E' Andrea Dovizioso il più veloce nel venerdì di Buriram, precedendo la Yamaha di Maverick Vinales (autore del miglior tempo nella mattinata) e la Honda di Cal Crutchlow. Quarto tempo invece per Marc Marquez, capace di qualificarsi tra i migliori senza aver mai effettuato un time attack a fine sessione, mentre nel secondo turno di libere Jorge Lorenzo è stato protagonista di un high side in staccata alla curva 3 fortunatamente senza gravi conseguenze per il maiorchino che sarà regolarmente al via della seconda giornata di prove.

Inutile nascondersi dietro ad un dito: la prestazione odierna di Aleix Espargarò e di Daniel Pedrosa è un vero e proprio fulmine a ciel sereno. I cambiamenti interni del team Gresini Aprilia stanno finalmente ottenendo il risultato sperato, o resterà una prestazione a se stante? Discorso simile per le Suzuki, finalmente competitive (in coppia) e con un Andrea Iannone che per poco non riusciva nel colpaccio. Quasi un peccato per la casa di Hamamatsu doverlo salutare a fine stagione…

Marc Marquez torna alla vittoria nel Gran Premio d'Aragon dopo l'ultimo trionfo in terra tedesca al Sachsenring. Secondo Andrea Dovizioso, che resiste fin che può al talento del pilota di Cervera, mentre completa il podio Andrea Iannone, con la Suzuki in grande spolvero al Motorland di Aragon, capace di mettere in quarta posizione a lungo in lotta per il podio anche Alex Rins. Out Lorenzo alla prima curva, vittima di un high side che gli causa una lussazione al primo dito e una microfrattura del terzo dito del piede destro; a terra anche Cal Crutchlow, altro pilota che avrebbe potuto lottare per il podio. Mai in lotta per le posizioni di vertice invece Valentino Rossi, che comunque limita i danni chiudendo in ottava posizione, ancora una volta miglior Yamaha al traguardo, con Maverick Vinales solo decimo.

Archiviata la lotta Marquez-Dovizioso di due settimane fa ad Aragon, che ha visto il trionfo del cabroncito sull’italiano, questo week-end il circus della massima categoria su due ruote si prepara per un appuntamento completamente "alla cieca". E’ arrivato infatti il momento del debutto sulla nuovissima pista di Buriram, che ospiterà il primo Gran Premio di Thailandia della storia del Motomondiale.

Al Motorland di Aragon le Ducati sono state molto competitive anche se l'high side di Jorge Lorenzo ha compromesso una gara da sogno per la casa di Borgo Panigale. La doppietta nelle qualifiche ha seminato molte speranze tra i tifosi e soprattutto nel box rosso, che sperava di poter espugnare il fortino spagnolo. L'ultima vittoria di una Ducati ad Aragon risale al 2010, con Stoner, ed oggi sembrava poter essere la volta buona alla luce dei test privati svolti ed il grande sviluppo guidato dall'Ing. Dall'Igna che nelle ultime gare mette la Ducati in cima alle moto da battere in MotoGP. Andrea Dovizioso ha cercato una fuga mai riuscita del tutto con lo "scienziato" Marc Marquez che ha studiato per quasi tutto il GP le linee del Dovi ed alla fine ha affondato l'attacco decisivo ed è scappato via a prendersi una meritata vittoria.

L'appuntamento odierno di Aragon chiude di fatto la stagione europea della MotoGP prima del rientro a metà novembre per la consueta chiusura di Valencia. Le qualifiche di ieri hanno ampiamente dimostrato la superiorità della Ducati con Lorenzo e Dovizioso, ma la gara è tutta un'altra storia. Ducati non ha mai centrato 4 vittorie consecutive in stagione, Marquez potrebbe anche accontentarsi forte di un grande vantaggio in classifica su Dovizioso e su un Rossi che parte addirittura 18° in griglia, peggiore qualifica per il Dottore da Assen 2006. Seguite qui la cronaca web del GP di Aragona insieme al commento LIVE che scatterà alle 14 con Fabrizio Crescenzi ed Alex Dibisceglia. Buon divertimento!

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies