F1 | GP Gran Bretagna, Hamilton e l'assenza ingiustificata allo show di Londra: "Ognuno decide per sé stesso"

Interviste

Conferenza stampa del giovedì pirotecnica qui a Silverstone: per la prima volta due round con quattro piloti ciascuno. Tante le domande per tutti dopo l'evento di Londra che ha portato la Formula 1 nelle strade del centro e in particolare per Lewis Hamilton, che a Londra non si è presentato per niente. Inevitabile che le maggiori attenzioni siano state tutte riservate al tre volte campione del mondo, alla vigilia dell'appuntamento sul circuito di casa.

E' stato il grande assente di una giornata perfetta: nella festa della Formula 1 preparata per le strade di Londra, l'unico a non presentarsi tra i 20 piloti del campionato è stato proprio Lewis Hamilton, pilota inglese più vincente di sempre e idolo di casa che non fa mistero di avvertire un calore a cicli alterni dai fans del suo paese. Quello che piove sul campione britannico è un vero e proprio fuoco di fila, con domande a ripetizione sulla sua mancata partecipazione all'evento di ieri. La stessa stampa inglese non è stata tenera con lui, e i tifosi non sono stati da meno, con diversi "boooh" rivoltigli dai fans britannici. 

Pare infatti che Hamilton abbia scelto di concedersi una breve vacanza in Grecia dopo il Gran Premio d'Austria scegliendo di non presentarsi in strada a Londra, e le sue dichiarazioni al riguardo non sono state particolarmente esplicative. "Non so perchè fossi l'unico a mancare, ognuno aveva il diritto di prendere la propria decisione e così ho fatto. E' una stagione molto intensa ed è l'unica cosa che conta per me, ho avuto bisogno di prepararmi al meglio per questo weekend". Hamilton sostiene che la sua decisione di non partecipare fosse già stata comunicata agli organizzatori con anticipo, dunque nessuna sorpresa: il team era d'accordo. 

A chi gli fa notare che prepararsi alla gara su una spiaggia in Grecia sia meno efficace di qualche giorno di lavoro in Inghilterra, Hamilton fa notare che lui vive a Montecarlo e dunque liquida la questione con poche parole, ma il tema rimane; in qualità di pilota inglese più vincente di sempre, il  minimo che ci si potesse aspettare era lasciarsi andare ad un bagno di folla prima del Gran Premio di casa. "Sento di essermi preparato nel modo migliore per me, dunque ci possono essere opinioni diverse al riguardo, ma cerco di dare il meglio in una stagione intensa come questa. Amo questo Gran Premio, e ogni anno cerco di regalare il migliore spettacolo per tutti coloro che risparmiano durante l'anno e spendono dei soldi per venire a Silverstone, perciò quanto accaduto ieri non cambia quello che io provo a fare per i miei fans, che cerco di avvicinare a me in ogni modo". 

Per fortuna c'è anche spazio per qualche considerazione di natura sportiva sulla gara di domenica, su una pista bellissima ed un circuito leggendario, il più tecnico della Formula 1. "Se guardiamo all'ultima gara la Ferrari è stata molto forte, ma anche la Red Bull lo è stata, sia come bilanciamento che come velocità e carico aerodinamico. Noi potremmo essere avvantaggiati nelle curve medie e veloci, ma sarà una bella lotta perchè so che molti degli avversari portano grossi aggiornamenti".

Da Silverstone - Stefano De Nicolo' 

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies