F1 | Alla scoperta del Brasile, il gigante del Sud America

Info e curiosità

Visitare il Brasile rappresenta sicuramente un sogno per molti, e farlo durante il week-end del Gran Premio può essere un'occasione utile per unire alla passione per i motori la possibilità di vivere un'esperienza indimenticabile. La gara negli ultimi anni è sempre più slittata verso il mese di novembre, un periodo caratterizzato da un clima piacevole ma che può comunque portare improvvisi acquazzoni.

 

Trovandosi difatti all'emisfero opposto rispetto all'Europa, l'inverno brasiliano va da metà giugno alla metà di settembre circa. La terra del samba è il quinto Paese più grande del mondo, e possiede una straordinaria varietà di meraviglie naturali e culturali, dalle città costiere alle immense foreste pluviali, fino alle spettacolari cascate ed ai numerosi luoghi divenuti patrimonio Unesco.

Anche se il circuito di Interlagos sorge alla periferia di San Paolo, una visita a Rio De Janeiro è ovviamente d'obbligo: la statua del Cristo Redentore, la vista dalla vetta del Po de Aucar, le celebri spiagge di Copacabana e Ipanema e la movimentata vita notturna rappresentano solo alcuni dei motivi che giustificano un soggiorno in questa metropoli. Il tutto senza dimenticare altre chicche imperdibili, come le cascate di Iguazu (le quali si estendono su un fronte di oltre 3 km), il Pantanal (luogo privilegiato per l'osservazione della fauna selvatica) e alcune città come Paraty, Ouro Preto e Salvador de Bahia.

Per quanto riguarda, invece, il week-end di gara, il tracciato brasiliano sorge nel sobborgo di Interlagos, a circa trenta chilometri dal centro cittadino. San Paolo è una metropoli di oltre 11 milioni di abitanti, anche se la sua regione metropolitana conta ben 20 milioni di residenti, facendone sotto questo punto di vista la terza area più popolosa del mondo. Essa è la città più multiculturale del Brasile, con una folta rappresentanza di italiani, la cui comunità è storicamente la più numerosa. San Paolo, oltre ad essere il principale centro finanziario dell'America Latina, possiede un'ampia rete di teatri, locali per spettacoli, palcoscenici, istituti di formazione, musei e gallerie d'arte.

Essa ha dato alla luce numerosi protagonisti del mondo della Formula 1: da Ayrton Senna ad Emerson Fittipaldi, da Felipe Massa a Rubens Barrichello, fino a Carlos Pace alla cui memoria è intitolato il tracciato. Nonostante il calcio rappresenti indiscutibilmente lo sport nazionale (prova ne è stata la passione mostrata durante il Mondiale 2014) il popolo brasiliano ha una grande passione per i motori, la quale ha raggiunto il proprio apice durante il periodo di Ayrton Senna: ma ancora oggi, seguire dalle tribune il Gran Premio del Brasile rappresenta un'occasione unica per immergersi nell'atmosfera della torcida brasiliana.

 

Per info e biglietti, clicca sulla bandiera sottostante:

 La location:

 

Marco Privitera

 

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies