Formula E | Buemi domina l'appuntamento di Monaco

Formula E

È stato il sabato di Sebastien Buemi. Lo svizzero della Renault e.Dams ha letteralmente dominato l’appuntamento di Monaco e dopo aver marcato le migliori prestazioni nelle prove libere e in qualifica, conquistandola pole, si è confermato anche in gara conquistando l’ePrix nella splendida cornice del Principato. Un successo, il quarto in stagione, che permette a Buemi di consolidare la leadership iridata, aumentando il vantaggio su Lucas Di Grassi (giunto 2°) salito ora a 15 punti. Ad occupare il gradino più basso del podio c’è Nick Heidfeld, che ha preceduto Nelson Piquet jr autore di un incidente con Jean Marie Vergne, costato il ritiro a quest'ultimo. Guadagna un punticino Nicolas Prost, arrivato 10° e costretto alla rimonta dopo l’errore commesso in qualifica che lo ha fatto partire dalla piazzola numero 19. 

LA GARA. Allo spegnimento dei semafori Buemi mantiene la leadership, seguito da Di Grassi. Alla Santa Devota ci sono diversi contatti nel gruppo ma senza alcun incidente. Stéphane Sarrazin, complice un problema tecnico in partenza, rimane fermo in griglia scivolando al 20° e ultimo posto. Giro dopo giro Buemi riesce a incrementare il vantaggio su Di Grassi, mentre nel corso dell’ottava tornata Sam Bird va a toccare violentemente contro le barriere interne all’uscita delle Piscine: l’inglese è costretto a rientrare ai box con i suoi meccanici costretti agli straordinari per rimetterlo in pista. Successivamente impazza la battaglia per la sesta posizione che vede protagonisti Maro Engel e Felix Rosenqvist, con quest’ultimo che tocca per ben due volte il posteriore della Venturi del rivale nell’arco di pochi giri, mentre Abt, superato Frinjs si mette alla caccia di Engel e Rosenqvist.

Vivace è anche la lotta per la terza posizione tra Piquet jr e Vergne, con il driver della scuderia Techeetah che al 20° giro cerca l’affondo sul brasiliano figlio d’arte subito dopo la chicane del Porto. I due vengono a contatto, ad avere la peggio è Vergne costretto al ritiro mentre Piquet prosegue ma deve cedere la posizione ad Heidfeld. Inevitabile l’ingresso della Safety Car, con i piloti che approfittano della neutralizzazione per effettuare il consueto cambio vettura.

Dopo la ripartenza (giro 25) non avviene nessun cambiamento, con Buemi che mantiene la testa seguito dal resto del gruppo. Non mancano guai per alcuni piloti, Lopez, D’Ambrosio, Bird, Sarazin e Duvall, che sono costretti a transitare dai box. Buemi intanto riesce, grazie all’ausilio del fanboost, ad aumentare il gap su Di Grassi, ma il brasiliano del team ABT Audi non si da per vinto e riesce ad azzerare lo svantaggio dallo svizzero nell'ultimo stint di gara. Nonostante i pochi decimi di differenza tra i due, Di Grassi non riesce ad impensierire seriamente  Buemi che taglia così il traguardo in prima posizione. Più staccato Heidfeld che festeggia il suo 40° compleanno (il tedesco ha compiuto gli anni mercoledì) con un ottimo podio. Quarto Piquet jr che precede Engel, Rosenqvist e Abt. Dei problemi rallentano Frijns nell’ultimo giro, con il pilota olandese dell’Andretti che scivola dall’8° al 12° posto uscendo dalla zona punti. Esteban Gutierrez (8°), Antonio Felix Da Costa (9°) e Prost (10°) completano la Top Ten.

La Formula E resta in Europa e tornerà in pista già il prossimo fine settimana per l’ePrix di Parigi in programma sabato 20 maggio. 

 

Piero Ladisa 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies