F1 | GP Italia, buona la prima per il F1 Milan Festival

Eventi e notizie

Ha preso il via l'aperitivo milanese (... del resto esistono posti migliori di Milano per fare un "ape"?) al Gran Premio d'Italia 2018 di Formula 1, il F1 Milan Festival, kermesse esclusiva (visto che fino ad oggi solo pochissime location selezionate hanno avuto l'onore di ospitare l'evento) ideata da Liberty Media e fortemente voluta dalla città di Milano. La possibilità di vedere da vicino le Formula 1, i piloti e "le vetture più belle del mondo" sulle strade che frequentiamo ogni giorno, ha fatto sì che scattasse l'alchimia giusta con i tifosi, accorsi in migliaia nel capoluogo lombardo per assistere all'evento.

Ieri i piloti Ferrari, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, con le line-up dell'Alfa Romeo Sauber (Charles Leclerc e Marcus Ericsson) e Toro Rosso (Pierre Gasly e Brendon Hartley) hanno dato il via al Formula 1 Milan Festival, che si sta svolgendo in quel di Milano, zona Darsena. Il pomeriggio è stato introdotto da un meet and greet con i piloti, seguito dall'esibizione di vetture storiche sul tracciato di tre chilometri allestito appositamente per la kermesse. In un'atmosfera molto più rilassata del solito è stato possibile vedere i piloti in azione, ma soprattutto sentire Maurizio Arrivabene, team principal della Ferrari, incitare il pubblico per la gara di domenica e dichiarare di "non garantire niente... sapete quello che intendo", sentendo in generale la responsabilità di far bene, ma soprattutto in Italia per fare un regalo ai tifosi di casa.

Curiosamente, per l'esibizione delle Formula 1 sul tracciato intorno a Piazza XXIV Maggio in Ferrari hanno deciso di far scendere la SF71-H attualmente impegnata nel Mondiale, mentre in Sauber hanno optato per il modello C32 del 2013 riverniciato con la livrea Alfa Romeo, vistosamente differente nelle forme e nel sonoro dalle vetture attuali. Per la gioia del pubblico c'è stato spazio per accelerazioni, frenate, tondi con tanto di fumo dalle gomme e... una piccola imprecisione di Sebastian Vettel, che ha danneggiato il musetto della vettura in una curva piuttosto stretta (nulla a che vedere con altre esibizioni cittadine che hanno "lasciato il segno" come quella di Kamui Kobayashi qualche anno fa).

Come abbiamo visto, la risposta del pubblico è stata molto calda e l'evento (poi continuato con le simulazioni di pit-stop e la musica dal vivo) non è sfuggito ai social media, dove l'hashtag #F1MilanFestival (o similari) ha spopolato facendo il pieno di contenuti. Sfortunatamente, il clou degli eventi si è esaurito nella giornata di ieri, ma le attività del Festival (ricordando che l'ingresso è gratuito) continueranno fino al primo Settembre: andando in Darsena, sarà possibile visitare gli stand, assistere a DJ-set e a giochi di luce o godersi sul maxi-schermo le prove libere e le qualifiche del Gran Premio d'Italia.

Luca Colombo

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies