In concomitanza con il Gran Premio di Singapore sono stati svelati, con una presentazione curata e tenuta da Ross Brawn, i concept delle Formula 1 che correranno dal 2021 in poi. Le parole "stile" e "sostanza" riassumono bene la visione della Formula 1 futura dell'attuale dirigenza e si possono ben vedere nelle prime immagini renderizzate diffuse e soprattutto nei primi disegni concettuali presentati, oggetto del nostro approfondimento.

Dopo la stagione europea il Circus della Formula 1 approda in Asia, e per l’esattezza sul cittadino di Singapore: non può esserci circuito così diametralmente opposto rispetto a quello di Monza, lento e tortuoso, composto da ben ventidue curve. Le monoposto sfoggeranno ali da alto carico già viste a Montecarlo o Budapest per cercare di generare deportanza sia sull’asse anteriore, per migliorare la direzionalità, che sul posteriore, per migliorare la trazione in uscita dalle curve.

La Formula 1 si appresta a lasciare il vecchio continente, ma gli occhi sono proiettati già verso il futuro e, nello specifico, al 2019 quando assisteremo ad una piccola rivoluzione aerodinamica riguardante, soprattutto, gli alettoni anteriori e posteriori. Queste modifiche sono state studiate per ridurre le turbolenze quando si viaggia in scia e, quindi, facilitare le manovre di sorpasso in fondo ai rettilinei. Ovviamente i dati sono del tutto teorici quindi, per vedere la reale efficacia, bisogna attendere i primi test se non, addirittura, le prime gare della prossima stagione.

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies