Trofeo Super Cup | Mosca e Rossetti mattatori nella quinta tappa a Magione

Trofeo Super Cup

E' stato un week-end ricco di adrenalina ed emozioni quello andato in scena sull'Autodromo dell'Umbria di Magione, per il quinto appuntamento stagionale del Trofeo Super Cup. Il campionato organizzato dall'A.S.D. Italia Corse è infatti tornato in pista dopo la pausa estiva in grande stile, con oltre quaranta vetture presenti ai nastri di partenza e suddivise in due schieramenti. Le gare hanno visto per quanto riguarda la 1° Divisione il dominio della Megane Trophy di Andrea Mosca, mentre ad imporsi in entrambe le manche della 2° Divisione è stato Luca Rossetti al volante della Mini Cooper s.

Prima Divisione. La giornata si è aperta con una leggera pioggia che ha condizionato lo svolgimento della sessione di qualifica. Su un asfalto particolarmente insidioso, a svettare è stato Andrea Mosca (Renault Megane Trophy) con il crono di 1:23.481, precedendo per meno di quattro decimi la BMW M3 di Riccardo Fumagalli. A seguire Regni (Porsche 997 GT3 Cup), Caprioni (Seat Leon 24h), Valentini (Leon Supercopa) e Gioffré (Megane Trophy). La gara ha visto sin dalle battute iniziali il predominio di Mosca, capace di imporre il proprio ritmo sugli avversari, mentre alle sue spalle Gioffrè era autore di una bella rimonta dopo qualifiche difficili. Il pilota del team Clg Bloise Motorsport riusciva nelle battute finali ad avere la meglio nei confronti di Massimo Regni, conquistando così il secondo posto nell'assoluta alle spalle della vettura gemella e davanti a Fumagalli, abile nell'approfittare della bagarre dinnanzi a sé. Per quanto riguarda le singole classi, ad imporsi nella Turismo 1 era lo stesso pilota del team Zerocinque Motorsport, mentre a salire sul gradino più alto del podio vi erano anche Stefano Valli (WTCC), Mauro Cesari (E2 Shilouette), Luli Del Castello (Turismo 2), Giulio Bellucci (E1 2.0) e Patrick Bellezza (Cayman Cup).

La seconda manche recitava il medesimo copione per quanto riguarda la leadership della gara, con Mosca autorevolmente al comando sin dalle prime battute, in una fuga facilitata anche dal contatto tra Alberto Fumagalli e Massimo Regni avvenuto alla prima curva, il quale rendeva necessario l'intervento della Safety Car. Sotto la bandiera a scacchi, il pilota del team Zero Racing precedeva Fabrizio Caprioni e Stefano Valli, i quali salivano quindi sul podio della classifica assoluta. I due avevano di conseguenza la meglio rispettivamente nelle classi Turismo 1 e WTCC, mentre ad imporsi nella classe Turismo 2 era nuovamente Luli Del Castello davanti a Valentini e al padre Roberto Del Castello (BMW M3 E36), con Mauro Cesari al top nella E2 Shilouette (nonostante un problema tecnico verificatosi all'ultimo giro), Giulio Bellucci nella E1, Patrick Bellezza nella Caman Cup ed il vincitore assoluto Mosca davanti a Gioffré nella GT 3.6.

Seconda Divisione. Ad ottenere la pole era il rientrante Luca Rossetti, il quale svettava a bordo della sua Mini Cooper s con il crono di 1:21.777 in condizioni di pista asciutta, precedendo le Clio RS Cup di Fabrizio Tablò e Massimo Massaro. Gara-1 si rivelava un monologo firmato da Rossetti, il quale transitava sul traguardo precedendo un terzetto di Clio capitanato da Tablò davanti a Rogari e Massaro, con la Seat Ibiza di Alessandro Leopardi in quinta piazza assoluta. Nelle singole classi, oltre al successo di Rossetti nella Turismo 3 e di Tablò nella Clio RS Cup, da registrare anche il trionfo di Matteo Bommartini (Honda Civic) nel Gruppo A 1.6, quello di Massimo Di Ferdinando nel Gruppo N 1.4, di Ivan Fabris nella 1.4 Racing Start, di Andrea Bonifazi nella Racing Start 1.6, di Eliseo Cruciani nella Saxo Cup ed infine di Michele Febbraro nella Classe Turismo 4.

La seconda manche vedeva subito una carambola al via che vedeva coinvolte numerose vetture: a farne le spese erano soprattutto Di Ferdinando, Cavaliere e Accorsi, subito costretti al ritiro. Dopo il rientro ai box della Safety Car, Luca Rossetti metteva a segno un'altra cavalcata solitaria, precedendo nuovamente Tablò e la vettura gemella di Fausto Flavi (Team Cipierre). Rispetto alla prima prova, da segnalare i successi dell'ucraino Paulo Kopylets nel Gruppo A 1.6 e di Fausto Amendolagine nel Gruppo N 1.4, con il giovane Pietro Fabris a salire sul gradino più alto del podio nella 1.4 Racing Start.

Giordano Giovannini (promoter Trofeo Super Cup): "E' stata una grande emozione vedere un paddock completamente riempito dalle vetture del nostro campionato. Abbiamo assistito a delle gare molto belle, combattute e ricche di colpi di scena, nel pieno stile del Trofeo Super Cup. Torneremo a Magione con la Winter Super Cup, per un doppio appuntamento in programma il 12 Novembre e il 3 Dicembre, ma prima ci concentreremo sul finale di stagione ed in particolar modo sul prossimo appuntamento nel prestigioso palcoscenico di Monza".

Sarà infatti l'autodromo brianzolo ad ospitare il sesto e penultimo round del Trofeo Super Cup, con i motori che torneranno ad accendersi nel week-end del 29-30 Settembre per la sfida in uno dei templi dell'automobilismo mondiale.

 

Per lasciare il tuo commento è necessario registrarsi nel form "login" presente a fondo pagina oppure nella home page. Grazie!

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies