Se ci fosse stato un copione per la conclusione del Campionato Italiano Gran Turismo nessuno avrebbe mai potuto pensare di scrivere un finale come quello andato in scena sul circuito del Mugello. Ma fortunatamente, a volte, la realtà supera la fantasia. Alex Zanardi trionfa nell’ultima gara dell’anno del Campionato Italiano Gran Turismo ed è festa grande sotto il podio toscano. Un finale di stagione che ha incoronato i campioni italiani al fianco di uno dei più grandi campioni della storia dello sport.


Sono Mirko Venturi e Stefano Gai (Ferrari 488) i vincitori del Campionato Italiano Gran Turismo classe Super GT3, al termine di una gara molto combattuta e vinta da Alex Zanardi (BMW M6 GT3) davanti a Melo-Schirò (Ferrari 488) e Mapelli-Vanthoor (Audi R8 LMS). Il titolo italiano della classe GT3, invece, è andato a Leo-Cheever (Ferrari 458 Italia) che hanno concluso al terzo posto alle spalle di Postiglione-Barri (Lamborghini Gallardo) e Bontempelli-Casè (Ferrari 458 Italia), mentre Zonzini-Russo (Audi R8 LMS) penalizzati dalla foratura di un pneumatico si sono classificati settimi. In classe Super GT Cup titolo tricolore per il brasiliano Nicolas Costa sulla Lamborghini Huracan della Vincenzo Sospiri Racing. Il brasiliano, cresciuto nelle formule propedeutiche della federazione, ha chiuso con una doppietta la sua cavalcata trionfale.

È Davide Uboldi il nuovo Campione Italiano Sport Prototipi. Grazie alla vittoria in gara 1 ed al secondo posto di gara 2, il pilota della Ligier di Eurointernational conquista il suo quinto titolo tricolore e quarto di categoria davanti Walter Margelli, generoso rivale per l’intera stagione sulla Norma di Nannini Racing con la quale è secondo di gara 1 e dominatore di gara 2. Sul podio del Mugello anche Filippo Vita sulla Osella della Progetto Corsa e Ranieri Randaccio, terzo di Campionato sulla Norma della S.C.I..

L’ultima gara della Porsche Carrera Cup Italia ha visto il successo di Mattia Drudi che così si conferma al secondo posto nella classifica finale alle spalle del francese Come Ledogar, già vincitore assoluto con una gara di anticipo. Alle spalle del pilota del Dinamic Motorsport hanno concluso Daniele Di Amato e Alessio Rovera, quest’ultimo terzo in campionato. La Coppa Michelin, riservata ai piloti gentleman, è stata conquistata da Alex de Giacomi che in classifica generale ha preceduto Marco Cassarà.

L’italiano Cosimo Barberini il vincitore dell’edizione 2016 del Trofeo Abarth Selenia, che ha regalato spettacolo grazie alle prestazioni delle Abarth 695 Assetto Corse Evoluzione. Nell’ultimo appuntamento, sul circuito del Mugello, Barberini ha ottenuto il secondo posto nella prima gara, vinta dal compagno di squadra Alex Campani, che gli ha permesso di aggiudicarsi il titolo con una manche d’anticipo. Libero da condizionamenti di classifica, Barberini ha suggellato il successo in campionato vincendo Gara2.

Andrea Fontana vince ancora ed è Campione nell’F.2 Italian Trophy. Il pilota bellunese ha chiuso al meglio una cavalcata trionfale infilando l’undicesima vittoria stagionale davanti a Paolo Brajnik e ad Alessandro Bracalente suo diretto avversario nella corsa al titolo. La sfida tra i due si è conclusa solamente sotto l’ultima bandiera a scacchi della stagione dopo un’annata di grande successo per la serie riservata alle monoposto.

 

Sono Roberto Colciago e Alberto Bassi i primi Campioni Italiani del 2016. Il pluri-campione italiano sulla Honda si laurea campione con una gara d’anticipo, mentre il milanese, sulla Seat Leon ST, si è laureato sabato campione in classe TCS, nel Campionato Italiano Turismo. Sul circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari vittorie per Bortolotti – Mul nel tricolore Gran Turismo, Van Uitert e Sato in Formula 4 e di Alberto Viberti nel Campionato Italiano Turismo. Tutti rimandati i verdetti finali agli appuntamenti del Mugello il 16 ottobre e Monza, il 30 ottobre.

Il weekend di Vallelunga dell'Italian F4 Championship Powered by Abarth si è concluso con gara-2 e gara-3 svoltesi questa mattina e oggi pomeriggio. A trionfare nella mattinata è stato Mick Schumacher, il quale ha preceduto il compagno di scuderia Juri Vips, il brasiliano del team Di&Gi Motorsport Giuliano Raucci e il nostro Diego Bertonelli. Per quanto riguarda gara-3, invece, a conquistare il successo è stato Juan Manuel Correa, davanti ad uno Schumacher in rimonta dal decimo posto e a Kush Maini.

Due gare molto spettacolari hanno concluso al Mugello Circuit il 4° appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo. Nella classe Super GT3 si sono imposti Bortolotti-Mul (Lamborghini Huracan-Imperiale Racing) davanti alla BMW M6 GT3 di Comandini-Cerqui (BMW Team Italia) e alla Ferrari 488 GT3 di Venturi-Gai (Black Bull Swisse Racing). Nella classe GT3 sono saliti sul gradino più alto del podio i fratelli Luca e Nicola Pastorelli (Posche GT3R-Krypton Motorsport) che hanno preceduto le Ferrari 458 Italia di Galassi-Tempesta (Team Malucelli) e di Leo-Cheever (Scuderia Baldini 27).

Ad Imola è andato in scena il penultimo appuntamento dell'Italian F4 Championship Powered by Abarth. A firmare la propria prima doppietta nella serie è stato l'olandese Job Van Uitert, il quale è stato capace di portarsi a casa la vittoria in gara-1 e gara-2. Per quanto riguarda gara-3, invece, ad imporsi è stato il giapponese del team di Vincenzo Sospiri, Marino Sato. Fine settimana da dimenticare per il figlio d'arte Mick Schumacher, il quale nella prima manche non è entrato in zona punti dopo il drive-through a causa della partenza anticipata. Stessa sorte per il leader del campionato Siebert sempre in gara-1.

Sul circuito di Vallelunga è partito il quinto appuntamento dell'Italian Formula 4 Powered by Abarth, con gara-1 che ha inaugurato il weekend sul tracciato che sorge nei pressi di Roma. La scelta delle gomme è stata determinante per la prima delle tre manche in programma, poichè proprio a pochi minuti dal giro di formazione è cominciato a piovere e la partenza è stata posticipata. A trionfare su una pista a tratti asciutta e a tratti ancora bagnata è stato il messicano Raul Guzman, seguito dal compagno di squadra Artem Petrov e da Mick Schumacher.

Sul circuito del Mugello sono andate in scena gara-2 e gara-3 del quarto appuntamento stagionale dell'Italian F4 Championship. A trionfare nella prima delle due manche di giornata è stato l'alfiere del team DieGi Motorsport Giuliano Raucci, il quale ha ereditato la testa della gara da Juan Manuel Correa e Mick Schumacher, autori di un contatto ad inizio gara. Il figlio d'arte infatti, tentando di sorpassare il compagno di scuderia alla staccata della San Donato, ha toccato l'americano facendo sì che lui stesso e Correa terminassero la propria corsa nella ghiaia. Dunque prima vittoria per il brasiliano, davanti al nostro Diego Bertonelli e all'estone Juri Vips.

Altri articoli...

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies