Attraverso un comunicato diffuso poco fa, il team Williams ha annunciato uno dei suoi piloti per il 2019. Si tratta di George Russell, attuale leader della classifica di Formula 2 e principale candidato alla vittoria finale del campionato, che in sole tre stagioni andrà a compiere così il salto dalla GP3 Series alla Formula 1. Con questa notizia sono così già due i piloti della categoria cadetta promossi nella massima serie.

Il decadente finale di stagione della Ferrari ha registrato il suo punto più basso proprio nella gara di Suzuka, che condita da errori in pista e del muretto ha di fatto consegnato a Lewis Hamilton il match point per conquistare il campionato già ad Austin. Mentre si aspetta di chiudere una stagione - ancora una volta - da dimenticare, a Maranello si respira un'aria da resa dei conti che potrebbero arrivare al termine del campionato.  

Il tonfo Ferrari nel Gran Premio del Giappone è di quelli che tolgono il fiato e tagliano le gambe. Quinto posto di Raikkonen davanti a Vettel, autore di una buona rimonta nelle prime fasi e protagonista di un testacoda nel sorpasso su Verstappen ed episodio che farà molto discutere. Le Rosse chiudono dietro le due Red Bull, mentre la vittoria di Hamilton con doppietta Mercedes chiude il mondiale e impone riflessioni, mea culpa, e forse qualche cambiamento. 

Al termine del week-end appena trascorso si è assistita ad un'altra debacle da parte della Ferrari, che va via dalla Russia soltanto con un terzo gradino del podio rimediato da Sebastian Vettel, che vede salira ora a 50 punti il margine sul leader del mondiale Lewis Hamilton. Una sconfitta che mette quasi fuori dai giochi dunque il tedesco, che potrebbe portare addirittura il team principal ferrarista Maurizio Arrivabene a lasciare il timone per iniziare una nuova avventura nel mondo del calcio, come amministratore delegato della Juventus.

"Questo è il più bel tracciato del mondo, non so perché non costruiscano più circuiti così, ogni secondo della corsa è stato divertente". Con queste parole Lewis Hamilton festeggia la vittoria nel Gran Premio del Giappone, in una gara dominata dallo spegnimento delle luci rosse fino alla bandiera a scacchi, dove nulla sembra avere impensierito o rallentato la marcia dell'inglese che, con la quarta vittoria di fila in campionato, estende in maniera decisa il suo vantaggio nel mondiale Piloti, avvicinandosi al quinto Titolo iridato.

Disastro Ferrari nella Qualifica del Gran Premio del Giappone. Con condizioni meteo incerte il muretto perde la bussola e manda in pista i due piloti con gomme intermedie. Scelta suicida che, complici gli errori di Sebastian Vettel con pista ormai troppo umida, relegano il tedesco in nona posizione lontano anni luce da Lewis Hamilton che conquista la pole position numero 80 della carriera. Quarto posto per Kimi Raikkonen alle spalle di Valtteri Bottas e Max Verstappen. 

Max Verstappen guida la pattuglia degli 'altri', che alle spalle di Ferrari e Mercedes hanno fatto gara a sè. Vigorosa la rimonta dell'olandese che, scattato ultimo, risale fino alla prima posizione, che mantiene fino agli ultimi giri, prima di fermarsi per il suo pit stop. Menzioni d'onore anche per Daniel Ricciardo (sesto), anche lui scattato dal fondo, e Charles Leclerc ottimo settimo con una Sauber sempre più in forma.

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies