Quello di Singapore è stato sicuramente uno dei weekend più movimentati di questa stagione 2017. Iniziato con i tanto attesi annunci di mercato, il circuito di Marina Bay è stato il teatro in cui è andato in scena il disastroso zero in classifica della Ferrari, oltre che l’inaspettata vittoria di Lewis Hamilton. Tralasciando però questi episodi tanto discussi, un’altra protagonista della corsa domenicale è stata senza ombra di dubbio la Renault, che ha “rischiato” il podio con Nico Hulkenberg, e piazzato Jolyon Palmer in zona punti.

La sciagura in partenza al Gran Premio di Singapore spegne le velleità di vittoria che la Ferrari coltivava dopo la gran pole position di Sebastian Vettel; si attendeva il recupero e il contro sorpasso su Hamilton mentre invece le speranze iridate naufragano dopo il trionfo dell'inglese che vola a +28 in classifica. 

Il weekend del Gran Premio di Singapore si è aperto con tre ufficialità importanti. Due delle quali hanno avuto come protagonista la Toro Rosso: una in uscita, riguardante l’approdo di Carlos Sainz in Renault a partire dalla prossima stagione e una in entrata, con l’annuncio pluriennale dell’accordo con la Honda che fornirà a Faenza le power unit a partire dal 2018. Archiviato l’ultima infelice esperienza con la McLaren, il motorista nipponico prosegue la propria esperienza nel Circus abbracciando una nuova sfida che la vedrà al fianco della Toro Rosso. Un accordo, quello con il team faentino, che qualora dovesse dare esiti positivi in pista, potrebbe essere il preludio a una partnership futura con Red Bull, in quanto Renault sembrerebbe disposta a tagliare i ponti con Milton Keynes dopo il 2018.

Sembra ormai eesere stata raggiunta l’intesa tra McLaren e Honda per quel che riguarda la rescissione del contratto che lega la scuderia inglese alla casa nipponica, fornitrice delle power unit dalla stagione 2015. La voce era ormai nell’aria, ma secondo le testate inglesi Autosport e Motorsport (molto "vicine" ai vertici del team di Woking) mancherebbe solo l'annuncio ufficiale relativo all'accordo con Renault per la fornitura dei propulsori a partire dalla prossima stagione. Questo contratto, inoltre, potrebbe portare non pochi risvolti nel Circus, soprattutto dal punto di vista del mercato piloti.

Sono state fra le più avvincenti di tutta la stagione le qualifiche del Gran Premio di Singapore. Sul tortuoso tracciato asiatico infatti, la pole position si è giocata sul filo dei millesimi fra ben quattro piloti, con Sebastian Vettel che alla fine l'ha spuntata su un’agguerritissima Red Bull apparsa davvero in grande spolvero. Sessione difficile invece per Mercedes, con Hamilton e Bottas ad occupare soltanto la terza fila dietro a Kimi Raikkonen e parecchio distanti dalla vetta.

La notizia era nell’aria già da qualche settimana e nell'ambiente lo sapevano praticamente tutti. Mancava solo l’ufficialità, che è finalmente arrivata quando è in pieno svolgimento il weekend del GP Singapore: dalla prossima stagione, il team McLaren divorzierà da Honda e sarà equipaggiato dalle Power Unit Renault, la quale a sua volta libererà il team Toro Rosso per lasciarlo ai motoristi giapponesi.

Nel dominio Mercedes del Gran Premio d'Italia c'è un po' di tutto: dimostrazione di forza, delusione sportiva, un campionato riaperto, una folla festosa ma al tempo stesso delusa. I tifosi della Ferrari tornano a casa con la magra consolazione di aver visto Sebastian Vettel salire sul podio, senza però poter mai tentare di fare qualcosa di più in una gara piuttosto noiosa, breve e poco avvincente. 

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies